VIDEO | Protesta delle guide turistiche sotto gli uffici del Mibact: "No ai privati nelle abilitazioni"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Nemmeno la pioggia di stamattina, martedì 9 gennaio, ha scoraggiato le guide turistiche di Roma e di altre città italiane per il presidio di protesta organizzato dai sindacati di categoria sotto gli uffici del ministero ai Beni culturali, in via del Collegio Romano.

A far infuriare un’intera categoria, l’imminente accordo tra Stato e Regioni attraverso la quale si instaurerà la figura di “guida turistica nazionale - spiegano dal presidio - mentre noi siamo tutti abilitati per la città e la provincia in cui lavoriamo, abbiamo studiato e superato un concorso pubblico”.

Turismo petrolio nazionale che l’Europa ci vuole rubare”, oppure “Si al pubblico, no al privato appaltante”, sono alcuni degli slogan scanditi dai manifestanti. “Ci hanno erroneamente inserito nella direttiva Bolkestein, ma la guida turistica è una professione, non un servizio - dice con decisione Cristina Dattini, Federagit di Confesercenti, sindacato promotore della protesta insieme a Jasga - con questo accordo che stanno cercando di portare avanti, sforneranno guide turisti tutt’altro che formate, perché come si fa a diventare guida turistica con un corso di 600 ore e un esame fatto da un privato? Una cosa vergognosa”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Chi ha scritto l’articolo dovrebbe anche leggere e pubblicare la bozza per dare un’informazione corretta e completa, altrimenti si parla di aria fritta

