Primo Maggio, lavoratori Usb in protesta davanti a Zara: "Stop ai maxistore, #noinonsiamoinvendita"

L'appuntamento davanti ai negozi di via del Corso, via Appia, via Cola di Rienzo. "In piazza per tutti i lavoratori costretti a passare un giorno di festa tra gli scaffali di un supermercato o di un centro commerciale di periferia"

#noiNONsiamoinvendita è l'hashtag che accompagnerà le manifestazioni dei lavoratori del commercio aderenti all'Usb che protesteranno il Primo Maggio in tutta Italia, anche nella Capitale. "Contro l'apertura di negozi e centri commerciali, per potersi riappropriare di una festività che qualcuno vorrebbe sopprimere, finanche nella memoria e nel suo significato più profondo" spiegano dal sindaco tramite un comunicato stampa. 

L'appuntamento è davanti ai negozi Zara, in via del Corso, a San Giovanni, in via Cola di Rienzo. Come a Roma la protesta è anche a Milano, Bologna, Firenze, Napoli, Bari e Vicenza, "al fianco dei lavoratori per dire NO a questo modello di consumo.

"Il Primo Maggio non è un giorno qualsiasi - commenta Francesco Iacovone, dell'Esecutivo Nazionale Usb Lavoro Privato - Eppure tanti lavoratori del commercio sono costretti a passare questo giorno di festa nei negozi del centro delle nostre città, tra gli scaffali di un supermercato o all'interno di un centro commerciale di periferia". 

"L'80% dei lavoratori del commercio e della grande distribuzione sono donne. Il lavoro nei giorni festivi sta rendendo loro la vita sociale e familiare impossibile  - sottolinea il sindacalista – tra l'altro con contratti part time, precari e con salari bassissimi che occupano tanto tempo e restituiscono pochissimo reddito". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Con la lotta nella giornata più importante per i lavoratori di tutto il mondo, intendiamo rimettere al centro il diritto delle lavoratrici e dei lavoratori alle feste, ad un salario e ad un lavoro all'insegna della dignità, e vogliamo affermare il diritto di critica e di rappresentanza di un sindacato fuori dal coro, che ha scelto bene da che parte stare" conclude Iacovone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Sciopero a Roma: venerdì 10 luglio a rischio metro e bus, gli orari e le fasce di garanzie

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

Torna su
RomaToday è in caricamento