McDonald's e Chef Express verso la chiusura: a rischio i lavoratori della stazione Roma Termini

L'allarme dei sindacati: 220 i posti di lavoro a rischio. Richiesto un tavolo a Grandi Stazioni

E' allarme per i lavoratori di Termini. La cessazione del contratto di locazione tra Grandi Stazioni e il marchio Chef Express comporterà la riconsegna di molti dei locali alla società proprietaria dello scalo romano. Verso lo chiusura una serie di marchi di riferimento a Termini: McDonald's Termini Galleria, Ristorante Gusto, Bar Galleria Centrale Mokà, Gourmet Mr. Panino, Pizzeria Rosso Sapore, Centro Produzione panini. In totale rischiano il posto di lavoro 220 persone. 

A lanciare l'allarme le organizzazioni Sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl, UilTuCS- UIL  che denunciano "la loro preoccupazione per la salvaguardia dei livelli occupazionali a seguito di una imminente disdetta/ cessazione del contratto di locazione stipulato dalla Chef Express Spa  con la società Grandi Stazioni Retail Spa" .

La  Chef  Express  Spa ha dichiarato che al netto delle nuove aperture previste, residua comunque  un esubero pari al 50% del monte ore complessivo presso il  sito della stazione Roma  Termini" 

In pratica, come già noto da tempo, Grandi Stazioni ha in programma alcuni lavori di rinnovamento delle strutture che attualmente ospitano i locali. Al loro posto dovrebbero sorgere dei nuovi format, prettamente gastronomici, ma al momento non si sa quanti di questi saranno gestiti da Chef Express. Anche per questo la società del gruppo Cremonini ha fatto presente che non sarà in grado di assorbire totalmente il monte ore attualmente occupato a Termini. Da qui i timori dei sindacati. 

Timori a cui siaggiunge anche l'incertezza che l'azienda Autogrill ha esplicitato circa la scadenza delle concessioni previste per il 2020. "Va ricordato", spiegano i sindacati, "che sui locali autogrill di termini è già in essere un contratto di solidarietà e pur non essendo ad oggi dichiarati esuberi permangono i dubbi circa l'esito delle scadenze per il 2020".

Filcams Cgil, Fisascat Cisl, UilTuCS- UIL parlano di possibile dramma sociale per Roma. Cristina Silvestri di Fisascat Cisl a RomaToday: "Con lo scopo di scongiurare il rischio per il futuro occupazionale  di tante lavoratrici e lavoratori con conseguenti ripercussioni per le loro famiglie, le organizzazioni sindacali richiederanno a Grandi Stazioni l'attivazione di un tavolo di confronto per la salvaguardia occupazionale".
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento