Turista rapinato a Fiumicino da un addetto alle pulizie

Turista argentino rapinato all'aeroporto di Fiumicino da un addetto alle pulizie. L'uomo è stato fermato dalla polizia e rischia da uno a sei anni di carcere

Ha approfittato della distrazione di un turista argentino e si è impossessato del suo portafogli, dimenticato in una toilette, sottraendo 360 euro in contanti. La somma in denaro l'ha nascosta nei calzettoni mentre il portafogli, con il resto del contenuto tra cui carte di credito, l'ha occultato dietro lo sciacquone della stessa toilette.

Protagonista in negativo, all'aeroporto di Fiumicino, un quarantenne dipendente di una ditta di pulizie, partenopeo, arrestato dalla polizia in flagranza per furto pluriaggravato, al quale un investigatore della Giudiziaria è subito risalito, grazie alla testimonianza del passeggero. Il passeggero uscito da una toilette della sala del terminal 3, si è quasi subito accorto di non avere con sé il portafoglio e di averlo dimenticato: tornato indietro al bagno, non ha visto traccia del portafoglio ed ha chiesto all'addetto delle pulizie incaricato se lo avesse visto; l'uomo, che nel frattempo aveva già fatto sparire il portafoglio, ha replicato con un secco "no" ed ha fatto anche finta di aiutarlo a cercarlo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non rassegnato, il turista si è rivolto alla polizia ed un investigatore ha voluto vederci chiaro, rintracciando in breve proprio lo stesso addetto delle pulizie. Alla vista del poliziotto, l'uomo ha tradito subito agitazione, nervosismo, contraddicendosi nelle risposte: messo alle strette e perquisito, dai calzettoni indosso è spuntato il denaro in contanti e, per non aggravare la posizione, ha confessato e rivelato dove aveva nascosto il portafogli. All'uomo, fotosegnalato, è stato ritirato il tesserino aeroportuale e rischia da 1 a 6 anni di reclusione. Un episodio che s'inserisce nel solco dell'azione di contrasto della polizia ai furti negli scali romani, con un'attenzione in particolare anche al nuovo fenomeno dei "ladri pendolari" negli aeroporti: ecco così, a Fiumicino, i recenti arresti di "Manolete", l'abile ladro dei bagagli, del "topo" dei duty free, un rumeno di 19 anni, che acquistava biglietti aerei, per transiti in scali di mezza Europa, proprio per razziare i i negozi, e della banda di tre "pendolari" romeni che riempivano i trolley di profumi trafugati; infine a Ciampino un ladro algerino, arrestato grazie all'occhio delle telecamere della sala operativa, con in valigia decine di profumi e 50 mila euro appena intascati da un ricettatore romano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto Roma: nella notte scossa di magnitudo 3, epicentro ad est della Capitale

  • Coronavirus: a Roma 39 nuovi contagiati, 4031 casi totali nel Lazio da inizio epidemia

  • Coronavirus, a Roma 45 nuovi contagiati: 3600 casi nel Lazio da inizio epidemia. "In continua crescita i guariti"

  • Coronavirus, 36 nuovi contagiati a Roma: 3186 gli attuali positivi nel Lazio. Trend per la prima volta è al 3%

  • Coronavirus: a Roma 45 nuovi contagiati. Nel Lazio 3106 gli attuali positivi, 193 sono in terapia intensiva

  • Coronavirus: a Roma 43 nuovi positivi, 4429 casi in totale nel Lazio da inizio epidemia

Torna su
RomaToday è in caricamento