Tor di Valle: trascina la compagna per i capelli e la picchia davanti ai figli, arrestato

Le violenze nella zona dell'ex ippodromo. La donna è stata poi medicata in ospedale dopo che il 38enne ha distrutto la roulotte nella quale aveva cercato di rifugiarsi

Violenza cieca venerdì pomeriggio in un piazzale vicino all’ex ippodromo di Tor di Valle dove una donna ed i suoi 5 figli minori sono stati salvati dalla Polizia di Stato. In particolare l'uomo convivente della vittima, dopo essere tornato ubriaco nella roulotte dove convivono insieme, ha cominicato a scagliare suppellettili contro i bambini. La madre è quindi intervenuta e per tutta risposta il compagno, un 38enne macedone, le ha lanciato contro una bottiglia di vetro. La donna ha poi schivato la bottiglia ed ha provato a rifugiarsi nella roulotte insieme ai figli.

TRASCINATA PER I CAPELLI - Il 38enne è però riuscito ad aprire la porta e, dopo aver afferrato la compagna per i capelli, l’ha trascinata nel piazzale dove le ha sferrato alcuni calci. Nonostante le botte la donna è nuovamente fuggita nella roulotte riuscendo questa volta a chiudere bene la porta. A quel punto l’uomo ha sfogato la sua furia contro il caravan spaccando tutte le vetrate.

MEDICATA IN OSPEDALE - Gli agenti del Reparto Volanti  e del commissariato Romanina, sono intervenuti in pochissimo tempo a seguito delle numerose segnalazioni giunte al 112. I poliziotti, dopo aver bloccato il 38enne, hanno accompagnato la donna in ospedale, dove le sono state diagnosticate diverse contusioni all’addome, alle spalle ed al costato. L'uomo, grazie anche alla dettagliata denuncia sporta dalla convivente, è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e si trova ora nella carcere di Regina Coeli.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di marcello
    marcello

    questa gente qui deve essere giudicata dal popolo no che dopo pochi giorni li ritroviamo di fuori a rifare le stesse cose.gente infame datela a noi e vedrete che dopo non avranno piu' la forza di farlo un'altra volta.a questi violenti che picchiano specialmente le donne dateli a noi e vedrete che dopo non lo faranno piu'.dopo tante botte ma tante smetterebbero di farlo.basta con queste leggi permissiveCARCERE MA TANTO CARCERE.adesso non si possono nemmeno toccare perche' la legge a loro permette tutto.difendeteli ancora brutti schifosi.  

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Droga ed estorsioni col metodo mafioso, così "Zio Franco" controllava la zona di Montespaccato

  • Attualità

    VIDEO | Non c’è pace per la Valle Galeria, ecco dove sorgerà la discarica a Monte Carnevale

  • Politica

    Rom, dal censimento (già bocciato) ai campi romani voluti dalla Lega: tutte le fake news di Salvini 

  • Politica

    Il cinema America torna a San Cosimato: "Vittoria per la città". E due sere a settimana film in cuffia

I più letti della settimana

  • Incidente mortale sulla Pontina: scooterista investito da tir, morto 60enne

  • Cassia bis: si getta dal ponte e finisce su furgone in corsa, morta una donna

  • Tragedia sulla via del Mare: auto si scontra con moto e si ribalta, un morto ed tre feriti gravi

  • Mezza Maratona di Roma: 21 chilometri in notturna, sabato con strade chiuse e bus deviati

  • Ostia: Noemi Carrozza muore in incidente stradale, nuoto italiano sotto choc. Addio a stella del sincro

  • Immersione fatale per un noto chirurgo ortopedico: morto Fabio Lodispoto, operava alla Mater Dei

Torna su
RomaToday è in caricamento