Troppi debiti? Strategie e rimedi all'insolvenza ed alla crisi d'impresa

Dagli anni Novanta ad oggi le crisi aziendali rappresentano in Italia un fenomeno di enorme portata. Il preoccupante aumento dei casi di crisi si evince chiaramente dall'analisi dei dati relativi al fallimento di aziende un tempo solide, che per anni in Italia hanno garantito migliaia di posti di lavoro

Dott. Tommaso Bongermino

Sempre più spesso le aziende entrano in crisi, soprattutto per le difficoltà legate alla liquidità, al difficile recupero dei crediti vantati ed al sovraindebitamento. Solo nell'anno 2014 si è registrata una media di 62 fallimenti al giorno: più di due ogni ora! Un nuovo record negativo è stato tristemente segnato nel corso dell'ultimo trimestre 2014: a causa dell'impossibilità di pagare i propri debiti 4.502 imprese sono state dichiarate fallite, spesso con gravi conseguenze di natura penale per gli imprenditori! 

In sei anni sono scomparse oltre 75 mila imprese. Lombardia, Lazio e Campania le regioni più colpite. Edilizia e commercio i settori in maggiore sofferenza.

Immagine-8-69

Oggi però in molti casi è possibile trovare una soluzione. Seppur con clamoroso ritardo rispetto all’ormai conclamato stato di crisi dell’economia del Paese, il Legislatore nazionale, spinto anche dagli innumerevoli casi di cronaca e disperazione che hanno visto protagonisti gli imprenditori italiani, ha tentato di dare voce alle necessità imprenditoriali attraverso vari interventi di riforma della Legge fallimentare (in particolare meritano di essere citati, il nuovo concordato preventivo sia liquidatorio che in continuità, la transazione fiscale e la ristrutturazione del debito), ma anche mediante l'istituzione di nuovi strumenti giuridici sul sovraindebitamento dei soggetti non fallibili (Legge 3/2012). 

Possibili soluzioni alla crisi ed all'assenza di liquidità arrivano anche dall'Estero. Nasce infatti negli Stati Uniti il metodo, oggi in voga anche in Italia, della cessione dell'azienda con debiti ad investitori o professionisti esperti che, pressoché a proprie spese, mediante la creazione di "new company" e "bad company", si occupano della gestione della debitoria e dei crediti problematici a concretizzarsi in valore.  Ciò è dimostrato dalle statistiche da cui emerge che migliaia sono le ricerche, effettuate tramite Google, con l'utilizzo di parole chiave quali "cessione azienda in crisi" o "cessione azienda con debiti". 

Gli strumenti possibili per evitare il fallimento sono quindi diversi: concordato preventivo in continuità o liquidatorio, operazioni straordinarie di scissione e fusione, piano attestato, concordato stragiudiziale, trust, cessione di azienda con debiti, piano di sovraindebitamento, innovativi piani di marketing, accordi con le banche ed acquisizione di nuova liquidità, migliore gestione dei lavoratori dipendenti, ingresso di nuovi soci investitori e molto altro ancora. 

Allora quali strumenti utilizzare? Quali strategie adottare? Se è vero che i problemi sono per lo più comuni a tutte le aziende in crisi, le possibili soluzioni sono differenti caso per caso, perciò occorre affiancare all'azienda ed agli imprenditori professionisti seri ed esperti che, in seguito ad uno studio preliminare dell'azienda, possano individuare la giusta strada da seguire per tutelare il patrimonio dell'imprenditore e per liberarlo dall'affanno dei debiti e dai rischi penali di un fallimento, riconsegnandogli così la serenità che in passato, nonostante i sacrifici, ha permesso di creare valore e posti di lavoro. 

Tutti i sistemi di gestione delle crisi d'impresa devono rispettare alcune caratteristiche fondamentali: essere tempestivi; essere robusti dal punto di vista delle capacità di prevenzione; permettere interventi efficaci in tempi rapidi; consentire di mettere in campo competenze imprenditoriali, manageriali e finanziarie di livello elevato; operare con un grado accettabile di trasparenza e di equità.

Lo STUDIO KAT BUSINESS S.A.S. si è affermato negli ultimi anni come uno dei principali punti di riferimento per quegli imprenditori che decidono di "cambiare rotta" e di risanare la propria azienda attraverso il raffinato utilizzo delle soluzioni e strategie che il nostro sistema giuridico mette a disposizione. 

Lo Studio, composto da un vasto organico di Dottori Commercialisti, Avvocati e Revisori Legali dei conti, ha sede presso la città di Roma e la città di Lecce ed è raggiungibile anche sul web all'indirizzo http://www.katbusiness.it, ma opera in collaborazione con professionisti partner su tutto il territorio nazionale, vantando innumerevoli collaborazioni e casi di successo.

Il dott. Tommaso Bongermino, founder partner dello STUDIO KAT BUSINESS S.A.S., è un Dottore Commercialista ed un Revisore Legale, già affermato come uno dei principali esperti nel supporto alle aziende in crisi. Aziendalista e studioso del Diritto Commerciale, è sempre alla ricerca di nuove strategie giuridiche ed aziendali che permettano il salvataggio e lo sviluppo di piccole e medie imprese per le quali il futuro non è roseo. 

Il dott. Tommaso Bongermino afferma: “Molti dei fallimenti dichiarati in Italia si sarebbero potuti evitare se gli imprenditori, ormai delusi dalla attuale governance politica ed esclusi dal sistema bancario, si fossero fatti assistere da professionisti adeguatamente preparati. Oggi infatti disponiamo di strumenti tecnici e giuridici che non sono più appannaggio esclusivo delle grandi imprese. Dunque, puntare sulla preparazione dei professionisti è essenziale per aiutare le aziende ad uscire dalla crisi. L'errore più diffuso tra gli imprenditori che poi falliscono è proprio quello di pensare che tanto alla fine troverà sempre una soluzione per tamponare l'ennesimo debito. Ma, citando una famosa frase di Albert Einstein, "Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose".

Lo STUDIO KAT BUSINESS S.A.S., rivolgendosi non solo agli imprenditori ma anche ai commercialisti  ed agli avvocati, vuole essere il principale partner  per offrire soluzioni a chi non vede più vie d'uscita. 

Per saperne di più www.katbusiness.it - E-mail: info@katbusiness.it - Telefono 06.62200029 e 0832.1692145

Perché prima di perdere tutto, c'è sempre una soluzione!

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Incidente sul Raccordo Anulare: morto giovane agente immobiliare

  • Metro A, nuova fase dei lavori: per 6 giorni stop tra San Giovanni e Ottaviano

  • Ferragosto a Roma: gli eventi del 15 agosto per chi rimane o si trova in città

  • Donna trovata morta nei boschi: era a Fiumicino per il matrimonio della figlia

  • Concorso Mibac, bando per 1052 assunzioni in tutta Italia. Tutte le informazioni

Torna su
RomaToday è in caricamento