  • eccone il testo: Le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano VISTO l’articolo 3 della Legge n. 97 del 2013, recante “Disposizioni relative alla libera prestazione e all'esercizio stabile dell'attività di guida turistica da parte di cittadini dell'Unione europea. Caso EU Pilot 4277/12/MARK”; VISTO il Decreto attuativo ed i relativi allegati, contenenti gli standard formativi e professionali e le modalità esplicative dell’esame abilitante alla professione; CONSIDERATO che le Regioni e le Province Autonome, attraverso il Coordinamento Turismo e Industria Alberghiera, hanno ravvisato la necessità di individuare linee di indirizzo per tutto il territorio nazionale per l’applicazione di quanto ivi previsto; In esecuzione delle previsioni di legge, sanciscono l’Accordo in oggetto nei termini di cui all’allegato documento “Linee guida per la redazione dei bandi per guida turistica nazionale” LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI BANDI PER GUIDA TURISTICA NAZIONALE Per l'espletamento degli esami per il conseguimento del titolo di guida turistica si applica quanto disposto da: − Decreto ministeriale attuativo dell'art. 3 comma 1) L. n. 97/2013 - GUIDA TURISTICA NAZIONALE − Allegato tecnico al DM contenente lo standard formativo − le presenti linee guida (da approvare con un accordo in Conferenza delle Regioni e Province Autonome). Gli esami si svolgono con modalità che garantiscono imparzialità, trasparenza, pari opportunità tra uomo e donna ed assicurano un giusto rapporto tra economa e celerità di espletamento SOGGETTI INTERESSATI • sono interessati quei soggetti che intendono esercitare la professione di guida turistica L.97/2013 • per poter esercitare l'attività di guida turistica è necessario conseguire l'abilitazione rilasciata dalle Regioni e le Province autonome RECQUISITI MORALI E TITOLI PER L'AMMISSIONE AGLI ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DELL'ATTESTATO DI IDONEITA' PROFESSIONALE ALL'ESERCIZIO DELL'ATTIVITA' DI GUIDA TURISTICA. • Requisiti civili e politici: − maggiore età − cittadinanza italiana o in uno stato membro dell'unione europea ovvero cittadinanza extracomunitaria in regola con le disposizioni vigenti in materia di immigrazione e di lavoro, fatti salvi eventuali accordi bilaterali in materia − godimento dei diritti civili e politici − assenza di condanne penali con sentenza passata in giudicato che comportino interdizione, anche temporanea, dell'esercizio della professione salvo che sia intervenuta la riabilitazione o che siano decorsi 5 anni dal giorno in cui la pena è stata scontata o che con sentenza passata in giudicato sia stata concessa la sospensione condizionale della pena • requisiti formativo-professionali sono rappresentati da titoli specifici, non specifici, corso di formazione, attestazione di requisiti linguistici. − diploma di laurea triennale i quinquennale il lettere con indirizzo in storia dell'arte o ​archeologia o titolo equipollente ai sensi di quanto previsto dal D.M. 9 luglio 2009 e ​ ss.mm − abilitazione di accompagnatore turistico diploma di scuola secondaria superiore del ciclo del sistema educativo, conseguito anche ​all'estero purchè ne sia valutata l'equivalenza da parte della competente autorità italiana (MIUR) − diploma di laurea diversa dalle lauree di cui al precedente punto • il candidato , inoltre, deve presentare in fase di presentazione della domanda almeno una delle seguenti attestazioni di conoscenza della lingua straniera per la quale chiede l'abilitazione: - certificazione di livello C1, per quanto riguarda le lingue europee, secondo il common framework of reference for languages, rilasciata da istituto autorizzato dal ministero dell'istruzione , ricerca ed università, di almeno una lingua straniera − diploma di laurea magistrale nella lingua straniera richiesta per l'abilitazione − attestato di idoneità o equipollenza del titolo di studio o certificazione, per quanto riguarda le lingue extraeuropee − attestazione per i candidati “ madrelingua”, di titolo di studio equivalente almeno alla scuola secondaria di secondo grado, conseguito nella lingua madre, indipendentemente dal paese di nascita o nazionalità dei genitori − abilitazione di accompagnatore turistico per la lingua straniera richiesta. DOMANDA DI AMMISSIONE • le domande di ammissione all'esame di abilitazione, unitamente al possesso dei documenti necessari, saranno indirizzate alle Regioni e alle Provincie autonome e dalle stesse o dalle commissioni nominate verificate. • L'esame si svolgerà in sessioni uniche periodiche oppure alla fine del corso di formazione • tutta la modulistica necessaria è disponibile sul sito della Regione e delle province autonome. SESSIONE D'ESAME Le Regioni e le Province autonome singolarmente o in accordo con altre Regioni o Province autonome possono organizzare ed indire sessioni d'esame comuni per l'abilitazione alla professione di Guida Turistica Nazionale • la sessione d'esame è indetta con provvedimento del dirigente ____________o di un suo delegato della Regione e delle Provincie autonome, e sarà pubblicato sul sito web della Regione e delle province autonome e diffusa anche attraverso le associazioni di categoria. Con tale provvedimento saranno altresì stabiliti i termini entro i quali i candidati dovranno presentare la domanda di ammissione. • L'esame consiste in due distinte prove 1) una prova scritta sulla base di 80 domande con quattro risposte predefinite di cui solamente una corretta 2) un esercitazione su un caso pratico ovvero esame orale, concernente quattro itinerari scelti tra le tipologie indicate nello standard dell'unità di competenza 1 di cui all'art1 comma 1 lett a) del decreto attuativo art. 3 L.n.97/2013 • per ciascuna delle prove di cui al precedente comma il candidato dispone di due ore. • Il punteggio è espresso in centesimi, il punteggio minimo è pari a 60/100, il punteggio massimo è pari a 100/100 i) per la prova scritta su base di 80 domande il punteggio minimo è pari a 40/100 e il massimo è pari a 60/100 ii) per la prova orale il punteggio minimo è pari a 20/100 e il massimo è pari a 40/100 • il punteggio minimo nella prova scritta si ottiene rispondendo esattamente ad almeno il 50% dei quesiti • il punteggio minimo nella prova orale si ottiene conseguendo la sufficienza ( con riferimento ad almeno due itinerari su quattro) • l'esito degli esami è verbalizzato e sottoscritto da tutti i componenti della Commissione ed inviato, a cura del Presidente della commissione, all'ufficio competente della Regione e/o Provincia autonoma ( o Amministrazione da essa delegata) • in caso di superamento dell'esame l'ufficio competente della Regione e/o della Provincia autonoma ( o Amministrazione da esse delegata) in cui è stato sostenuto l'esame provvede al rilascio degli attestati di abilitazione e del tesserino di cui all'art.9 del D.M su format unico e con l’indicazione della Regione e/o Provincia Autonoma presso la quale si è conseguito. COMMISSIONE D'ESAME Le Regioni e le Province autonome o le Amministrazioni da esse delegate (eventuali centri di formazione), costituiscono la Commissione d'esame secondo i principi di trasparenza e tracciabilità delle procedure regolamentate dai singoli Enti. Nel caso di collaborazioni tra Regioni e Province autonome la Commissione sarà nominata in maniera paritetica tra gli Enti. COMPITI DELLA COMMISSIONE • Nell'ambito di ogni sessione d'esame la Commissione terrà le seguenti sedute per espletare le seguenti formalità: - seduta preliminare nella quale sarà fissata la sede, la data o le date e l'ora delle prove d'esame. Previa istruttoria eseguita dall'Ufficio preposto, in ordine alla verifica dei requisiti morali e dei titoli per l'ammissione agli esami, valutare la regolarità delle domande presentate dagli aspiranti e redigere l'elenco completo delle domanda d'esame, delle relative risposte e della chiave di risoluzione - seduta o sedute con la quale accertare, mediante i previsti esami le condizioni per il riconoscimento dell'idoneità dei candidati per il conseguimento dell'abilitazione allo svolgimento della professione di Guida Turistica SVOLGIMENTO DELLE PROVE • A seguito dei controlli relativi all'identificazione dei candidati, la Commissione consegna a ciascuno di essi, in maniera del tutto casuale una busta chiusa, priva di qualsiasi segno di identificazione, contenente le 80 domande che costituiranno, per ciascun candidato, la sua prova d'esame. • I candidati che si presentano dopo l'avvenuta consegna delle buste non saranno ammessi alla prova • al termine della prova, le schede dovranno essere riconsegnate senza scritte o annotazioni di alcun genere pena l'invalidazione • il candidato dovrà barrare esclusivamente con un segno X la risposta che ritiene esatta. • La risposta verrà considerata errata anche nei seguenti casi: - segno X apposto al di fuori delle caselle destinate alle risposte - segno X mancante - segno X apposte entrambe le lettere “V” ed “F” - altre modalità di contrassegno diverse dal segno X MANCATO CONSEGUIMENTO DELL'IDONEITA' Il candidato non risultato idoneo potrà sostenere di nuovo l'esame nella sessione immediatamente successiva previa ripresentazione dell'istanza di ammissione e pagamento dei diritti di segreteria ATTESTATO DI ABILITAZIONE PROFESSIONALE ED ISCRIZIONE ALBO NAZIONALE GUIDE TURISTICHE Entro 60 giorni dal superamento dell'esame viene rilasciato il titolo di abilitazione attestante l'idoneità all'esercizio della professione di Guida Turistica Nazionale. Il conseguimento del titolo di abilitazione allo svolgimento della Professione di Guida Turistica Nazionale comporta l'iscrizione automatica da parte delle Regioni abilitanti “all’Elenco delle Guide Turistiche Nazionali” pubblicato sul sito web istituzionale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MIBACT)

