Nel mare di Santa Severa la villa romana sommersa di Epidauro

Nel corso dell'incontro, curato dal Museo Civico e dal Gatc, verranno presentati i risultati della prima campagna di scavo svoltasi in Grecia con la collaborazione di enti italiani

La villa romana sommersa di Epidauro: i risultati della prima campagna di scavo”. È questo il titolo della conferenza curata dal Museo civico e dal GATC (Gruppo Archeologico del Territorio Cerite) che si terrà venerdì 10 agosto alle ore 21.00, nel piazzale delle Barrozze, a Santa Severa.

L'evento fa parte del  ciclo di conferenze scientifico-divulgative “Cose, Uomini, Paesaggi del Mondo Antico” organizzate da Flavio Enei, archeologo e direttore del Museo del Mare e della Navigazione Antica di S. Severa, insieme al Gatc ed in collaborazione con la Regione Lazio, LAZIOcrea, Mibact, Comune di Santa Marinella e Coopculture.

La villa di Epidauro

La villa è stata nominata dagli archeologi "Villa romana dei dolia" per il gran numero di dolia (grandi giare o pithoi) scoperti in uno dei magazzini durante questa prima campagna (ne sono stati registrati circa 20). Il Progetto Pilota dedicato allo scavo e alla conservazione di una parte della villa romana sommersa in Epidauro di Palaia in Grecia è frutto della collaborazione tra l'Ephorate of Underwater Antiquities (EEA- Grecia), l'Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ISCR- Italia) e la Scuola Archeologica Italiana ad Atene (SAIA-Italia).Un progetto pilota che ha preceduto i lavori ufficiali, finanziato dall'ISCR e svoltosi a luglio 2017 con un seminario organizzato ad Atene ed Epidauro.

Le attività di scavo e conservazione del 2018 sono iniziate il 7 luglio e proseguiranno fino alla fine di luglio, mentre la prossima campagna si terrà nel 2019. Questa cooperazione tra ISCR, EEA e SAIA rappresenta un'eccellente opportunità per condividere le tecniche e le migliori pratiche in materia di conservazione "in situ" di siti archeologici sottomarini ed è stata condotta nell'ambito del progetto BLUEMED, in cui ISCR e EEA sono partner.

Le metodologie presenti nel progetto ISCR "Restoring Underwater" iniziato nel 2001 e utilizzato nella Baia sommersa e in diversi siti sommersi in Italia, sono ora adottati per la conservazione di questo sito sommerso greco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I direttori del progetto pilota sono Panagiota Galiatsatou, archeologo subacqueo dell'Ephorate of Underwater Antiquities e l'archeologa subacquea Barbara Davidde, direttrice del Nucleo per gli Interventi di Archeologia Subacquea dell'ISCR.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Coronavirus Fiumicino, dopo ristorante chiuso un chiosco sul lungomare: positivi i titolari del locale

  • Coronavirus, a Fiumicino positivo dipendente di un ristorante. Il sindaco: "Tampone e isolamento per i clienti"

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi contagi, altri 8 a Fiumicino. Sono 827 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

Torna su
RomaToday è in caricamento