Emergenza casa, le proposte di Legambiente e Sunia

Lorenzo Parlati presidente Legambiente Lazio: "Servono politiche innovative che non vadano a toccare l’agro romano ma attuino il PRG". Franco Chiriaco del Sunia: "E’ necessario ridurre gli affitti"

Per risolvere il problema dell’emergenza abitativa a Roma non serve costruire ulteriori alloggi, ma  attuare il Piano Regolatore Generale, approvato dal Consiglio Comunale capitolino con deliberazione 18 il 12 febbraio del 2008. Ad affermarlo è Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio, che partecipando al dibattito su “Le politiche dell'abitare nella regione” alla festa della CGIL Lazio, svoltasi lo scorso 17 settembre alle Terme di Caracalla, a Roma, ha dichiarato: “I numeri resi noti dal S.U.N.I.A (Sindacato nazionale unitario inquilini e assegnatari)  sono chiarissimi, nella Capitale, a fronte di 50mila famiglie senza casa ci sono ben 245mila alloggi vuoti. Offerta e domanda non si incrociano, servono allora politiche innovative che non vadano a toccare l’agro romano ma pieghino piuttosto quanto già previsto nel PRG per rispondere alla domanda di casa”.

Nel dettaglio sono sette le proposte di Legambiente per risolvere il problema dell’emergenza abitativa nella Capitale: avviare le centralità urbane e metropolitane da pianificare previste dal Piano Regolatore Generale, destinando la quota residenziale e flessibile prevista al mercato dell'affitto sociale; mutare le destinazioni d’uso “residue” dei piani di recupero urbano da commerciale a residenziale; revisionare il piano del commercio regionale nell’area romana; avviare i 35 piani di zona approvati con la delibera n. 53 del 2005; deterziarizzare; frazionare gli appartamenti con grandezze superiori a 180 mq.; individuare all’interno degli 81 programmi integrati residenziali le aree di “completamento” per l’emergenza abitativa. Mettere in pratica tali proposte significherebbe, infatti,  recuperare 29mila appartamenti senza utilizzare nessuna delle 300 aree che sarebbero state presentate nell’ambito del bando per l’housing sociale.

Presente all’incontro organizzato dalla CGIL anche il Segretario Generale del Sunia, Franco Chiriaco, che nel corso della conferenza ha dichiarato: “Annunciare criticabili piani casa che dovrebbero immettere sul mercato 100mila abitazioni in affitto o in proprietà agevolata nei prossimi cinque anni assume il sapore di una beffa per l’esiguità dei finanziamenti che non potranno mai garantire le quantità necessarie e per i tempi di realizzazione che non sarebbero comunque brevi”.

Quello che serve per risolvere l’emergenza abitativa è ridurre il livello degli affitti. I dati rilevati negli ultimi sei mesi dal S.U.N.I.A segnalano, infatti, due elementi: il significativo calo dei valori immobiliari non ha trascinato un analogo necessario ribasso dei canoni richiesti dall’offerta in locazione; l’impossibilità di incontro agli attuali livelli di affitto tra capacità reddituale della domanda e aspettative dell’offerta, confermata dall’impennata degli sfratti per morosità degli ultimi anni.

“Di fronte a questa realtà è necessario quindi, ha concluso Franco Chiriaco, che il Governo apra al più presto un tavolo di confronto per mettere mano alla riforma del regime delle locazioni, alla fiscalità di settore ed alle misure di sostegno alla domanda debole a partire dalle famiglie sottoposte a sfratto per morosità”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Quando si possono riaccendere i termosifoni? Ecco date e orari

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

Torna su
RomaToday è in caricamento