"Librerie romane": il Crowdfunding come scialuppa di salvataggio per i librai indipendenti

Un nuovo progetto di rete virtuale sostenuto dal crowfounding permette di tenere in vita il piccolo mercato indipendente dei libri, resistendo alle pressioni delle grandi editorie

Si  chiama "Librerie romane"  il progetto nato dall’iniziativa di 40 librai indipendenti romani, che hanno deciso di unirsi per fronteggiare il pericolo di crisi economica rappresentato dalle grandi catene editoriali. Il progetto vuole essere non solo una protesta contro la vendita on line di massa, ma è anche riflesso di come la carenza di vendita di libri significa un abbandono culturale nei confronti delle zone più periferiche della città. E’ ovvio che il mercato di massa coinvolga maggiormente le zone centrali, che sono preferite a quelle periferiche  e che sono più facilmente raggiungibili dalle dinamiche commerciali imposte dal mercato. Per questo la scelta di creare un crowdfounding, in grado di agevolare le richieste dei lettori, che a loro volta tramite donazione potranno contribuire ad una migliore efficienza dei servizi. La ricerca dei libri inseriti nella rete virtuale bibliotecaria o ancora la creazione della tessera fedeltà, sono fattori che agevolano gli  acquisti  di chi aderisce alla piattaforma.

Gli effetti dell'iniziativa

Di certo non si può  negare che l’iniziativa partita un anno fa ha contribuito sicuramente ad un ampliamento di richiesta da parte dei lettori. Più di 2.000 presentazioni di libri con i rispettivi autori, 200 corsi di formazione, l’organizzazione di quasi 500 serate di musica live e altrettanti incontri con i ragazzi all’interno delle scuole e nelle librerie, è la chiara dimostrazione di come il progetto ha portato ad un emersione culturale. Un’ondata di ossigeno che va a contrastare il brutto arresto che tra il 2010 e il 2016 ha visto chiudere il 12% delle librerie.

Il tag Tevere Art Gallery concretizza il progetto

Martedì 25 giugno a partire dalle 19:00 il Tag Tevere Art Gallery darà voce all’evento Librerie in Festa. La serata sarà ulteriore dimostrazione di come il progetto stia maturando, portando degli ottimi frutti all’interno del panorama culturale romano. A sottolinearne la validità sarà Neri Marcorè, ospite d' onore della serata e personaggio sempre presente delle diverse iniziative culturali della capitale. Inoltre ci saranno Livio Livrea, opening act di Fabrizio Moro e Roberto Maccarone, chitarrista del cantautore romano. Considerando il luogo che ospiterà l’evento, possiamo affermare che la determinazione dei 40 librai romani ha cucito i giusti fili per estendersi nel tessuto sociale e culturale attuale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Quando si possono riaccendere i termosifoni? Ecco date e orari

Torna su
RomaToday è in caricamento