menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Ubriaco picchia l'anziana madre: l'incubo andava avanti da mesi

L'aggressore di 38 anni, spesso sotto effetto dell'alcol, picchiava la madre per poi prendersela con i vicini che cercavano di aiutare la donna

L'incubo è finito. Dopo mesi di violenze di ogni tipo un 38enne è stato arrestato, ieri mattina, dagli agenti della Polizia di Stato della Squadra Investigativa del Commissariato Torpignattara, diretti dal dottor Luca Cosimati. 

ARRESTATO - L'uomo, spesso sotto l'effetto dell'alcol e responsabile di maltrattamenti in famiglia e stalking, aveva come obiettivo unico l'anziana madre. E così dopo che gli agenti hanno ricostruito, fin nei minimi particolari tutti i comportamenti violenti, molesti e persecutori dell'uomo, l'Autorità Giudiziaria ha emesso nei suoi confronti un'ordinanza di custodia cautelare in carcere.

LE CONTINUE VIOLENZE - A subire le continue aggressioni non era, per altro, solamente la madre dell'uomo. I condomini del palazzo dove vivevano avevano tentato più volte d'intervenire per proteggere l'anziana donna dal suo aguzzino, ma questo aveva scatenato ancora di più l'ira dell'uomo anche nei confronti dei vicini, soprattutto contro una famiglia costretta a trasferirsi in un'altra abitazione.

LA VIGLIA DI NATALE - L'ultimo grave episodio risale alla vigilia di Natale. Il 38enne, ancora sotto effetto dell'alcool, ha prima spaccato i mobili della propria abitazione, poi ha aggredito la madre, costringendola nuovamente a ricorrere alle cure mediche.

Successivamente ha rivolto la sua ira contro alcuni condomini che cercavano di aiutare la donna, costringendoli a barricarsi in casa in attesa della Polizia. Una volta messe le manette ai polsi dell'uomo, i poliziotti hanno ricevuto il plauso dei condomini che finalmente hanno ritrovato la serenità tanto sperata.

Potrebbe interessarti

Commenti (1)

  • i sinistrati di mente si ribelleranno a quanto sto per dire: lavori forzati a malagrotta a differenziare monnezza e se non vuol lavorare? Non mangia. L'Onu si ribellerebbe? E pure l'Europa? E tanto piacere.

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Meteo a Roma, forte vento sulla Capitale: allerta della Protezione Civile

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Appia, motociclista contro auto: morto decapitato

  • Cronaca

    Omicidio a Prati: gestore di una vineria ucciso da un tassista

  • Cronaca

    Sciopero a Roma, il 31 maggio metro e bus a rischio

Torna su