  • In realtá la bozza parla di esami fatti dalle Regioni, non di esami fatti da privati. I laureati accederebbero subito agli esami, i diplomati dovrebbero prima frequentare un corso, questo potrebbe anche essere svolto da enti privati ( in Italia esistono scuole private di ogni ordine e grado, dall’asilo all’universitá)

  • Visto che si sta parlando molto della bozza di intesa fra stato/regioni eccone il testo, si evince che chi manifesta e scrive non dice il vero, gli esami non saranno privati ma pubblici e istituiti dalle Regioni: Le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano   VISTO l’articolo 3 della Legge n. 97 del 2013, recante “Disposizioni relative alla libera prestazione e all'esercizio stabile dell'attività di guida turistica da parte di cittadini dell'Unione europea. Caso EU Pilot 4277/12/MARK”;   VISTO il Decreto attuativo ed i relativi allegati, contenenti gli standard formativi e professionali e le modalità esplicative dell’esame abilitante alla professione;   CONSIDERATO che le Regioni e le Province Autonome, attraverso il Coordinamento Turismo e Industria Alberghiera, hanno ravvisato la necessità di individuare linee di indirizzo per tutto il territorio nazionale per l’applicazione di quanto ivi previsto;   In esecuzione delle previsioni di legge, sanciscono l’Accordo in oggetto nei termini di cui all’allegato documento “Linee guida per la redazione dei bandi per guida turistica nazionale”     LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI BANDI PER GUIDA TURISTICA NAZIONALE   Per l'espletamento degli esami per il conseguimento del titolo di guida turistica si applica quanto disposto da: − Decreto ministeriale attuativo dell'art. 3 comma 1) L. n. 97/2013 - GUIDA TURISTICA NAZIONALE − Allegato tecnico al DM contenente lo standard formativo − le presenti linee guida (da approvare con un accordo in Conferenza delle Regioni e Province Autonome).   Gli esami si svolgono con modalità che garantiscono imparzialità, trasparenza, pari opportunità tra uomo e donna ed assicurano un giusto rapporto tra economa e celerità di espletamento   SOGGETTI INTERESSATI • sono interessati quei soggetti che intendono esercitare la professione di guida turistica L.97/2013 • per poter esercitare l'attività di guida turistica è necessario conseguire l'abilitazione rilasciata dalle Regioni e le Province autonome   RECQUISITI MORALI E TITOLI PER L'AMMISSIONE AGLI ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DELL'ATTESTATO DI IDONEITA' PROFESSIONALE ALL'ESERCIZIO DELL'ATTIVITA' DI GUIDA TURISTICA. • Requisiti civili e politici: − maggiore età − cittadinanza italiana o in uno stato membro dell'unione europea ovvero cittadinanza extracomunitaria in regola con le disposizioni vigenti in materia di immigrazione e di lavoro, fatti salvi eventuali accordi bilaterali in materia − godimento dei diritti civili e politici − assenza di condanne penali con sentenza passata in giudicato che comportino interdizione, anche temporanea, dell'esercizio della professione salvo che sia intervenuta la riabilitazione o che siano decorsi 5 anni dal giorno in cui la pena è stata scontata o che con sentenza passata in giudicato sia stata concessa la sospensione condizionale della pena   • requisiti formativo-professionali sono rappresentati da titoli specifici, non specifici, corso di formazione, attestazione di requisiti linguistici. − diploma di laurea triennale i quinquennale il lettere con indirizzo in storia dell'arte o        ​archeologia o titolo equipollente ai sensi di quanto previsto dal D.M. 9 luglio 2009 e ​ ss.mm − abilitazione di accompagnatore turistico diploma di scuola secondaria superiore del ciclo del sistema educativo, conseguito anche ​all'estero purchè ne sia valutata l'equivalenza da parte della competente autorità italiana  (MIUR) − diploma di laurea diversa dalle lauree di cui al precedente punto   • il candidato , inoltre, deve presentare in fase di presentazione della domanda almeno una delle seguenti attestazioni di conoscenza della lingua straniera per la quale chiede l'abilitazione: -  certificazione di livello C1, per quanto riguarda le lingue europee, secondo il common                                                framework of reference for languages, rilasciata da istituto autorizzato dal ministero dell'istruzione , ricerca ed università, di almeno una lingua straniera     − diploma di laurea magistrale nella lingua straniera richiesta per l'abilitazione − attestato di idoneità o equipollenza del titolo di studio o certificazione, per quanto riguarda le lingue extraeuropee − attestazione per i candidati “ madrelingua”, di titolo di studio equivalente almeno alla scuola secondaria di secondo grado, conseguito nella lingua madre, indipendentemente dal paese di nascita o nazionalità dei genitori − abilitazione di accompagnatore turistico per la lingua straniera richiesta.   DOMANDA DI AMMISSIONE • le domande di ammissione all'esame di abilitazione, unitamente al possesso dei documenti necessari, saranno indirizzate alle Regioni e alle Provincie autonome e dalle stesse  o dalle commissioni nominate verificate. • L'esame si svolgerà in sessioni uniche periodiche oppure alla fine del corso di formazione • tutta la modulistica necessaria è disponibile sul sito della Regione e delle province autonome.   