menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Estorsione e sequestro di persona ai danni di un immobiliarista, arrestati tre usurai

L'operazione congiunta da parte di polizia e carabinieri ha portato al fermo dei tre uomini residenti ai Castelli Romani

Estorsione, rapina e sequestro di persona. Quest i capi di accusa da cui dovranno difendersi i tre 'cravattari' che per mesi hanno vessato un immobiliarista 40enne dei Castelli Romani che si era rivolto alla banda per avere un prestito di denaro. A chiudere il cerchio gli agenti di polizia del commissariato di Albano ed i carabinieri della Compagnia di Velletri che alle prime luci dell'alba hanno eseguito un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Velletri  su richiesta della locale Procura veliterna a carico di 3 persone,di 44, 47 e 24 anni (i primi due di Ariccia ed il terzo di Albano Laziale) 

LE INDAGINI - Le indagini condotte dagli investigatori del Commissariato di Albano, dai Carabinieri della Stazione di Ariccia e dell’aliquota operativa della Compagnia di Velletri, hanno permesso di ricostruire la vicenda. La vittima,  entrata in contatto con gli arrestati per un prestito di diverse migliaia di euro richiesto a causa di difficoltà economiche, è stata successivamente oggetto di continue vessazioni e minacce estorsive finalizzate a ottenere in continuazione denaro.  

SEQUESTRO DI PERSONA - L’agente immobiliare è stato sottoposto a continue intimidazioni: in più occasioni è stato rinchiuso in una cantina per diverse ore al fine di ottenere il denaro e all’inizio di febbraio è finito in ospedale poiché percosso con calci e pugni dagli aguzzini. In un’altra occasione è stato raggiunto per strada, privato del giubbotto che indossava e rapinato dei soldi in contanti che portava indosso. 

 LA RAPINA - Recentemente gli aguzzini si sono fatti consegnare 3.500 euro in contanti e gli hanno asportato con la forza una carta “Poste Pay” a lui intestata, sottraendogli il codice pin e tentando di farsi accreditare nei giorni successivi ulteriori 7.500 euro. Durante un controllo di polizia è stata sequestrata la suddetta carta di pagamento trovata nella disponibilità di un arrestato. I tre, su disposizione del Giudice, sono stati accompagnati  presso il carcere di Velletri.

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Meteo a Roma, forte vento sulla Capitale: allerta della Protezione Civile

    • Incidenti stradali

      Incidente in via Appia, motociclista contro auto: morto decapitato

    • Cronaca

      Omicidio a Prati: gestore di una vineria ucciso da un tassista

    • Cronaca

      Sciopero a Roma, il 31 maggio metro e bus a rischio

    Torna su