La Dolce Vita torna a vivere a Castel Romano: inaugurata la mostra di Rino Barillari

E' stata inaugurata nella serata del 6 giugno la mostra del "King dei paparazzi" alla presenza di amici e divi del mondo dello spettacolo. Da Sandra Milo a Paolo Conticini, da Vanessa Gravina a Sabrina Marciano, tutti a celebrare la Dolce vita e gli anni ruggenti di Barillari

E' stata inaugurata nella serata del 6 giugno, a Castel Romano Designer Outler, la mostra "Rino Barillari - 40 scatti della mia Dolce Vita” curata dalla giornalista  Antonella Piperno e in cartellone fino al 31 agosto.

Presente all'inaugurazione il protagonista assoluto Rino Barillari che ha ripercorso, davanti ad una gremita platea, quel tempo "incredibile", in cui non esistevano i telefonini e i divi lo erano davvero. Il re dei paparazzi ha raccontato aneddoti e curiosità dei suoi 60 anni di carriera, dedicando al grande amico Pietro Coccia - recentemente scomparso - il riconoscimento ricevuto dal Centre Manager di Castel Romano Enrico Biancato.

Presenti alla Castel Romano, anche Sandra Milo, Paolo Conticini, Vanessa Gravina, Sabrina Marciano e Livio Beshir.

Gli anni ruggenti del King dei paparazzi

Era l'epoca dei tubini, dei raffinati tre giri di perle, dei foulard. Erano i tempi, molto romani e molto glamour, della Hollywood sul Tevere, di Audrey Hepburn, Ava Gardner, Grace Kelly e di dive del cinema nostrano come Sophia Loren, Monica Vitti, Claudia Cardinale che tentate dallo shopping impreziosivano via Condotti, Piazza di Spagna, via Veneto e Piazza del Popolo. 

Erano gli anni ruggenti di Rino Barillari, il “King dei paparazzi” (copyright del maestro Federico Fellini) che con il suo instancabile e ineguagliabile lavoro ha saputo cogliere l’essenza della Dolce Vita restituendoci sguardi, sorrisi, raffinati outfit, reazioni scomposte delle star allergiche ai flash e particolari di moda destinati a durare per sempre. Scatti rubati, forse… ma l’eleganza e il portamento dei divi nazionali e di quelli d’oltreoceano di quegli anni restano un riferimento indispensabile per chi, di moda, ci vive.

McArthurGlen ha scelto di ospitare quelle meravigliose icone nel suo Designer Outlet di Castel Romano, a pochi chilometri dalla Via Veneto della Dolce Vita. A testimonianza del suo amore sconfinato per la città eterna e di quello stile intramontabile, che ancora oggi ispira le grandi firme.

Siamo particolarmente orgogliosi di questo progetto – ha dichiarato Enrico Biancato, Centre Manager di Castel Romano Designer Outlet ancora oggi ci sono tracce evidenti dello stile della Dolce Vita nelle nostre vetrine, segno che quegli anni hanno lasciato una scia indelebile nella moda. Rino Barillari ci ha regalato 40 storie dei protagonisti e del glamour di quegli anni indimenticabili, nella cornice di una Roma meravigliosa”.

La mostra

La mostra “Rino Barillari, 40 scatti della mia Dolce Vita” organizzata da McArthurGlen e in cartellone a Castel Romano Designer Outlet dal 6 giugno al 31 agosto, è il risultato di una selezione “sentimentale” dallo sterminato archivio di Rino Barillari. Foto in bianco e nero che immortalano la magia di star americane come Frank Sinatra, dive nostrane come Anna Magnani, protagonisti del varietà come Raffaella Carrà e teste coronate di passaggio nella Capitale come la spendida Grace Kelly. Scatti e anni da incorniciare, che, come raccontano i preziosi testi di Antonella Piperno, giornalista e scrittrice, dal punto di vista della moda hanno lasciato un’impagabile eredità, tramandandoci il transgenerazionale tubino nero, gli occhialoni da diva, il maglioncino a collo alto immortalato nella "Dolce Vita" di Fellini e subito diventato “il dolcevita”, un evergreen che ha attraversato baldanzosamente i decenni, indossato oggi dalle influencer e ovviamente postato su Instagram.

L’incredibile carriera di Rino Barillari, oggi 74 anni, è ricca di oltre tre milioni di fotografie e costellata da 166 ricoveri al pronto soccorso, 11 costole rotte, una coltellata, 76 macchine fotografiche e 40 flash fracassati da chi non gradiva i suoi scatti. Celebrato con il progetto “The King of paparazzi”, composto da una mostra al Maxxi, un libro biografico e dal film di Massimo Spano e Giancarlo Scarchilli, per il quale il fotografo ha vinto il Premio speciale come “protagonista dell’anno” ai Nastri d'Argento Documentari, Barillari non poteva certo immaginare il suo futuro ricco di fama quando, in cerca di fortuna, si trasferì a Roma alla fine degli anni Cinquanta. Aveva solo 14 anni, era partito dalla sua Limbadi, in Calabria e appena arrivato dormiva sotto le stelle, nel parco di villa Borghese. 

Due i suoi mantra personali: “Dio ti vede, Barillari pure” e “Privacy? per me vuol dire provaci”.

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Sciopero a Roma: mercoledì 24 luglio a rischio bus, metro e tram. Gli orari

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

Torna su
RomaToday è in caricamento