Memoria, a 75 anni dal rastrellamento del Ghetto arriva il film La Razzia

Il 16 ottobre la proiezione della pellicola alla Casa del Cinema

Il 16 ottobre 1943 le forze di occupazione naziste arrestarono a Roma oltre 1.250 ebrei. Alle vittime venne consegnato un biglietto in italiano con le istruzioni relative alla loro imminente deportazione. Vennero quindi portati a pochi passi dal carcere di Regina Coeli. Due giorni dopo, il 18 ottobre, poco più di mille di loro furono condotti alla stazione Tiburtina, ammassati in 28 carri bestiame e deportati nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau

Oggi, a 75 anni da uno degli episodi più traumatici della storia d'Italia, il regista Ruggero Gabbai e lo storico e autore, Marcello Pezzetti, hanno realizzato un film, 'La razzia', che descrive e contestualizza la più devastante offesa subi'ta nel Novecento dalla città di Roma. 

Una clip del film - che sarà proiettato alla Festa del Cinema di Roma, è stata trasmessa oggi in anteprima nel corso di un incontro alla Casina dei Vallati, sede della Fondazione Museo della Shoah, alla presenza del presidente, Mario Venezia, della presidente della comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello, della presidente Ucei, Noemi Di Segni, del vice presidente della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio e dell'assessore alla Persona di Roma Capitale, Laura Baldassarre. 

"La razzia del ghetto di Roma rappresenta una immensa vergogna della storia dell'Italia - ha detto Venezia - il film è il risultato di anni di ricerche storiche e raccoglie le testimonianze di chi riuscì a sfuggire all'agguato nazifascista".

Secondo Dureghello "i giovani italiani di domani devono sapere cosa è accaduto ai giovani italiani di ieri, per garantire che quello che è stato non accada più. Oggi è fondamentale saper riconoscere i segnali di ciò che può sfociare nel male". D'accordo Noemi Di Segni: "Non possiamo permettere che si dimentichi questo orrore". 

Per Smeriglio "il 16 ottobre 1943 resta una ferita enorme per Roma e il Paese ed è importante la realizzazione di questo film. Noi come Regione Lazio abbiamo portato oltre duemila ragazzi ad Auschwitz con i Viaggi della Memoria e continueremo a farli. Sono una forma di vigilanza contemporanea sulle derive razziste che si vedono in giro per l'Europa". L'assessore Baldassarre, infine, ha sottolineato che "il lavoro sulla memoria deve essere quotidiano. È importante non concentrare le celebrazioni in un solo giorno, per questo il film é stata un'ottima idea della Fondazione". 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: oggi a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Scuole chiuse a Roma per maltempo: la decisione del Campidoglio

  • Prendevano la pensione dei genitori morti vent'anni fa: danni all'Inps per 3 milioni di euro

  • Non rientra a casa e i genitori denunciano la sua scomparsa: trovato morto dopo incidente stradale

  • Five Guys, il colosso americano di burger and fries inaugura a Roma

  • Sardine a Roma, sabato la manifestazione: chiusa metro San Giovanni e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento