Riders, Zingaretti: "Entro luglio nel Lazio la legge più moderna d'Italia"

La replica del governatore all'annuncio di Luigi Di Maio

Nicola Zingaretti, Ansa/Angelo Carconi

"Entro luglio promuoveremo la legge più moderna d’Italia sul lavoro digitale". Non si è fatto cogliere impreparato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, di fronte alla prima azione da ministro del Lavoro di Luigi Di Maio, che questa mattina ha incontrato una delegazione di riders, i fattorini per le consegne a domicilio. "Un fatto positivo" il commento del governatore. 

"Nel Lazio non abbiamo perso tempo" ha spiegato su Facebook. "Abbiamo proposto la ‘carta dei diritti del lavoro digitale’, stiamo ascoltando lavoratori, sindacati, giovani e piattaforme, portando avanti la consultazione online. Entro luglio" ha spiegato ancora "promuoveremo la legge più moderna d’Italia sul lavoro digitale. Vogliamo dare diritti a chi non ne ha, pronti a un impegno comune con il Governo per raggiungere questo obiettivo”.

Anche Luigi Di Maio ha spiegato i suoi primi passi da ministro su Facebook: "Il mio primo atto è stato quello di incontrare lavoratori che consegnano in bicicletta, sono il simbolo di una generazione abbandonata, che non ha tutele e a volte nemmeno un contratto" ha fatto sapere Di Maio su Facebook. L'incontro di oggi, continua il neo ministro, "è un primo piccolo passo. Vogliamo dare un segnale a chi ha un lavoro e chiede un po' di dignità. Lo possiamo fare con le leggi, con una paga minima oraria e soprattutto favorendo il confronto tra grandi gruppi internazionali e ragazzi che chiedono diritti minimi e non chiedono la luna".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La decisione di Di Maio non è piaciuta ai sindacati: "Bene che il neo ministro del Lavoro come primo atto si occupi dei temi del lavoro e della precarietà nella consegna e distribuzione delle merci" afferma la segretaria nazionale della Filt Cgil Giulia Guida. "Questi temi vanno però affrontati nel rispetto delle relazioni industriali e del lavoro avviato per garantire regole, diritti e piena applicazione del contratto nazionale Logistica, Trasporto Merci e Spedizione, contrastando il sistema distorto degli appalti e subappalti". Poi conclude: se Di Maio "vuole affrontare in maniera costruttiva e coordinata questo tema, come già sta avvenendo a livello regionale, deve ripartire da ciò che è già stato fatto e convocare da subito un incontro nazionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Conto troppo salato da Federico Fashion Style: cliente si rifiuta di pagare e scoppia il parapiglia

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus Fiumicino, dopo ristorante chiuso un chiosco sul lungomare: positivi i titolari del locale

  • Coronavirus: a Roma oggi tre nuovi contagi, sono 862 i casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Fiumicino positivo dipendente di un ristorante. Il sindaco: "Tampone e isolamento per i clienti"

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi contagi, altri 8 a Fiumicino. Sono 827 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento