È fase 2 anche per fiere e mercatini: accessi scaglionati e corsie a senso unico

Le linee guida per il commercio al dettaglio su aree pubbliche. Cosa cambia per mercati, fiere e mercatini degli hobbisti

foto d'archivio

La macchina economica, produttiva e ricreativa italiana ha riacceso i motori dallo scorso 18 maggio. Siamo ufficialmente entrati nella fase 2 bis, quella che ridà maggiori libertà a tutti, seppur nel rispetto di protocolli e rigide misure di sicurezza.

A riaprire anche il commercio al dettaglio, quello all'interno nei negozi ma anche su aree pubbliche. Ripartono, dunque, mercati, fiere e mercatini degli hobbisti, ma con quali misure? Anche per queste attività sono state stilate delle linee-guida per contingentare gli ingressi, rispettare il distanziamento sociale, prevenire in ogni modo il contagio da Covid-19.

Fase 2 bis: riaprono outlet e centri commerciali. Le linee guida per la ripartenza

Linee guida per mercatini e fiere

In contesti in cui, prima del Covid-19, l'assembramento era la normalità, ci sono nuove misure da rispettare, linee guida che ridisegnano completamente l'identità di mercati, mercatini degli hobbisti e fiere.

Di seguito le linee guida per il commercio al dettaglio su aree pubbliche:

  • Contingentamento degli ingressi e la vigilanza degli accessi, (punti 1, 4, 5, 6, 7 lett. c) e 8 dell’allegato 5 del DPCM 26 aprile 2020):
  • Mantenimento in tutte le attività e le loro fasi del distanziamento interpersonale;
  • Accessi regolamentati e scaglionati in funzione degli spazi disponibili, differenziando, ove possibile, i percorsi di entrata e di uscita.
  • Ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per la disinfezione delle mani. In particolare, detti sistemi devono essere disponibili accanto ai sistemi di pagamento.
  • Uso dei guanti "usa e getta" nelle attività di acquisto, particolarmente per l’acquisto di alimenti e bevande.
  • Utilizzo di mascherine sia da parte degli operatori che da parte dei clienti, ove non sia possibile assicurata il distanziamento interpersonale di almeno un metro.
  • Informazione per garantire il distanziamento dei clienti in attesa di entrata: posizionamento all’accesso dei mercati di cartelli almeno in lingua italiana e inglese per informare la clientela sui corretti comportamenti.

Competenze dei Comuni

Sarà compito dei singoli Comuni, dove si svolgono mercati, fiere e mercatini degli hobbisti, regolamentare le gestione di questi, previo apposito accordo con i titolari dei posteggi, individuando le misure più idonee ed efficaci per mitigare il rischio di diffusione dell’epidemia
di Covid-19, tenendo in considerazione la loro localizzazione, le caratteristiche degli specifici contesti urbani, logistici e ambientali, la maggiore o minore frequentazione, al fine di evitare assembramenti ed assicurare il distanziamento interpersonale di almeno un metro nell’area mercatale.

In particolare i Comuni nella propria regolamentazione dovranno prevedere idonee misure logistiche, organizzative e di presidio per garantire accessi scaglionati in relazione agli spazi disponibili per evitare il sovraffollamento dell’area mercatale ed assicurare il distanziamento sociale.

Per assicurareciò possono essere valutate anche le seguenti ulteriori misure:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  • Corsie mercatali a senso unico;
  • Posizionamento di segnaletica (orizzontale e/o verticale) nelle zone prossimali ai singoli banchi e strutture di vendita per favorire il rispetto del distanziamento;
  • Maggiore distanziamento dei posteggi ed a tal fine, ove necessario e possibile, ampliamento dell’area mercatale;
  • Individuazione di un’area di rispetto per ogni posteggio in cui limitare la concentrazione massima di clienti compresenti, nel rispetto della distanza interpersonale di un metro.
  • Ove ne ricorra l’opportunità i Comuni potranno altresì valutare di sospendere la vendita di beni usati.

Misure a carico del titolare di posteggio:

  • Pulizia e igienizzazione quotidiana delle attrezzature prima dell’avvio delle operazioni di mercato di vendita
  • Obbligatorio l’uso delle mascherine, mentre l’uso dei guanti può essere sostituito da una igienizzazione frequente delle mani
  • Messa a disposizione della clientela di prodotti igienizzanti per le mani in ogni banco;
  • Rispetto del distanziamento interpersonale di almeno un metro.
  • Rispetto del distanziamento interpersonale di almeno un metro dagli altri operatori anche nelle operazioni di carico e scarico;
  • In caso di vendita di abbigliamento: dovranno essere messi a disposizione della clientela guanti monouso da utilizzare obbligatoriamente per scegliere in autonomia, toccandola, la merce;
  • In caso di vendita di beni usati: igienizzazione dei capi di abbigliamento e delle calzature prima che siano poste in vendita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento