Roma colabrodo: tra buche e voragini "domani parte il piano anti buche"

Da via della Farnesina a via Acilia passando per Tor Bella Monaca e Gianicolense non si contano più buche e voragini, specie con la piogge degli ultimi giorni. L'assessore Pucci annuncia interventi

Corso Vittorio Emanuele

Domani partirà il piano buche. E le strade di Roma specie dopo la pioggia battente delle ultime 72 ore, ne hanno davvero bisogno. Ad annunciare interventi a tappeto per il rifacimento del manto stradale l'assessore ai Lavori Pubblici, Maurizio Pucci, che insieme al sindaco Marino la settimana scorsa ha presentato il Piano Strade, un cronoprogramma di interventi sulle vie di grande viabilità da svolgersi entro l'estate. Niente di più attuale viste le condizioni di strade e consolari romane. 

Si comincia da Piazzale Clodio (angolo con via della Giuliana), dove domani Pucci illustrerà il programma. Sempre domenica partiranno anche i cantieri sulla Tangenziale Est, tra Ponte delle Valli e Via Salaria, e in via Collatina, arteria che nei giorni scorsi ha registrato particolari criticità legate a pioggia, buche e voragini. 

Già, qui in poche ore trentaquattro macchine hanno subito danni. L'arteria è da tempo al centro di denunce dei comitati per le pessime condizioni del manto stradale, ma non è la sola. Sempre nei giorni scorsi, in un solo giorno, i vigili urbani sono intervenuti su 21 incidenti legati al maltempo.

Un'immagine che del resto i romani sono ormai abituati a vedere in ogni angolo della città appena piove: agenti della Polizia Locale a guardia di buche e voragini. Tantissimi i lettori che con il maltempo ci hanno segnalato strade colabrodo e dissesti pronti a riempirsi di fango e sporcizia al primo temporale, specie dai quartieri di Roma est.  

Torre Angela, via di Torre Nova, via di Tor Bella Monaca, "un campo minato", via Collatina appunto, specie nel tratto da piazza di Tor Sapienza a Nuova Ponte di Nona. Viale dei Romanisti, tra via Morforio e via di Torre Spaccata, via Silicella, "un inferno di buche e crateri", via Walter Tobagi, via Anagni, Via di Salone, via Palombarese, via Grotta di Gregna, via Casal de'Pazzi. La black list è lunghissima. E non solo a est. 

Segnalazioni anche in zona Magliana e da via Cristoforo Colombo, specie "dopo il semaforo della tenuta del presidente direzione Roma", e via del Fontanile Anagnino. Poi c'è il litorale, che da sempre ha il primato per buche e dissesti. Spostandoci verso nord abbiamo buche "definibili piuttosto dei crateri" in via Ranuccio Farnese, traversa di via della Farnesina.

Seguono viale della Moschea, viale Maresciallo Pilsudski, a ovest la Circonvallazione Gianicolense con le sue cavità sotterranee e via di Bravetta. Il centro storico non è da meno. "Queste le buche in Corso Vittorio Emanuele", ci segnala un lettore con foto che mostra chiaramente la pericolosità della via, specie se percorsa in scooter. Senza dimenticare piazza Venezia, con la pioggia quasi impercorribile.

PIANO STRADE  - Intanto il Campidoglio corre ai ripari. Insieme alla task force di lunedì, è partito il piano strade, approvato la settimana scorsa in Campidoglio. Duecentocinquanta mila metri quadrati di vie capitoline di grande viabilità da risanare entro il mese di marzo, il 15% entro l'estate, per un investimento di circa 6 milioni di euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Sciopero, a Roma lunedì 16 settembre a rischio i bus in periferia

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento