VIDEO | Manuel Bortuzzo, Axa risponde alla violenza. L'orgoglio dei residenti: "La piazza è nostra"

Migliaia i cittadini che hanno partecipato, nel pomeriggio di sabato 9 febbraio, alla fiaccolata all'Axa in onore di Manuel

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

"La piazza è nostra, la piazza è nostra". E' questo l'urlo dei residenti dell'Axa. La risposta di circa mille cittadini all'agguato di Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano che, dopo aver sparato e ferito Manuel Bortuzzo, fuggendo via avevano proprio urlato il loro: "la piazza è nostra". 

La piazza, invece, è della gente per bene. Piazza Eschilo, sabato 9 febbraio, si è riempita di bambini, ragazzi, coetanei di Manuel, genitori, associazioni. Di persone. Chi aveva uno striscione, chi una candela. Tutti con il cuore pieno di amore, per il 19 nuotatore e per il proprio territorio. 

L'iniziativa è stata lanciata sui social. Il presidio è stato pacifico, apolitico e apartitico. Partiti da piazza Eschilo, i manifestanti hanno sfilato intonando più volte lo slogan 'Manuel siamo con te' passando sotto al pub dove è avvenuta la rissa con Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano protagonisti, e terminata nella vicina via Menandro dove Manuel è stato ferito. I residenti chiedono che siano presenti più forze dell'ordine nel quartiere. "Manuel è uno di noi, poteva essere uno dei nostri figli. Manuel siamo noi. Non devono più accadere queste cose", dicono. 

Il messaggio audio dall'ospedale di Manuel: "Tornerò più forte di prima"

Intanto proseguono le indagini per ricostruire la vicenda. Gli investigatori sono anche al lavoro per individuare le altre persone coinvolte nella rissa. Nella notte ci sono stati controlli della polizia nel pub di piazza Eschilo. Secondo quanto si è appreso, si è trattato di un controllo che ha riguardato la licenza del locale e la posizione dei dipendenti.

Striscione Manuel Bortuzzo (1)-2

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • il problema Roma sono i romani che stanno regredendo invece di migliorare! siamo il paese dell’apparenza, dove conta la macchina e il tatuaggio...si pensa alle cose futili, a seguire i personaggi di queste inutili serie come gomorra, mentre si sta creando dei piccoli crinali che prolificano grazie anche all’omertà della gente. Roma assomiglia sempre più al Sud Italia, e sembra che ai romani piaccia!

  • Bravi, la gente deve riprendersi le piazze. Le forze dell'ordine devono invece fare meglio il proprio lavoro. Non basta intervenire ed essere bravi dopo, occorre farlo prima, bisogna prevenire. Lo si può fare solo attraverso il controllo del territorio, che non c'è.

    • Non é un problema di forze dell'ordine. Sbaglio o nessuno aveva dato testimonianze utili, e il caso si è risolto solo grazie all'ingenuità di questi malviventi improvvisati che hanno abbandonato pistola con le impronte e il motorino a poche decine di metri? Il controllo del territorio lo devono fare gli abitanti, controllando, denunciando e collaborando, non aspettando che arrivi l'esercito.

Potrebbe Interessarti

  • Cronaca

    Bimba picchiata a Genzano, parla la mamma: "Lo odio, gli sputerei in faccia. Deve pagare finché non muore"

  • Cronaca

    Omicidio Marco Vannini: le rivelazioni della vicina della famiglia Ciontoli

  • Cronaca

    Franco Bortuzzo a Chi l'ha visto, la lezione di vita del papà di Manuel

  • Cronaca

    VIDEO | Sulla Pontina in contromano: le immagini diffuse sui social

Torna su
RomaToday è in caricamento