SESSIONE D'ESAME Le Regioni e le Province autonome singolarmente o in accordo con altre Regioni o Province autonome possono organizzare ed indire sessioni d'esame comuni per l'abilitazione alla professione di Guida Turistica Nazionale • la sessione d'esame è indetta con provvedimento del dirigente ____________o di un suo delegato della Regione e delle Provincie autonome, e sarà pubblicato sul sito web della Regione e delle province autonome e diffusa anche attraverso le associazioni di categoria. Con tale provvedimento saranno altresì stabiliti i termini entro i quali i candidati dovranno presentare la domanda di ammissione.   • L'esame consiste in due distinte prove 1) una prova scritta sulla base di 80 domande con quattro risposte predefinite di cui solamente una corretta 2) un esercitazione su un caso pratico ovvero esame orale, concernente quattro itinerari scelti tra le tipologie indicate nello standard dell'unità di competenza 1 di cui all'art1 comma 1 lett a) del decreto attuativo art. 3 L.n.97/2013   • per ciascuna delle prove di cui al precedente comma il candidato dispone di due ore.   • Il punteggio è espresso in centesimi, il punteggio minimo è pari a 60/100, il punteggio massimo è pari a 100/100 i) per la prova scritta su base di 80 domande il punteggio minimo è pari a 40/100 e il massimo è pari a 60/100 ii) per la prova orale il punteggio minimo è pari a 20/100 e il massimo è pari a 40/100   • il punteggio minimo nella prova scritta si ottiene rispondendo esattamente ad almeno il 50% dei quesiti • il punteggio minimo nella prova orale si ottiene conseguendo la sufficienza ( con riferimento ad almeno due itinerari su quattro) • l'esito degli esami è verbalizzato e sottoscritto da tutti i componenti della Commissione ed inviato, a cura del Presidente della commissione, all'ufficio competente della Regione e/o Provincia autonoma ( o Amministrazione da essa delegata) • in caso di superamento dell'esame l'ufficio competente della Regione e/o della Provincia autonoma ( o Amministrazione da esse delegata) in cui è stato sostenuto l'esame provvede al rilascio degli attestati di abilitazione e del tesserino di cui all'art.9 del D.M su format unico e con l’indicazione della Regione e/o Provincia Autonoma presso la quale si è conseguito.   COMMISSIONE D'ESAME Le Regioni e le Province autonome o le Amministrazioni da esse delegate (eventuali centri di formazione), costituiscono la Commissione d'esame secondo i principi di trasparenza e tracciabilità delle procedure regolamentate dai singoli Enti.   Nel caso di collaborazioni tra Regioni e Province autonome la Commissione sarà nominata in maniera paritetica tra gli Enti.   COMPITI DELLA COMMISSIONE • Nell'ambito di ogni sessione d'esame la Commissione terrà le seguenti sedute per espletare le seguenti formalità: - seduta preliminare nella quale sarà fissata la sede, la data o le date e l'ora delle prove d'esame. Previa istruttoria eseguita dall'Ufficio preposto, in ordine alla verifica dei requisiti morali e dei titoli per l'ammissione agli esami, valutare la regolarità delle domande presentate dagli aspiranti e redigere l'elenco completo delle domanda d'esame, delle relative risposte e della chiave di risoluzione - seduta o sedute con la quale accertare, mediante i previsti esami le condizioni per il riconoscimento dell'idoneità dei candidati per il conseguimento dell'abilitazione allo svolgimento della professione di Guida Turistica     SVOLGIMENTO DELLE PROVE • A seguito dei controlli relativi all'identificazione dei candidati, la Commissione consegna a ciascuno di essi, in maniera del tutto casuale una busta chiusa, priva di qualsiasi segno di identificazione, contenente le 80 domande che costituiranno, per ciascun candidato, la sua prova d'esame. • I candidati che si presentano dopo l'avvenuta consegna delle buste non saranno ammessi alla prova • al termine della prova, le schede dovranno essere riconsegnate senza scritte o annotazioni di alcun genere pena l'invalidazione • il candidato dovrà barrare esclusivamente con un segno X la risposta che ritiene esatta. • La risposta verrà considerata errata anche nei seguenti casi: - segno X apposto al di fuori delle caselle destinate alle risposte - segno X mancante - segno X apposte entrambe le lettere “V” ed “F” - altre modalità di contrassegno diverse dal segno X   MANCATO CONSEGUIMENTO DELL'IDONEITA' Il candidato non risultato idoneo potrà sostenere di nuovo l'esame nella sessione immediatamente successiva previa ripresentazione dell'istanza di ammissione e pagamento dei diritti di segreteria   ATTESTATO DI ABILITAZIONE PROFESSIONALE ED ISCRIZIONE ALBO NAZIONALE GUIDE TURISTICHE Entro 60 giorni dal superamento dell'esame viene rilasciato il titolo di abilitazione attestante l'idoneità all'esercizio della professione di Guida Turistica Nazionale. Il conseguimento del titolo di abilitazione allo svolgimento della Professione di Guida Turistica Nazionale comporta l'iscrizione automatica da parte delle Regioni abilitanti “all’Elenco delle Guide Turistiche Nazionali” pubblicato sul sito web istituzionale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MIBACT)

