Jammin’ 2019, la XVII edizione all'Auditorium Parco della Musica

Dal 10 al 24 settembre torna la rassegna promossa dal Saint Louis dedicata ai gruppi emergenti e alla scoperta di nuovi talenti in ogni ambito musicale, con la direzione artistica di Stefano Mastruzzi e Francesca Gregori

“Questo è il nuovo mondo, restituito dai suoi più giovani artisti, in fase con le vibrazioni del nostro tempo, interpreti a-sincroni di una realtà sociale che ogni giorno di più appartiene loro e sempre meno alle generazioni precedenti, in una proiezione evolutiva che deve inevitabilmente esprimerne intenti e ideali”.

Con queste parole Stefano Mastruzzi, direttore artistico, presenta Jammin' 2019. Una rassegna speciale, rivolta agli artisti emergenti e in partenza il prossimo 10 settembre all'Auditorium Parco della Musica.

Jammin' è la rassegna promossa dal Saint Louis dedicata ai gruppi emergenti e alla scoperta di nuovi talenti in ogni ambito musicale. Giunta alla sua XVII edizione il Festival, con la direzione artistica di Stefano Mastruzzi e Francesca Gregori, nel corso degli ultimi 17 anni ha promosso la giovane sperimentazione a livello internazionale e i migliori artisti emergenti italiani, dando spazio alla più variegata offerta musicale di universi sonori. Anche quest’anno, un’accurata selezione porta sul palco giovanissimi artisti, jazzisti, cantautori, produttori, compositori e autori che si esibiranno, nel corso di diverse serate, presentando il proprio progetto di musica originale, accanto a straordinari artisti affermati come Serena Brancale e Natalio Mangalavite.  

Il programma del Jammin' 2019

Martedì 10 settembre ore 21

Fairy Tales
Telemagenta | Laura Delle Rose |Alexjem Project | NeuF

Progetto sperimentale in cui l'elettronica si fonde con sonorità soul e downtempo, senza perdere la forma canzone dei grandi songwriter. Nato da un'idea di Giorgio Leone, chitarrista e compositore e Gilda Noel Cristante, cantantautrice, il sound si giostra su un equilibrio di elementi elettronici e suoni vintage mantenendo la popular music come punto di riferimento. Sul palco anche Marco Motta batteria, pad elettronico, Valerio Carbone basso, Daniel Mastrovito tastiere, synth e Lucio Mastroianni alla chitarra elettrica.

Laura Delle Rose
La giovane cantautrice salentina presenta Aspettative. Brani che prendono vita in un mix di elettronica e soul, pop e cantautorato. Con Laura sul palco Marco Murrone e Valentina Ramunno pianoforte e sinth, Gabriele Petrillo basso, Michele Santorsola batteria elettronica, Federico Campanello chitarra. Produttore e chitarrista Domenico Lorusso; Giorgia Gruppuso, Andrea Aielli ed Emily Castagna ai cori.

Alexjem Project
Gli anni ’80 sono tornati ma con nuove sonorità, più rotonde e avvolgenti. Alessandro “Alexjem” Lamoratta, classe 1983, chitarrista e compositore, presenta Arcade ovvero la rappresentazione nostalgica di un ipotetico videogame a 8 bit, dove elettronica e riff di chitarra coesistono perfettamente in una dimensione fatta di suoni futuristici e quasi alieni.

NeuF
Nasce nel 2018 dall'incontro tra Davide Conti e Domino Spada. Legati da una profonda intesa musicale, intraprendono un'intensa attività compositiva e decidono di allargare la formazione con Mattia Piscitelli, Francesco Angiolini e Vincenzo Quirico, esibendosi in diversi locali della scena romana. I cinque ragazzi decidono di dar voce alle loro idee creando composizioni originali di matrice jazzistica, con un occhio alla commistione di generi.

