"Devo controllare una perdita d'acqua in casa", poi spariva con soldi e gioielli

La 31enne arrestata dalla polizia era divenuta, insieme ad una complice, il terrore degli anziani residenti a Sapienza, Ponte Milvio ed in zona Nomentano

Le due truffatrici riprese dalla immagini video dopo aver messo a segno un colpo in un appartament

Si presentava in casa degli anziani simulando la necessità di fare delle verifiche per delle fantomatiche perdite d'acqua. Una volta entrata nell'appartamento preso di mira riusciva a ripulire le abitazioni delle ignare vittime sparendo (con l'aiuto di una complice) con soldi, gioielli e preziosi. Una truffatrice rodata che era riuscita ad ingannare numerosi anziani visitati nelle loro abitazioni a Tor Sapienza, Ponte Milvio ed al Nomentano riuscendo a guadagnare nel corso delle truffe circa 50mila euroDopo una lunga indagine la donna, una 31enne originaria della Sicilia, è stata arrestata nella mattinata di ieri dagli agenti di polizia.

UN ANNO DI TRUFFE - Sono stati gli agenti della VI^ sezione criminalità diffusa della Squadra Mobile della Questura di Roma ad interrompere le attività della donna, al termine di un’articolata attività investigativa; la 31enne è ritenuta l’autrice di numerosi episodi di furto aggravato in abitazione, consumati a Roma tra il giugno 2014 ed il giugno 2015.

TRUFFATRICE NEI FILMATI - Le indagini sono scaturite da una attenta analisi, fatta dagli agenti della Polizia Scientifica di Roma, di numerosi filmati di truffe ad anziani acquisiti nel corso delle indagini ed attraverso cui è stato possibile individuare i tratti somatici di una donna presente in molti di questi episodi, tracciando così un identikit della truffatrice. I successivi  accertamenti hanno consentito, con le ricognizioni fotografiche da parte delle vittime effettuate da personale della Squadra Mobile, di ritenere la donna la responsabile di quattro episodi di furti aggravati.

FURTO CON LA COMPLICE - Gli approfondimenti investigativi hanno fatto emergere come la donna ha portato a termine i “colpi”, accedendo all’interno degli appartamenti delle vittime con la scusa di verificare una perdita d’acqua nel condominio e, servendosi di una complice che distraeva le persone presenti nell’abitazione, ha asportato tutti i beni di valore conservati negli appartamenti, quali bracciali, anelli, orecchini, collane e denaro contante.

COLPO DA 10MILA EURO - In particolare, le indagini sono scaturite da un ingente furto ai danni di una coppia di anziani ad opera di due donne che, dopo aver citofonato con la scusa di controllare che non vi fossero dei danni provocati da infiltrazioni d’acqua dal piano superiore. Mentre una delle due distraeva gli anziani la complice, non ancora identificata, si era impossessata di numerosi preziosi dal valore di circa 10.000 euro.

TRUFFE AGLI ANZIANI - Il valore commerciale complessivo della refurtiva di tutti gli episodi ricostruiti dagli investigatori - consumati ai danni di  anziani nelle zone di Tor Sapienza, Ponte Milvio e Nomentana - ammonta ad oltre 50.000 euro. L’arrestata, alla quale è contestato anche il reato di evasione in quanto sottoposta agli arresti domiciliari per analogo reato, al termine degli atti di rito è stata condotta nel carcere di Rebibbia.

Truffa anziani controlli Acea 1-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

  • Ponte Mammolo, cadavere vicino i cassonetti: trovate macchie di sangue sui pantaloni

Torna su
RomaToday è in caricamento