  • Visto che si sta parlando molto della bozza di intesa fra stato/regioni eccone il testo- Dal testo si capisce che chi manfesta non lo ha letto, infatti non si parla di esami privati ma veri e proprie commissioni pubbliche istituite dalle regioni. Solo i corsi per chi non è laureato sarebbero fatti da enti privati Le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano VISTO l’articolo 3 della Legge n. 97 del 2013, recante “Disposizioni relative alla libera prestazione e all'esercizio stabile dell'attività di guida turistica da parte di cittadini dell'Unione europea. Caso EU Pilot 4277/12/MARK”; VISTO il Decreto attuativo ed i relativi allegati, contenenti gli standard formativi e professionali e le modalità esplicative dell’esame abilitante alla professione; CONSIDERATO che le Regioni e le Province Autonome, attraverso il Coordinamento Turismo e Industria Alberghiera, hanno ravvisato la necessità di individuare linee di indirizzo per tutto il territorio nazionale per l’applicazione di quanto ivi previsto; In esecuzione delle previsioni di legge, sanciscono l’Accordo in oggetto nei termini di cui all’allegato documento “Linee guida per la redazione dei bandi per guida turistica nazionale” LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI BANDI PER GUIDA TURISTICA NAZIONALE Per l'espletamento degli esami per il conseguimento del titolo di guida turistica si applica quanto disposto da: − Decreto ministeriale attuativo dell'art. 3 comma 1) L. n. 97/2013 - GUIDA TURISTICA NAZIONALE − Allegato tecnico al DM contenente lo standard formativo − le presenti linee guida (da approvare con un accordo in Conferenza delle Regioni e Province Autonome). Gli esami si svolgono con modalità che garantiscono imparzialità, trasparenza, pari opportunità tra uomo e donna ed assicurano un giusto rapporto tra economa e celerità di espletamento SOGGETTI INTERESSATI • sono interessati quei soggetti che intendono esercitare la professione di guida turistica L.97/2013 • per poter esercitare l'attività di guida turistica è necessario conseguire l'abilitazione rilasciata dalle Regioni e le Province autonome RECQUISITI MORALI E TITOLI PER L'AMMISSIONE AGLI ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DELL'ATTESTATO DI IDONEITA' PROFESSIONALE ALL'ESERCIZIO DELL'ATTIVITA' DI GUIDA TURISTICA. • Requisiti civili e politici: − maggiore età − cittadinanza italiana o in uno stato membro dell'unione europea ovvero cittadinanza extracomunitaria in regola con le disposizioni vigenti in materia di immigrazione e di lavoro, fatti salvi eventuali accordi bilaterali in materia − godimento dei diritti civili e politici − assenza di condanne penali con sentenza passata in giudicato che comportino interdizione, anche temporanea, dell'esercizio della professione salvo che sia intervenuta la riabilitazione o che siano decorsi 5 anni dal giorno in cui la pena è stata scontata o che con sentenza passata in giudicato sia stata concessa la sospensione condizionale della pena • requisiti formativo-professionali sono rappresentati da titoli specifici, non specifici, corso di formazione, attestazione di requisiti linguistici. − diploma di laurea triennale i quinquennale il lettere con indirizzo in storia dell'arte o ​archeologia o titolo equipollente ai sensi di quanto previsto dal D.M. 9 luglio 2009 e ​ ss.mm − abilitazione di accompagnatore turistico diploma di scuola secondaria superiore del ciclo del sistema educativo, conseguito anche ​all'estero purchè ne sia valutata l'equivalenza da parte della competente autorità italiana (MIUR) − diploma di laurea diversa dalle lauree di cui al precedente punto • il candidato , inoltre, deve presentare in fase di presentazione della domanda almeno una delle seguenti attestazioni di conoscenza della lingua straniera per la quale chiede l'abilitazione: - certificazione di livello C1, per quanto riguarda le lingue europee, secondo il common framework of reference for languages, rilasciata da istituto autorizzato dal ministero dell'istruzione , ricerca ed università, di almeno una lingua straniera − diploma di laurea magistrale nella lingua straniera richiesta per l'abilitazione − attestato di idoneità o equipollenza del titolo di studio o certificazione, per quanto riguarda le lingue extraeuropee − attestazione per i candidati “ madrelingua”, di titolo di studio equivalente almeno alla scuola secondaria di secondo grado, conseguito nella lingua madre, indipendentemente dal paese di nascita o nazionalità dei genitori − abilitazione di accompagnatore turistico per la lingua straniera richiesta. DOMANDA DI AMMISSIONE • le domande di ammissione all'esame di abilitazione, unitamente al possesso dei documenti necessari, saranno indirizzate alle Regioni e alle Provincie autonome e dalle stesse o dalle commissioni nominate verificate. • L'esame si svolgerà in sessioni uniche periodiche oppure alla fine del corso di formazione • tutta la modulistica necessaria è disponibile sul sito della Regione e delle province autonome. SESSIONE D'ESAME Le Regioni e le Province autonome singolarmente o in accordo con altre Regioni o Province autonome possono organizzare ed indire sessioni d'esame comuni per l'abilitazione alla professione di Guida Turistica Nazionale • la sessione d'esame è indetta con provvedimento del dirigente ____________o di un suo delegato della Regione e delle Provincie autonome, e sarà pubblicato sul sito web della Regione e delle province autonome e diffusa anche attraverso le associazioni di categoria. Con tale provvedimento saranno altresì stabiliti i termini entro i quali i candidati dovranno presentare la domanda di ammissione. • L'esame consiste in due distinte prove 1) una prova scritta sulla base di 80 domande con quattro risposte predefinite di cui solamente una corretta 2) un esercitazione su un caso pratico ovvero esame orale, concernente quattro itinerari scelti tra le tipologie indicate nello standard dell'unità di competenza 1 di cui all'art1 comma 1 lett a) del decreto attuativo art. 3 L.n.97/2013 • per ciascuna delle prove di cui al precedente comma il candidato dispone di due ore. • Il punteggio è espresso in centesimi, il punteggio minimo è pari a 60/100, il punteggio massimo è pari a 100/100 i) per la prova scritta su base di 80 domande il punteggio minimo è pari a 40/100 e il massimo è pari a 60/100 ii) per la prova orale il punteggio minimo è pari a 20/100 e il massimo è pari a 40/100 • il punteggio minimo nella prova scritta si ottiene rispondendo esattamente ad almeno il 50% dei quesiti • il punteggio minimo nella prova orale si ottiene conseguendo la sufficienza ( con riferimento ad almeno due itinerari su quattro) • l'esito degli esami è verbalizzato e sottoscritto da tutti i componenti della Commissione ed inviato, a cura del Presidente della commissione, all'ufficio competente della Regione e/o Provincia autonoma ( o Amministrazione da essa delegata) • in caso di superamento dell'esame l'ufficio competente della Regione e/o della Provincia autonoma ( o Amministrazione da esse delegata) in cui è stato sostenuto l'esame provvede al rilascio degli attestati di abilitazione e del tesserino di cui all'art.9 del D.M su format unico e con l’indicazione della Regione e/o Provincia Autonoma presso la quale si è conseguito. COMMISSIONE D'ESAME Le Regioni e le Province autonome o le Amministrazioni da esse delegate (eventuali centri di formazione), costituiscono la Commissione d'esame secondo i principi di trasparenza e tracciabilità delle procedure regolamentate dai singoli Enti. Nel caso di collaborazioni tra Regioni e Province autonome la Commissione sarà nominata in maniera paritetica tra gli Enti. COMPITI DELLA COMMISSIONE • Nell'ambito di ogni sessione d'esame la Commissione terrà le seguenti sedute per espletare le seguenti formalità: - seduta preliminare nella quale sarà fissata la sede, la data o le date e l'ora delle prove d'esame. Previa istruttoria eseguita dall'Ufficio preposto, in ordine alla verifica dei requisiti morali e dei titoli per l'ammissione agli esami, valutare la regolarità delle domande presentate dagli aspiranti e redigere l'elenco completo delle domanda d'esame, delle relative risposte e della chiave di risoluzione - seduta o sedute con la quale accertare, mediante i previsti esami le condizioni per il riconoscimento dell'idoneità dei candidati per il conseguimento dell'abilitazione allo svolgimento della professione di Guida Turistica SVOLGIMENTO DELLE PROVE • A seguito dei controlli relativi all'identificazione dei candidati, la Commissione consegna a ciascuno di essi, in maniera del tutto casuale una busta chiusa, priva di qualsiasi segno di identificazione, contenente le 80 domande che costituiranno, per ciascun candidato, la sua prova d'esame. • I candidati che si presentano dopo l'avvenuta consegna delle buste non saranno ammessi alla prova • al termine della prova, le schede dovranno essere riconsegnate senza scritte o annotazioni di alcun genere pena l'invalidazione • il candidato dovrà barrare esclusivamente con un segno X la risposta che ritiene esatta. • La risposta verrà considerata errata anche nei seguenti casi: - segno X apposto al di fuori delle caselle destinate alle risposte - segno X mancante - segno X apposte entrambe le lettere “V” ed “F” - altre modalità di contrassegno diverse dal segno X MANCATO CONSEGUIMENTO DELL'IDONEITA' Il candidato non risultato idoneo potrà sostenere di nuovo l'esame nella sessione immediatamente successiva previa ripresentazione dell'istanza di ammissione e pagamento dei diritti di segreteria ATTESTATO DI ABILITAZIONE PROFESSIONALE ED ISCRIZIONE ALBO NAZIONALE GUIDE TURISTICHE Entro 60 giorni dal superamento dell'esame viene rilasciato il titolo di abilitazione attestante l'idoneità all'esercizio della professione di Guida Turistica Nazionale. Il conseguimento del titolo di abilitazione allo svolgimento della Professione di Guida Turistica Nazionale comporta l'iscrizione automatica da parte delle Regioni abilitanti “all’Elenco delle Guide Turistiche Nazionali” pubblicato sul sito web istituzionale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MIBACT)

