Roma: un'estate per la rifondazione giallorossa

Con o senza Champions League il cambiamento è necessario

Che arrivi o meno la qualificazione in Champions League per la prossima stagione, la Roma durante la prossima sessione di calciomercato estivo dovrà per forza di cosa effettuare una rifondazione della squadra. In realtà lo smantellamento dello status quo giallorosso è già arrivato a stagione in corso con la separazione sia dal direttore sportivo Ramón Rodríguez Verdejo, noto più semplicemente come Monchi, che dall'allenatore Eusebio di Francesco di cui ha preso il posto il traghettatore Claudio Ranieri. Il tecnico infatti al 99% alla fine del campionato lascerà la Roma ed il primo tassello di questa rifondazione parte proprio dall'allenatore sui cui anche i siti monitorati da Gallina Scommesse stanno prendendo in considerazione l'evolversi della situazione.

Il sogno dei tifosi giallorossi si chiama senza ombra di dubbio Antonio Conte. L'ex tecnico di Juventus e Chelsea ha dichiarato di voler tornare in pista sin dall'inizio della prossima stagione e sarebbe anche l'unico tra i top manager ad accettare anche una squadra non qualificata alla prossima Champions. Per il tecnico pugliese però l'importante è il progetto a medio termine e se accettasse l'offerta giallorossa vorrebbe sicuramente ampie garanzie da questo punto di vista.

Se pur attualmente non si possa dare per certo l'arrivo di Conte alla Roma, c'è un elemento che porta a pensare ad un esito positivo della trattativa. Manca soltanto infatti la firma all'approdo di Gianluca Petrachi, attuale direttore sportivo del Torino, alla squadra giallorossa. Non è un mistero che Petrachi sia un grande amico dell'ex commissario tecnico della nazionale ed il suo arrivo alla Roma sembra un chiaro passo di avvicinamento tra le due parti. Tra l'altro Petrachi porterà con sé nella società giallorossa due suoi fedelissimi: Pantaleo Longo e Antonio Cavallo, attualmente segretario generale del Torino il primo e uomo di riferimento degli osservatori granata il secondo.

Che sia Conte o meno il nuovo allenatore della Roma, c'è poi una rosa dei giocatori da costruire, cercando di perdere meno pezzi pregiati possibile. Il primo della lista è indubbiamente Nicolò Zaniolo su cui tutti i grandi club italiani ed europei hanno messo da tempo gli occhi. Probabilmente molto dipenderà dall'approdo o meno in Champions League in questo caso anche se la tifoseria giallorossa sogna che proprio intorno al giovanissimo giocatore si possa costruire la Roma del futuro.

Altra insidia da respingere è quella juventina che avrebbe messo Kōstas Manōlas nel mirino per rinforzare il proprio reparto difensivo, ma sembra che proprio il giocatore greco abbia espresso la volontà di rimanere giallorosso, cosa che presupporrebbe una proroga del contratto.

L'arrivo di Conte potrebbe poi bloccare la cessione di Dzeko, dato fino a qualche settimana fa sicuro partente. L'attaccante bosniaco viene considerato ideale per l'idea di calcio proposta dall'allenatore ed intorno a lui si pensa ad una squadra molto giovane. Ecco dunque che si parla con insistenza dell'arrivo del portiere del Cagliari, già nel giro della nazionale, Cragno e del talentuoso centrocampista del Brescia, anche lui già convocato da Roberto Mancini in azzurro,Tonali. Due giovanissimi che però hanno già dimostrato di essere pronti per un eventuale passaggio in una big del campionato italiano. Sempre dal Cagliari si segue con molta attenzione anche Nicolò Barella ma la Roma dovrà superare una concorrenza davvero agguerrita sia in Italia che in Europa.

Tutto da definire invece il futuro di alcuni giovani potenziali talenti in rosa della Roma. Stiamo parlando di Schick, Under e Kluivert che quest'anno non sono riusciti ad esprimere le loro potenzialità. La loro permanenza o meno a Trigoria dipenderà in larga misura dalle scelte del nuovo allenatore in funzione della propria visioni tattica e del fatto che i tre giocatori siano o meno funzionali al progetto.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Centri anziani al collasso: "Noi abbandonati dal Comune, senza regolamento e fondi inesistenti"

  • Cronaca

    Narcotrafficanti a Montespaccato, 18 arresti. Avevano legami con Ndrangheta e Sacra Corona Unita

  • Cronaca

    Padre ucciso dalla figlia a Monterotondo: Deborah torna libera. Per la Procura è legittima difesa

  • Politica

    Busta con un proiettile a Salvini: plico sequestrato al centro postale di Roma

I più letti della settimana

  • Sciopero: domani a Roma metro, bus e Cotral a rischio. Gli orari e tutte le informazioni

  • Atac: domani stop serale di Roma-Lido e Roma-Civitacastellana-Viterbo. Attivi bus navetta

  • Incidente Casilina: trovata morta sul marciapiede vicino alla Metro C, caccia al pirata della strada

  • Roma, maratone ed eventi sabato 18 e domenica 19 maggio. Strade chiuse e bus deviati

  • Tor Pignattara: cadavere trovato in strada, è morto Saor il trapper di Centocelle

  • Incidente sulla via Tiburtina: investito da un tir, morto un ciclista

Torna su
RomaToday è in caricamento