Marino chiede aiuto all'ABI per le famiglie colpite dall'alluvione

Nella lettera chiede la sospensione delle rate dei mutui e il posticipo della scadenza del prestito senza oneri aggiuntivi


Ignazio Marino è sceso in campo in aiuto delle famiglie colpite dall'alluvione che ha messo in ginocchio la Capitale il 31 gennaio. Il primo cittadino ha infatti deciso di scrivere una lettera indirizzata a Frederik Geertman, Presidente della Commissione Regionale ABI del Lazio, per sospendere le rate dei mutui e per posticipare la scadenza del prestito senza oneri aggiuntivi. "Mi rivolgo all’Associazione da Lei presieduta affinché, nel quadro valoriale di sostegno e tutela della stabilità finanziaria di famiglie ed imprese, - si legge nella lettera -  voglia favorire l’avvio delle possibili misure utili di competenza per coadiuvare il processo di uscita dall’emergenza, con particolare riferimento alla sospensione delle rate dei mutui e  dei finanziamenti e il posticipo della scadenza del prestito senza oneri aggiuntivi".

Una missiva in cui Marino ci tiene a sottolineare la difficile situazione economica, privata e lavorativa, in cui imperversano molte famiglie della capitale e evidenzia la necessità dell'attuazione di provvedimenti straordinari di sostegno e di assistenza.
L'augurio del primo cittadino è che, con un intervento diretto e tempestivo dell'ABI, le iniziative già attuate da alcune compagnie di credito, possano diventare pratica generalizzata. Chiude la lettera di missiva dichiarandosi favorevole e disponibile a un incontro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune di Roma assume, 1512 i posti a disposizione: ecco il concorsone

  • Blocco traffico, a Roma diesel fino a Euro 6 vietati anche venerdì 17 gennaio

  • Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Blocco auto: chi può circolare a Roma domani 19 gennaio

  • Blocco traffico, a Roma diesel vietati anche domani: smog ancora alle stelle

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

Torna su
RomaToday è in caricamento