Lotta allo spreco, il CAR: "Nel 2018 recuperate 1090 tonnellate di cibo"

I generi alimentari ridistribuiti alle onlus della Capitale accredita al circuito "Cibo che serve"

Sono oltre 1090 le tonnellate di frutta e verdura fresca recuperate dal Centro Agroalimentare di Roma (CAR) e poi ridistribuite alle onlus della Capitale e della Regione Lazio accreditate al progetto "Il Cibo che serve" ideato dalle ACLI di Roma e Provincia. È di 2.180.000,00 di euro (ipotesi prezzo medio al dettaglio di 2 euro/Kg) la stima del valore di mercato dei prodotti recuperati e del potenziale risparmio.

Un impegno contro lo spreco, quello del CAR, che è cresciuto del 50% rispetto al 2017 quando furono recuperate 600 tonnellate di cibo fresco. Un'attività che, oltre all'attenzione del Centro Agroalimentare di Roma, si avvale della collaborazione stabile delle ACLI di Roma e Provincia, presenti al CAR con un presidio a sostegno delle persone indigenti, quale braccio operativo per immettere nel «mercato solidale» frutta, verdura e pesce fresco.

L'impatto ambientale dei prodotti recuperati dal CAR fornisce una stima delle risorse naturali impiegate in fase di produzione e quindi non sprecate:

2.207 cassonetti di rifiuti evitati; 354 piscine olimpiche di acqua non sprecate (acqua per produrre i prodotti recuperati); 9.538 viaggi in auto Roma – Milano inquinerebbero come la CO2 prodotta in fase di produzione dei prodotti recuperati; 1.036 campi da calcio equivalgono alla superficie di territorio che sarebbe necessaria per compensare gli impatti dei prodotti recuperati; 1.144.500 H2O non sprecata;  1.226.250 CO2 non sprecata.

"La maggiore parte degli operatori del CAR – dichiara Valter Giammaria presidente di CAR - sono da sempre sensibili a queste tematiche e sono i nostri primi alleati in questa vera e propria battaglia di civiltà per non gettare il cibo buono e per rimetterlo nei tanti circuiti solidali della nostra città e della nostra Regione".

"Un risultato importante – spiega Fabio Massimo Pallottini, direttore generale di CAR -  a testimoniare che siamo sulla strada giusta per contrastare gli sprechi e per fare crescere una corretta cultura dell'utilizzo e riutilizzo del cibo ancora fresco e perciò buono".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il CAR - aggiunge Pallottini- anche attraverso queste iniziative, si configura sempre più, nell'ambito urbano, luogo vitale e partner di rilevanza del tessuto commerciale ed imprenditoriale, logistico e distributivo romano e laziale. Grazie alla fattiva collaborazione di un terzo settore sempre più sistemico ed organizzato, il CAR si è consolidato in questi anni anche quale luogo di impegno nella profusione di buone pratiche e nell'esercizio della solidarietà. Tutto ciò ci rende una struttura all'avanguardia in Italia ed in Europa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

Torna su
RomaToday è in caricamento