Provano ad acquistare criptovaluta vera con euro falsi: presa banda di truffatori

A scoprire il raggiro gli investigatori della Squadra Mobile

Il denaro falso usato sequestrato dalla Squadra Mobile

Hanno provato a scambiare "cripto valuta" pagandola con 270mila euro in contante, ma di denaro falso.  Vittima di una banda di truffatori un cittadino sudamericano. A scoprire il raggiro gli investigatori della Squadra Mobile che hanno denunciato 5 persone per truffa. 

Una truffa ingegnosa quella smascherata dalla polizia, iniziata con la ricerca di una compravendita di un terreno sul web da parte della vittima, mediante pagamento in criptovaluta o bitcoin, ovvero moneta virtuale da scambiare liberamente come vero denaro su internet. 

La vittima viene contattata da un possibile venditore, interessato all’acquisto del solo contante virtuale, dietro corresponsione di altrettanto denaro contante. Poi il raggiro, che la banda stava ultimando con il cittadino latinoamericano dopo un incontro nella zona di piazza Bologna, prima di essere scoperta dal personale dei Falchi della Sesta Sezione Contrasto al Crimine diffuso della Squadra Mobile della Questura di Roma. 

La macchina sospetta in viale Ippocrate 

Nello specifico, presso gli Uffici della Squadra Mobile era stata segnalata una macchina sospetta orbitante intorno ad un bar in viale Ippocrate, i cui conducenti erano stati segnalati come potenziali truffatori a danno di due ignari cittadini stranieri.

Pertanto, personale in borghese giunto sul posto, dopo aver individuato il veicolo, ha fatto ingresso nell’esercizio commerciale per attivare un servizio di discreta osservazione, grazie al quale, da subito, sono riusciti ad individuare tre persone, due delle quali dai tratti somatici tipici dell’est Europa e l’altro sudamericano, tutte vestite in maniera elegante; in particolare, i due est europei sono apparsi particolarmente in tensione, poiché più volte sono usciti e rientrati all’interno del locale, parlando al cellulare. 

La conclusione del "buon affare" 

Uno dei poliziotti, posizionato lì vicino, è stato in grado di udire che le persone parlavano della felice conclusione di un “buon affare”. Contemporaneamente, altri individui, sempre dell'est Europa, sono stati osservati da ulteriore personale mentre, all’interno dell’auto sospetta, conversavano convulsamente al telefono.

In tale contesto gli agenti hanno avanzato l’ipotesi investigativa che i due, dagli stessi tratti somatici, potessero far parte della stessa consorteria criminale che aveva agito a danno dell’uomo sudamericano. In effetti, dopo qualche minuto, uno dei soggetti all’interno del bar, unitamente alla persona sudamericana e ai due uomini visti sull’auto sospetta, sono entrati all’interno di un Hotel sito su viale Ippocrate, poco distante.

All’interno della struttura ricettiva gli est europei sono stati visti armeggiare con una valigetta piena di denaro, mentre l’uomo sudamericano era ad una postazione computer presente nella Hall.

Truffa criptovaluta 2-2

Lo scambio del denaro falso 

Terminate le operazioni, i tre hanno iniziato un conteggio di denaro, con l’utilizzo di un macchinario “conta banconote”, alla presenza costante del sudamericano. I poliziotti, tuttavia, si sono accorti che il conteggio stava avvenendo con un evidente raggiro: le banconote conteggiate, dopo essere riposte all’interno di una nuova valigetta, venivano rimesse in circolazione per essere nuovamente contate, il tutto senza che la vittima si accorgesse di nulla.

La truffa della criptovaluta 

Visto il chiaro raggiro in atto, i poliziotti hanno fatto ingresso all’interno dell’albergo per chiedere ai presenti le motivazioni delle proprie condotte. La persona sudamericana ha riferito di aver inserito, su una piattaforma online, un avviso di ricerca di un terreno in prossimità di Roma, da acquistare mediante moneta in “criptovaluta”, ma di essere stato contattato da una persona, identificata con un nome fittizio, che si era mostrata interessata all’acquisto del solo contante virtuale, dietro corresponsione di altrettanto denaro contante. La trattativa si era perfezionata e le persone si erano date appuntamento presso il bar di viale Ippocrate, dove effettivamente erano stati osservati.

Scambio di denaro falso 

Dal controllo della valigetta gli operatori hanno riscontrato che all’interno della stessa vi erano circa 270.000 euro di banconote false, oltre a qualche banconota da 200 euro, vera, ma utilizzata nelle operazioni di calcolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La persona truffata è stata condotta in Questura per sporgere denuncia/querela di furto mentre tutte le persone presenti nell’albergo, peraltro pregiudicate per specifici reati, sono state deferite all’Autorità Giudiziaria per tentata truffa.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus Fiumicino, dopo ristorante chiuso un chiosco sul lungomare: positivi i titolari del locale

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi contagi, altri 8 a Fiumicino. Sono 827 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma 6 nuovi casi: positivi anche due senza fissa dimora. Nel Lazio 841 gli attuali contagi

Torna su
RomaToday è in caricamento