  • Premetto che la bozza non mi piace, anzi fa schifo. Però si dicono molte bugie, la piú grossa é Che la bozza parla di corsi organizzati da enti privati ma dice ben chiaro che i corsi non sono abilitanti che abilitante sará l’esame. Esame pubblico ( e dice anche come dovrá essere la commissione) a cui i laureati partecipano senza corso e i diplomati con attestato del corso!! Ma chi manifesta la bozza l’ha letta? Poi che 600 ore siamo pochissime, che ci vorrebbe una laurea specifica, che non si regola una professione con un’intesa ok, tutti d’accordo. Pero dire cose non vere non mi pare corretto e lo trovo controproducente. Mistificare la realtá rende poco credibili i manifestanti. Econe il testo:Visto che si sta parlando molto della bozza di intesa fra stato/regioni eccone il testo: Le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano VISTO l’articolo 3 della Legge n. 97 del 2013, recante “Disposizioni relative alla libera prestazione e all'esercizio stabile dell'attività di guida turistica da parte di cittadini dell'Unione europea. Caso EU Pilot 4277/12/MARK”; VISTO il Decreto attuativo ed i relativi allegati, contenenti gli standard formativi e professionali e le modalità esplicative dell’esame abilitante alla professione; CONSIDERATO che le Regioni e le Province Autonome, attraverso il Coordinamento Turismo e Industria Alberghiera, hanno ravvisato la necessità di individuare linee di indirizzo per tutto il territorio nazionale per l’applicazione di quanto ivi previsto; In esecuzione delle previsioni di legge, sanciscono l’Accordo in oggetto nei termini di cui all’allegato documento “Linee guida per la redazione dei bandi per guida turistica nazionale” LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI BANDI PER GUIDA TURISTICA NAZIONALE Per l'espletamento degli esami per il conseguimento del titolo di guida turistica si applica quanto disposto da: − Decreto ministeriale attuativo dell'art. 3 comma 1) L. n. 97/2013 - GUIDA TURISTICA NAZIONALE − Allegato tecnico al DM contenente lo standard formativo − le presenti linee guida (da approvare con un accordo in Conferenza delle Regioni e Province Autonome). Gli esami si svolgono con modalità che garantiscono imparzialità, trasparenza, pari opportunità tra uomo e donna ed assicurano un giusto rapporto tra economa e celerità di espletamento SOGGETTI INTERESSATI • sono interessati quei soggetti che intendono esercitare la professione di guida turistica L.97/2013 • per poter esercitare l'attività di guida turistica è necessario conseguire l'abilitazione rilasciata dalle Regioni e le Province autonome RECQUISITI MORALI E TITOLI PER L'AMMISSIONE AGLI ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DELL'ATTESTATO DI IDONEITA' PROFESSIONALE ALL'ESERCIZIO DELL'ATTIVITA' DI GUIDA TURISTICA. • Requisiti civili e politici: − maggiore età − cittadinanza italiana o in uno stato membro dell'unione europea ovvero cittadinanza extracomunitaria in regola con le disposizioni vigenti in materia di immigrazione e di lavoro, fatti salvi eventuali accordi bilaterali in materia − godimento dei diritti civili e politici − assenza di condanne penali con sentenza passata in giudicato che comportino interdizione, anche temporanea, dell'esercizio della professione salvo che sia intervenuta la riabilitazione o che siano decorsi 5 anni dal giorno in cui la pena è stata scontata o che con sentenza passata in giudicato sia stata concessa la sospensione condizionale della pena • requisiti formativo-professionali sono rappresentati da titoli specifici, non specifici, corso di formazione, attestazione di requisiti linguistici. − diploma di laurea triennale i quinquennale il lettere con indirizzo in storia dell'arte o ​archeologia o titolo equipollente ai sensi di quanto previsto dal D.M. 9 luglio 2009 e ​ ss.mm − abilitazione di accompagnatore turistico diploma di scuola secondaria superiore del ciclo del sistema educativo, conseguito anche ​all'estero purchè ne sia valutata l'equivalenza da parte della competente autorità italiana (MIUR) − diploma di laurea diversa dalle lauree di cui al precedente punto • il candidato , inoltre, deve presentare in fase di presentazione della domanda almeno una delle seguenti attestazioni di conoscenza della lingua straniera per la quale chiede l'abilitazione: - certificazione di livello C1, per quanto riguarda le lingue europee, secondo il common framework of reference for languages, rilasciata da istituto autorizzato dal ministero dell'istruzione , ricerca ed università, di almeno una lingua straniera − diploma di laurea magistrale nella lingua straniera richiesta per l'abilitazione − attestato di idoneità o equipollenza del titolo di studio o certificazione, per quanto riguarda le lingue extraeuropee − attestazione per i candidati “ madrelingua”, di titolo di studio equivalente almeno alla scuola secondaria di secondo grado, conseguito nella lingua madre, indipendentemente dal paese di nascita o nazionalità dei genitori − abilitazione di accompagnatore turistico per la lingua straniera richiesta. DOMANDA DI AMMISSIONE • le domande di ammissione all'esame di abilitazione, unitamente al possesso dei documenti necessari, saranno indirizzate alle Regioni e alle Provincie autonome e dalle stesse o dalle commissioni nominate verificate. • L'esame si svolgerà in sessioni uniche periodiche oppure alla fine del corso di formazione • tutta la modulistica necessaria è disponibile sul sito della Regione e delle province autonome. SESSIONE D'ESAME Le Regioni e le Province autonome