ZTE, aperto a Roma il primo laboratorio di cybersecurity in Europa

Obiettivo: potenziare la sicurezza del settore Ict

ZTE Corporation, uno dei principali player al mondo per soluzioni di telecomunicazioni, enterprise e consumer technology per internet mobile, ha annunciato oggi l'apertura del laboratorio di cybersecurity in Roma per aiutare l'industria ICT a difendersi dalle minacce alla sicurezza informatica. È il primo laboratorio di cybersecurity di ZTE in Europa.

Angelo Tofalo (sottosegretario della Difesa), Flavia Marzano (assessore al comune di Roma), Zhong Hong (Chief Security Officer di ZTE) e Li Bin (ministro consigliere dell'Ambasciata cinese) hanno partecipato alla cerimonia di apertura.

"Sicurezza nel DNA, fiducia attraverso la trasparenza": con questa visione ZTE si impegna a fornire ai clienti prodotti e servizi di sicurezza end-to-end integrando analisi e controlli di sicurezza in ogni aspetto del ciclo di vita del prodotto. L'istituzione del laboratorio di cybersecurity in Europa è una misura importante per ZTE per promuovere la trasparenza e rafforzare la fiducia reciproca tra tutte le parti. Il laboratorio di cybersecurity mira a fornire ai clienti globali, ai regolatori e ad altre parti interessate servizi di valutazione della sicurezza e audit, come la revisione del codice sorgente sui prodotti ZTE, tra cui 4G e 5G, audit della progettazione della sicurezza, revisione dei documenti procedurali, test della scatola nera e test di penetrazione.

Il laboratorio di cybersecurity, inoltre, è una piattaforma di cooperazione e di ricerca che consente al settore ICT globale di condurre approfondite ricerche e analisi nel campo della sicurezza. "Il laboratorio di sicurezza è una piattaforma aperta e cooperativa per il settore", ha dichiarato Zhong Hong, Chief Security Officer di ZTE, nel discorso di apertura. "ZTE prevede di raggiungere gradualmente gli obiettivi di sicurezza informatica attraverso tre fasi: in primo luogo, soddisfare i requisiti delle leggi sulla cybersecurity, regolamenti e standard di settore, nonché sistemi di certificazione; in secondo luogo, condurre un dialogo aperto per migliorare la trasparenza e instaurare una cooperazione con i clienti e le agenzie di regolamentazione; e terzo, sostenendo il meccanismo di cooperazione aperta per contribuire alla standardizzazione della cybersicurezza".

ZTE si impegna a soddisfare le esigenze di sicurezza dei clienti e delle autorità di regolamentazione, sfruttando la piattaforma del laboratorio di cybersecurity per una maggiore trasparenza, cooperazione e comunicazione. L'azienda collaborerà poi con le organizzazioni di sicurezza di livello mondiale per condurre congiuntamente la valutazione della sicurezza, la certificazione, la formazione e la consulenza.

Di fronte alle sfide della cybersecurity nell'era del 5G ZTE continuerà ad aderire alla visione dell'azienda di "abilitare connettività e fiducia ovunque" e portare capacità di sicurezza informatica affidabili in tutto il mondo.

Potrebbe interessarti

  • Saldi estivi a Roma, manca poco: quando iniziano

  • Cinema all'aperto a Roma: indirizzi e film in programma nell'estate 2019

  • Come vestirsi ad un matrimonio d'estate: consigli di stile

  • Alla scoperta della pole dance: cos'è e dove praticarla a Roma

I più letti della settimana

  • Giallo di Torvaianica, il compagno di Maria Corazza ha incontrato tre persone venerdì mattina

  • Tragedia a Torvaianica: ragazzo di 17 anni morto affogato in mare

  • Torna #vialibera: domenica 16 giugno a Roma 15 chilometri di strade solo per bici e pedoni

  • Viale Marconi: violentate e picchiate in strada. Aggressore fugge e viene investito

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 15 e domenica 16 giugno

  • "Ma ce stai a riprende cor cellulare?": lite fuori dal Fiesta e scoppia la rissa, un accoltellato

Torna su
RomaToday è in caricamento