Ciampino: giornata da incubo in aeroporto, voli dirottati a Fiumicino. Procura indaga su incendio

Nella mattinata di martedì l'area del secondo scalo di Roma è stata temporaneamente evacuata. Alcuni voli sono stati dirottati a Fiumicino, per altri l'attesa è stata lunga

Dal principio di incendio, ai voli con ritardi fino a 6 ore, fino al trasferimento degli arrivi e delle partenze a Fiumicino. Giornata di passione, quella di martedì 19 febbraio, per i passeggeri dell'aeroporto di Ciampino. Una lunga odissea iniziata intorno alle 7:40 del mattino quando, forse per un corto circuito, si è verificato un principio di incendio con la presenza di fumo proveniente da una intercapedine nell'area interrata sottostante l'area Schengen.

L'epicentro del rogo, domato subito dai Vigili del Fuoco, era un locale magazzino che si trova sotto l'area 'duty free', e gestito dalla società esterna Ecofast. Non ci sono stati fortunatamente feriti o intossicati, ma l'area è stata interdetta e il terminal di Ciampino è stato evacuato, a scopo precauzionale, dalle 8 in poi. 

E' da qui che ha inizio la lunga giornata dei passeggeri. Intorno alle 10 lo scalo è stato riaperto agli atterraggi, con sette voli però dirottati sull'altro scalo romano, quello di Fiumicino. Intorno all'ora di pranzo si sono cominciati a smaltire i voli in partenza utilizzando l'area check in dei voli privati ma con ritardi medi delle partenze tra le 4 e le 6 ore.

Ad annunciare le operazioni di imbarco il personale di Aeroporti di Roma che, con megafono, ha aggiornato i passeggeri dell'evolversi della intricata situazione. Le diverse centinaia di passeggeri hanno così aspettato il proprio turno nel piazzale antistante lo scalo in attesa di salire sull'aereo, così come hanno testimoniato le immagini raccolte da RomaToday

Il video con le testimonianza dei passeggeri

Tra loro anche i tifosi della Lazio, presenti a Ciampino, in attesa di partire per Siviglia. Poi l'annuncio, alle 18:50, di Aeroporto di Roma: ​"Si informano i passeggeri che a causa dell’autorizzazione non ancora pervenuta per l'utilizzo della sala partenze da parte degli enti competenti tutti i voli in partenza e in arrivo sullo scalo di Ciampino saranno operati dall'aeroporto di Roma Fiumicino. Gli spostamenti dei passeggeri tra gli aeroporti saranno garantiti da un servizio di trasporto alternativo gratuito messo a disposizione dalle compagnie e da Aeroporti di Roma". Per buona pace dei passeggeri, con il Codacons che ha già annunciato ricorsi. 

Adr, che ha distribuito loro acqua e altri generi alimentari, ha presentato alla Procura della Repubblica una denuncia contro ignoti per "incendio colposo o doloso e per ogni altra fattispecie di reato individuabile".

"E' stato accertato infatti che il locale da dove si è originato il fumo era gestito dalla società esterna Ecofast - si legge in una nota della società che gestisce gli aeroporti di Roma - Peraltro l'impianto elettrico dell'aeroporto risulta intatto e di conseguenza non può essere stato la causa del principio di incendio, che è stato spento in meno di un minuto grazie ai sistemi di allarme perfettamente funzionanti che hanno permesso l'immediata attivazione dei vigili del fuoco. Il gestore aeroportuale è dunque parte lesa rispetto a quanto accaduto". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

  • Incidente in via Casilina, schianto all'alba con la Smart: muore un ragazzo di 22 anni

Torna su
RomaToday è in caricamento