Venerdì 13 settembre ore 21
ArtUro
Bartenders | Natalia Meyer | NooM

ArtUro è la nuova produzione discografica del Saint Louis dedicata ai giovani talenti della musica. La creatività dei migliori allievi della storica scuola di musica romana intraprende inediti percorsi musicali e nuove sperimentazioni sonore. Progetti di musica originale nati da una singola ispirazione e trasformati in produzioni artistiche da un team di giovani songwriter, arrangiatori, sound engineer, performer e interpreti.

Bartenders 
Nasce nel 2016 dalla collaborazione tra il batterista Mattia Mauttini e il chitarrista acustico Davide Mariuzzo. Dal 2017 la voce di Elena Brandes completa il sound alternative del trio, dal quale emergono influenze indie, pop e progressive. Il filo conduttore delle composizioni della band è una costante ricerca di nuove sonorità astratte e introspettive.

Natalia Meyer 
Cantautrice nata a Montevideo, in Uruguay. Il suo primo album in studio, Verdades provisorias, conta undici brani originali che vanno dal tango e la milonga rioplatense alla bossanova e altri ritmi sudamericani, in fusion con urban e pop music. I testi parlano di viaggi e crescita personale. Sul palco sarà accompagnata da Valentina Ramunno piano, Gilda Cristante voce e cori, Alessio Mazzei chitarra, Ciro Serrapica sax, Giuseppe Di Pasqua basso, Yuri Alviggi batteria. 

NooM è un gruppo romano composto da Lucrezia Cesaroni voce, Francesco Ciancio chitarra, Diego Carrubba batteria, Marcello Tirelli tastiere e Davide Gabrielli basso e synth, attivo dal 2016. Di prossima uscita il loro primo concept album che prenderà il nome di of Lady, Lord and Knight.

Martedì 17 settembre ore 21
Foolish Night
Highatta | ILoVePiZzA | Ten Guitars

Highatta
Realtà musicale nata nel 2018 fra le mura del Bdr Studio da un’idea di Federico Murgia e Daniele Ferreri con l’intento di rivisitare in chiave moderna le sonorità swing e jazz attraverso l’utilizzo di drum machine e loop station. Dall’improvvisazione è nato un repertorio prevalentemente new soul/jazz/funky, sia strumentale che arricchito da melodie e vocalizzi. Con Flaminia Lobianco voce, Federico Murgia chitarra, Emanuele Bono tastiere, Aurelio Tarabella basso, Luca Taurmino batteria.

ILoVePiZzA
Italia? Oh, I love Pizza! La pizza come elemento di rottura e punto di incontro tra il soul americano e il pop italiano. 8 ragazzi appassionati di jazz ed elettronica in continua sperimentazione, si cimentano in arrangiamenti originali utilizzando loop, synth e sequenze. Un progetto musicale originale capitanato dall’estro creativo di Serena Brancale con le voci di Flaminia Lo Bianco, Elisa Tronti, Francesca Carbonelli; Alessandra Formica voce e chitarra; Matteo Bussotti drumpad, Dalila Murano batteria, Nico Rutigliano basso e Alessandro Passi piano e synth.

Ten Guitars
Originale band composta esclusivamente da chitarre elettriche che rilegge il repertorio della storia del rock italiano e internazionale attraverso i riff dei più grandi artisti.  Dieci chitarre sul palco che suonano, esplodono, si armonizzano e dialogano. Un muro di suono tutto nuovo. Il collettivo è guidato da Diego Cignitti.

Mercoledì 18 settembre ore 21

Tales from the City
Porthos | Matteo Cappella | Cigno

Porthos
Il cantautore Giuseppe Pugliese, in arte Porthos, concentra il suo stile sulla sinergia fra testo e musica, ricercando il suono, l’arrangiamento e la composizione più inerente e significativa per le parole espresse. Gli stili variano in funzione del testo nell’intento di lasciare nell’ascoltatore un pensiero, ritrovandosi per 3 minuti in un mondo dove riconoscersi, abitandolo con un’emozione.

