menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Dieci anni di violenze verso la moglie e i figli poi la denuncia: allontanato da casa

L'uomo in un'occasione è arrivato anche a bruciare il viso alla moglie sui fornelli accesi della cucina. Quando ha iniziato a picchiare anche i figli, la giovane 30enne si è decisa a denunciarlo

Dieci anni di violenze. Poi il coraggio di denunciarle e la fine di un incubo. E' quanto accaduto a una donna arrivata dieci anni fa nella Capitale da una delle regioni più povere dell'Asia insieme ad un uomo. Lui, oggi 40enne, identificato come H. S., più grande di lei di circa 10 anni, ha iniziato a maltrattarla fin da subito. Nei giorni scorsi l’intervento della Polizia di Stato ha interrotto l’escalation di violenza.

Secondo la ricostruzione, la ragazza ha sopportato per anni violenze fisiche e psicologiche per paura di ritrovarsi sola in un paese straniero e con due figli piccoli da mantenere. Momenti terribili per la giovane che anche in volto poterà per sempre i segni dei maltrattamenti: una volta infatti l'uomo ha acceso i fornelli della cucina e ha avvicinato il viso della moglie fino a scottarla. 

Quando H.S. ha iniziato a picchiare anche i bambini però la giovane ha deciso di parlare e si è rivolta agli agenti del commissariato Porta Pia diretto dalla dottoressa Stefania D’Andrea. I poliziotti, dopo una rapida indagine, hanno chiesto ed ottenuto a carico di H.S. un’ordinanza di allontanamento dalla casa familiare con il divieto assoluto di avvicinamento e comunicazione con la moglie ed i figli.

L’ordinanza è stata eseguita nei giorni scorsi dagli stessi agenti del commissariato Porta Pia. La vittima, insieme ai figli, è ora sotto la tutela della “rete” formata dalla Polizia di Stato, dai servizi sociali e da un centro anti-violenza del territorio.

Potrebbe interessarti

Commenti (2)

  • sto nfame

  • L'ordinanza pietra al collo e a mare poi gli fai il processo.

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Sara Di Pietrantonio, il fidanzato confessa: "L'ho uccisa io. Poi sono tornato a lavoro"

  • Cronaca

    Magliana: donna trovata morta semi carbonizzata vicino ad un'auto

  • Cronaca

    Rissa tra coppie al parcheggio del Centro Commerciale: donna stesa da un pugno

  • A Roma ci piace

    Le 10 migliori gelaterie di Roma: ecco tutti gli indirizzi

Torna su