Finta guardia zoofila fa sequestrare allevamento di cani di razza, denunciato

A denunciare il fantomatico ispettore di polizia giudiziaria la proprietaria dell'allevamento a cui sono stati restituiti 35 amici a quattro zampe

Immagine di repertorio (foto Pixabay)

Lo ha denunciato in polizia ottenendo il riaffidamento di 35 cani di razza (pechinese, chiwawa e bulldog francese), nonché circa 100 esemplari di fauna selvatica protetta (quaglie e simili). Dominus di un collaudato sistema è un fantomatico paladino degli animali residente nel nord Italia ma attivo su tutto il territorio nazionale.

L'uomo, lo scorso mese di ottobre, era riuscito a far risultare un allevamento del frusinate abusivo, ottenendo l'affidamento degli amici a quattro zampe ospiti della struttura. A distanza di qualche giorno la donna responsabile della struttura ciociara lo ha denunciato al commissariato di Frascati ottenendo nel frattempo il riaffidamento dei cani, con la polizia che ha poi comunicato quanto raccolto al Tribunale di Frosinone, chiamato ad esprimersi sull'accaduto. 

Secondo comunicato all'Autorità Giudiziara dagli investigatori che hanno raccolto la denuncia-querela dell'allevatrice vittima del fantomatico amico degli animali, il suo modus operandi si avvaleva di segnalazioni e soffiate alle forze dell'ordine in relazione a presunti maltrattamenti di animali, poi la proposta di collaborare alle operazioni come guardia zoofila, l'intervento di veterinari "privati" in luogo di quelli della ASL e spesso anche le telecamere di note trasmissioni televisive ad esaltarne le gesta, il tutto solo per sequestrare animali di valore che riusciva puntualmente a farsi affidare. 

Per l'uomo, il vento é però iniziato a cambiare: già in passato diverse Procure in tutta Italia avevano iniziato ad accendere i fari sulle operazioni sulla fantomatica guardia zoofila, che firmava verbali qualificandosi impropriamente ufficiale di polizia giudiziaria e che rendeva irreperibile i preziosi animali dallo stesso "sequestrati" agli allevamenti. 

In un caso nel corso di un controllo ad un trasporto di animali dallo stesso eseguito unitamente a personale della polizia stradale, lo stesso si era dato persino alla fuga quando gli stessi agenti della Polizia di Stato, perplessi dalle modalità di intervento, avevano iniziato a chiedergli chiarimenti. 

Nei giorni scorsi l'ennesima denuncia per i reati di usurpazione di funzioni pubbliche, calunnia e diffamazione a mezzo stampa. L'uomo infatti, aveva cominciato ad inveire e screditare gli stessi magistrati inquirenti, tramite la propria pagina facebook. 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Il nome di questo fenomeno?...

    • e i nomi dei fenomeni che non hanno mai controllato chi fosse sto fenomeno?

Notizie di oggi

  • Ostia

    Ostia: fratelli coltelli, FdI si sgretola nel X Municipio. Tre consiglieri passano alla Lega

  • Politica

    Ama: dalla crisi in azienda, ai cumuli di rifiuti in strada. Ora è rischio emergenza

  • Cronaca

    Talenti: donna trovata morta con lo scotch sulla bocca, disposta l'autopsia

  • Cronaca

    Largo Preneste: il pittore Umberto Ranieri resta gravissimo. Caccia al colpevole

I più letti della settimana

  • Sciopero degli studenti per il clima: il 15 marzo in piazza per Friday for Future

  • Ciclista morto sui binari del tram: addio a Valerio Nobili, medico luminare del Bambino Gesù

  • Borghesiana: sorpasso azzardato con l'auto rubata, cinque feriti. Tre sono gravi

  • Paura a Grottaferrata: bus Cotral finisce in una scarpata. Sette feriti

  • "No a perquisizioni razziste sul bus": il cartello sulle pensiline Atac contro le forze dell'ordine

  • Ora legale nel 2019: quando spostare le lancette

Torna su
RomaToday è in caricamento