Matteo Cappella
Giovane cantautore nato a Roma e cresciuto a Bellegra, nel 2012 torna nella sua città natale entrando in contatto con diverse realtà musicali. Il suo primo lavoro discografico Metropolia è un concept album, una passeggiata per le vie di una nuova città, la mappatura di 8 quartieri dello spirito metropolitano. Metropolia è la città e ogni pezzo è un quartiere con i suoi personaggi. Matteo Cappella voce e chitarra, Simone Colasante tastiere, Daniele Quaglieri batteria,  Alessandro Cardinale sax,  Giuseppe Di Pasqua basso.

Cigno
Cigno è lo pseudonimo di Diego Cignitti, musicista e cantautore romano. Nel suo live affonda le radici nelle influenze blues e rock con le quali si è formato come chitarrista e le mescola sapientemente in atmosfere pop, trovando ispirazioni in quello che era il panorama musicale “sixties”. Il suo sound è arricchito da una poesia di carattere underground tipica della realtà indipendente romana. Il suo live si colloca nella contemporaneità, fluttuando in atmosfere rarefatte Vapor Wave. 
Diego Cignitti chitarra e voce, Ettore Mirabilia tastiere, Roberto Sanguigni basso, Bernardino Ponzani batteria, Ilenia Bianchi chitarre e voci, Uomo Scimmia chitarre e voci. 

Martedì 24 settembre ore 21
Jazz Tales
Milan Verbist Trio | Aishinka | Latin Luis Combo

Milan Verbist Trio
Il trio si compone di tre studenti del Royal Conservatoire di Anversa: Milan Verbist piano, Jef Manderveld contrabbasso e Simon Van Brandt batteria. Principale fonte di ispirazione sono i musicisti degli anni '50 e ‘60 come Phineas Newborn, McCoy Tyner, Paul Chambers, Charles Mingus, Elvin Jones, Philly Joe Jones. Il loro repertorio spazia dai jazz standard all’hard bop e composizioni originali. In Belgio suonano assiduamente in vari jazz club e partecipano a importanti eventi nazionali quali Klara in deSingel e Zomer Van Antwerpen.

Aishinka 
Vincitore del B-Jazz International Contest 2019, l’ensemble esplora la comunicazione musicale attraverso la world music. Sono state l’amicizia e la sensibilità musicale condivisa con Emmanuelle Duvillard a ispirare Louise Andri a sviluppare un repertorio che riunisce diverse culture musicali ma si basa principalmente su canzoni tradizionali bulgare rivisitate con la libertà di improvvisazione del jazz, con l’intento di tramandare la memoria musicale trasmessa dalle vecchie generazioni, facendola evolvere nel mondo di oggi. Da qui il nome Aishinka, che in giapponese significa “amore dell’evoluzione”. 
Emmanuelle Duvillard, Julie Rens e Claire Parsons voci; Louise Andri piano e arrangiamenti; Tom Bourgeois sax soprano; Fil Caporali contrabbasso; Daniel Jonkers batteria

Latin Luis Combo
Progetto musicale dedicato al libero mondo delle contaminazioni latin-jazz, nato all’interno della scuola di musica Saint Louis e diretta dal pianista Natalio Mangalavite. Un ampio organico orchestrale propone un repertorio di sperimentazione, unendo il jazz a ritmi e linguaggi latini e sudamericani.
Giulia Annechino, Isabella Alfano, Caterina Petrignani, Emanuele Maglione voci  
Carlos Guerrero, Massimiliano Biondi  chitarre
Alvaro Lavao, Vittorio Pagano  basso
Vincenzo Lato  percussioni
Giovanni Lafavia batteria
Special guest: Juan Carlos Albelo violino e Elvio Ghigliordini flauto  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Scomparso da Civitavecchia, il 14enne era a Bologna: così è stato ritrovato Alessandro

  • Sciopero Roma 25 ottobre 2019: metro, bus e Cotral a rischio. Orari e informazioni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

  • Il concorso per lavorare in Senato: ecco come candidarsi

Torna su
RomaToday è in caricamento