La piccola Londra di Roma: alla scoperta del "Vialetto" del Flaminio

Frammento urbanistico fuori dal tempo, è via Bernardo Celentano

Quanto sei bella Roma, canta Venditti, ed effettivamente anche per chi Roma la vive ogni giorno questa non smette mai di stupire, con i suoi scorci, le sue vedute e anche le piccole peculiarità.

All'improvviso tra gli alti palazzi borghesi di Viale del Vignola e quelli di Via Flaminia, dietro un cancelletto aperto,si apre una stradina percorribile solo a piedi: è via Bernardo Celentano, meglio conosciuta come la Piccola Londra.

La stradina è composta da due file di villette strette strette tra loro, con cancelli in ferro e portoni in legno che, per colori e forme, ti catapultano in una versione in miniatura di Notting Hill,  ma con i sanpietrini a terra.  

Le graziose villette in stile "old england", che si estendono per circa 200 metri, rappresentano un frammento urbanistico fuori dal tempo e sono depositarie di una storia tutta loro. Nel 1909 era stato eletto sindaco di Roma Ernesto Nathan, anglo-italiano, cosmopolita, mazziniano, anticlericale il cui sogno era portare Roma al livello delle grandi capitali europee. Appena eletto riuscì a fare approvare un piano regolatore, sottratto alla speculazione edilizia, per cui i fabbricati non dovevano essere più alti di 24 metri e i villini non superare i 2 piani ed avere piccoli cancelli di ferro.

Queste indicazioni furono accolte con evidente entusiasmo da Quadrio Pirani, architetto che ha progettato la piccola Londra.  Inizialmente erano destinate agli alloggi degli alti funzionari, quando Roma divenne capitale d'Italia. Ad oggi ne resta un romantico scorcio testimone delle mutazioni che ha subito Roma all'inizio del 1900.

La strada incantanta, sebbene sempre suggestiva e apparentemente lontana dal caos cittadino, risente del passare del tempo. Alcune facciate non sono più perfettamente integre e i residenti si contendono una diatriba relativa al considerare o meno la strada pertinenza dei palazzi, e quindi chiuderla totalmente al passaggio, anche pedonale. 

"Prima era una zona più popolare, i bambini giocavano in strada e scrivevano con i gessetti a terra. Ad oggi è diventata una zona solamente d'elite", racconta con un tono leggermente nostalgico Franco residente in via Celentano dagli anni 60. "Prima erano villini cosifatti fino a Via Donatello.  Ad oggi è rimasto quasi intatto solo il nostro "Vialetto", dice sorridendo il signor Franco che conclude "a noi residenti è così che piace chiamarlo e non Piccola Londra".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • L'architettura di Roma dei primi del novecento, dal liberty al barocchetto romano,dovrebbe fare riflettere architetti ed ingegneri. Chi mai tra 100 anni andrà a visitare Porta di Roma o il cosidetto Rione Rinascimento a Talenti? Nessuno! Il bello a Roma pare essersi esaurito a prima della guerra.

  • Verrò a vedere.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Lo sciacallo della Tiburtina incastrato da un tatuaggio: "Ora perderò il posto di lavoro?"

  • Politica

    Rifiuti a Saxa Rubra, è 'cortocircuito' grillino: così il XV ha risposto 'No' ad Ama e Comune

  • Cronaca

    "Sono caduta", "mi ha morso il cane": le scuse per nascondere 13 anni di violenze

  • Incidenti stradali

    Incidente via Colombo: scontro tra tre auto. Quattro feriti, fra loro due bambini

I più letti della settimana

  • Tor Pignattara: cadavere trovato in strada, è morto Saor il trapper di Centocelle

  • Pesciolini d'Argento: cosa sono, come si formano e i segreti per eliminarli

  • Roma, maratone ed eventi sabato 18 e domenica 19 maggio. Strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sulla via Tiburtina: investito da un tir, morto un ciclista

  • Ciclista morto su via Tiburtina, sciacalli rubano il portafogli e prelevano 500 euro

  • Ciclista investito, ucciso e derubato su via Tiburtina: preso lo sciacallo

Torna su
RomaToday è in caricamento