“Un sacco bello” compie 40 anni. Verdone: “Racconta una Roma che non tornerà più”

Nel gennaio del 1980 usciva nelle sale il primo film di Carlo Verdone. Con un velo di malinconia l'attore e regista romano ha ricordato la pellicola

Sono trascorsi 40 anni dall’uscita di una delle pellicole più apprezzate dai romani. Nel gennaio del 1980 infatti, le sale cinematografiche, cominciarono a proiettare “Un sacco bello”. Il primo film diretto ed interpretato da Carlo Verdone.

Una pietra miliare

“Sono tornate a galla tante emozioni e tanti ricordi” ha commentato, sulla propria pagina facebook, l’attore e regista capitolino. La rievocazione di Verdone è velata di malinconia. Un sentimento che per sua stessa ammissione lo rispecchia molto e soprattutto caratterizza i tre personaggi del film. Un grande successo, una scommessa vinta da Sergio Leone che decise coraggiosamente di produrlo. Una pietra miliare del cinema italiano a cui, soprattutto il pubblico romano, ha costantemente tributato il proprio affetto.

Una Roma che non c'è più

“Vi ho consegnato un bel film, di un periodo che non tornerà più” ha sottolineato Verdone. Del resto non esiste più neppure quella città, che a ferragosto era sorprendentemente vuota. “All’epoca Roma aveva una grande anima, nella gente, nel popolo, nelle atmosfere, nei suoni, e c’era una grande poesia” ha ribadito il regista che si è soffermato poi sulla particolare condizione che si respirava in estate. Quando si sentiva “il rumore dell’acqua nelle fontane, quello dei campanili e di qualche motorino smarmittato che ogni tanto passava. “Quella era la Roma d’estate”, una città molto diversa dalla metropoli in cui viviamo.

Il palo della morte

Non esiste neppure più “il palo della morte”. Oggi, il traliccio dell’alta tensione, è stato sostituito da un albero. Si trova nella rotatoria tra via Giovanni Conti e via delle Vigne Nuove, in direzione del centro commerciale Porta di Roma Tutt’intorno è sorto un intero quartiere. Ma non per questo, a distanza di quarant’anni, i romani lo hanno dimenticato. Ogni anno, puntualmente, a ferragosto c’è chi si reca in pellegrinaggio “al palo della morte” . Si scatta una foto, magari con delle calze di nylon come quelle che Enzo voleva portare a Cracovia per adescare le ragazze. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La magia del cinema

Sull’albero che ha sostituito il vecchio traliccio dell'alta tensione c’è ora un cartello, con la scritta “pericolo di morte”. Il Municipio III vorrebbe sostituirlo con una targa commemorativa. A dimostrazione che, se anche quella Roma non esiste più, ci sono ancora romani che la apprezzano. E la ricordano attraverso le immagini di un film straordinariamente riuscito. “ Fortunatamente il cinema ha questa magia: rende immortali certi attori, certe immagini, certe atmosfere  - ha ribadito Verdone – e così diventano una carezza dell’anima”. Anche quarant’anni dopo. Tanti auguri “Un sacco bello”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Roma, dove ha colpito di più il Coronavirus? Ecco la mappa dei contagi nei municipi

  • Terremoto Roma: nella notte scossa di magnitudo 3, epicentro ad est della Capitale

  • Coronavirus: a Roma 39 nuovi contagiati, 4031 casi totali nel Lazio da inizio epidemia

  • Coronavirus, a Roma 45 nuovi contagiati: 3600 casi nel Lazio da inizio epidemia. "In continua crescita i guariti"

  • Coronavirus, 36 nuovi contagiati a Roma: 3186 gli attuali positivi nel Lazio. Trend per la prima volta è al 3%

Torna su
RomaToday è in caricamento