Alstom: terminato l’incontro tra sindacati ed imprenditori

Si è concluso con un nulla di fatto l'incontro tra sindacati ed azienda per risolvere la crisi dell'Alstom di Colleferro. La mobilitazione continua in modo serrato fino al 16 ottobre in attesa dell'incontro al Ministero delle attività produttive

Si è concluso stamane verso le 13.30 l’incontro tra i sindacati e gli imprenditori per cercare di dare soluzione al caso Alstom, l’azienda di Colleferro al centro della cronaca da ieri dopo il sequestro dei manager. L’incontro cruciale si è tenuto presso l’hotel Domus di Frascati dove si sono confrontati il CAE, organismo sindacale europeo del gruppo, e i vertici della multinazionale francese.

I lavoratori in sciopero hanno tenuto un sit-in pacifico per non far spegnere i riflettori sulla loro situazione e alla fine della riunione Paolo Caviglia, rappresentante sindacale dei dipendenti Alstom ha così illustrato la situazione a Roma Today: "L’incontro di oggi non ha rilevato nessun tipo di soluzione per scongiurare la chiusura della Alstom, ma è stato determinante per buttare giù una strategia per Colleferro e far rientrare lo stabilimento nel polo produttivo regionale, unica possibilità attualmente prospettabile".

Il piano di azione, venuto fuori dall’incontro di oggi, si sostanzia in tre punti fondamentali per cui prima di tutto l’azienda si è impegnata a restare nell’alveo delle procedure già aperte fino a tutto novembre 2009 fissando due importanti appuntamenti. Il primo il 9 ottobre presso l’Assessorato al Lavoro della Regione Lazio dove si incontreranno le organizzazioni sindacali con Alessandra Tibaldi, assessore regionale al lavoro per preparare l’incontro successivo  del 16 ottobre presso il Ministero delle Attività Produttive dove l’Alstom, la Regione Lazio, il Comune di Roma ed i sindacati apriranno il tavolo per la costituzione di un polo pubblico-privato nazionale per le manutenzioni del materiale rotabile.

“Fino al 16 ottobre staremo sul piede di guerra", ha sottolineato ancora Paolo Caviglia, "e porteremo avanti diverse iniziative una dietro l’altra come abbiamo fatto ieri ed oggi".

La segreteria della CGIL Pomezia-Colleferro ha invece così commentato i risultati ottenuti in queste giornate di mobilitazione: “La mobilitazione dei lavoratori ha contribuito a definire finalmente un crono-programma capace di dare soluzione ad una vertenza che da troppo tempo si trascina senza dare le adeguate risposte ai bisogni ed esigenze occupazionali del territorio. Le istituzioni e il Sindacato vigileranno affinché in tempi brevissimi si arrivi ad una soluzione positiva che mantenga il sito a Colleferro e la salvaguardia dei posti di lavoro.”
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Morto a 35 anni di Coronavirus, paura tra i colleghi di Emanuele: il call center chiude, la Regione spiega

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

Torna su
RomaToday è in caricamento