singolarmente o in accordo con altre Regioni o Province autonome possono organizzare ed indire sessioni d'esame comuni per l'abilitazione alla professione di Guida Turistica Nazionale • la sessione d'esame è indetta con provvedimento del dirigente ____________o di un suo delegato della Regione e delle Provincie autonome, e sarà pubblicato sul sito web della Regione e delle province autonome e diffusa anche attraverso le associazioni di categoria. Con tale provvedimento saranno altresì stabiliti i termini entro i quali i candidati dovranno presentare la domanda di ammissione. • L'esame consiste in due distinte prove 1) una prova scritta sulla base di 80 domande con quattro risposte predefinite di cui solamente una corretta 2) un esercitazione su un caso pratico ovvero esame orale, concernente quattro itinerari scelti tra le tipologie indicate nello standard dell'unità di competenza 1 di cui all'art1 comma 1 lett a) del decreto attuativo art. 3 L.n.97/2013 • per ciascuna delle prove di cui al precedente comma il candidato dispone di due ore. • Il punteggio è espresso in centesimi, il punteggio minimo è pari a 60/100, il punteggio massimo è pari a 100/100 i) per la prova scritta su base di 80 domande il punteggio minimo è pari a 40/100 e il massimo è pari a 60/100 ii) per la prova orale il punteggio minimo è pari a 20/100 e il massimo è pari a 40/100 • il punteggio minimo nella prova scritta si ottiene rispondendo esattamente ad almeno il 50% dei quesiti • il punteggio minimo nella prova orale si ottiene conseguendo la sufficienza ( con riferimento ad almeno due itinerari su quattro) • l'esito degli esami è verbalizzato e sottoscritto da tutti i componenti della Commissione ed inviato, a cura del Presidente della commissione, all'ufficio competente della Regione e/o Provincia autonoma ( o Amministrazione da essa delegata) • in caso di superamento dell'esame l'ufficio competente della Regione e/o della Provincia autonoma ( o Amministrazione da esse delegata) in cui è stato sostenuto l'esame provvede al rilascio degli attestati di abilitazione e del tesserino di cui all'art.9 del D.M su format unico e con l’indicazione della Regione e/o Provincia Autonoma presso la quale si è conseguito. COMMISSIONE D'ESAME Le Regioni e le Province autonome o le Amministrazioni da esse delegate (eventuali centri di formazione), costituiscono la Commissione d'esame secondo i principi di trasparenza e tracciabilità delle procedure regolamentate dai singoli Enti. Nel caso di collaborazioni tra Regioni e Province autonome la Commissione sarà nominata in maniera paritetica tra gli Enti. COMPITI DELLA COMMISSIONE • Nell'ambito di ogni sessione d'esame la Commissione terrà le seguenti sedute per espletare le seguenti formalità: - seduta preliminare nella quale sarà fissata la sede, la data o le date e l'ora delle prove d'esame. Previa istruttoria eseguita dall'Ufficio preposto, in ordine alla verifica dei requisiti morali e dei titoli per l'ammissione agli esami, valutare la regolarità delle domande presentate dagli aspiranti e redigere l'elenco completo delle domanda d'esame, delle relative risposte e della chiave di risoluzione - seduta o sedute con la quale accertare, mediante i previsti esami le condizioni per il riconoscimento dell'idoneità dei candidati per il conseguimento dell'abilitazione allo svolgimento della professione di Guida Turistica SVOLGIMENTO DELLE PROVE • A seguito dei controlli relativi all'identificazione dei candidati, la Commissione consegna a ciascuno di essi, in maniera del tutto casuale una busta chiusa, priva di qualsiasi segno di identificazione, contenente le 80 domande che costituiranno, per ciascun candidato, la sua prova d'esame. • I candidati che si presentano dopo l'avvenuta consegna delle buste non saranno ammessi alla prova • al termine della prova, le schede dovranno essere riconsegnate senza scritte o annotazioni di alcun genere pena l'invalidazione • il candidato dovrà barrare esclusivamente con un segno X la risposta che ritiene esatta. • La risposta verrà considerata errata anche nei seguenti casi: - segno X apposto al di fuori delle caselle destinate alle risposte - segno X mancante - segno X apposte entrambe le lettere “V” ed “F” - altre modalità di contrassegno diverse dal segno X MANCATO CONSEGUIMENTO DELL'IDONEITA' Il candidato non risultato idoneo potrà sostenere di nuovo l'esame nella sessione immediatamente successiva previa ripresentazione dell'istanza di ammissione e pagamento dei diritti di segreteria ATTESTATO DI ABILITAZIONE PROFESSIONALE ED ISCRIZIONE ALBO NAZIONALE GUIDE TURISTICHE Entro 60 giorni dal superamento dell'esame viene rilasciato il titolo di abilitazione attestante l'idoneità all'esercizio della professione di Guida Turistica Nazionale. Il conseguimento del titolo di abilitazione allo svolgimento della Professione di Guida Turistica Nazionale comporta l'iscrizione automatica da parte delle Regioni abilitanti “all’Elenco delle Guide Turistiche Nazionali” pubblicato sul sito web istituzionale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MIBACT)

Potrebbe Interessarti

  • Cronaca

    VIDEO | Crollo a Balduina: le immagini delle auto sprofondate per 10 metri

  • Economia

    VIDEO | Dentro lo stabilimento Amazon di Passo Corese, dove gli operai pensano e i robot lavorano

  • Cronaca

    VIDEO | Neve ai Castelli Romani: le immagini di Velletri imbiancata

  • Cronaca

    VIDEO | Pestato sulla metro dal branco, le immagini delle violenze contro il 16enne

Torna su
RomaToday è in caricamento