Lariano, ritrovati due trattori rubati da 500mila euro: denunciati padre e figlio

Dovranno rispondere del reato di ricettazione in concorso. I mezzi sono stati restituiti ai proprietari

Uno dei trattori rubati

In piena notte, nel corso di una perquisizione in un capannone a Lariano, comune dei Castelli Romani, i Carabinieri hanno ritrovato due macchine agricole, marco John Deer, asportate la notte precedente a Tuscania, in provincia di Viterbo, da un rivenditore autorizzato, e un autoarticolato con rimorchio rubato sempre a Viterbo. 

L’intervento è stato eseguito dai militari della Stazione di Lariano e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Veliterna, che hanno bloccato e denunciato a piede libero i proprietari del capannone, padre e figlio di 70 e 45 anni. Dovranno rispondere del reato di ricettazione in concorso. I mezzi recuperati, che hanno un valore complessi di circa 500 mila euro, nel corso della mattinata sono stati restituiti ai proprietari. 

trattore rubato2-2

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    VIDEO | Salvini nelle ville sequestrate ai Casamonica: “Simbolo della lotta alle mafie”

  • Incidenti stradali

    Incidente sul lungotevere: perde controllo dello scooter e cade, morto 34enne

  • Politica

    Acea spa, Michaela Castelli è il nuovo presidente: sostituisce l'avvocato Lanzalone

  • Cronaca

    Esplosione alla Posta di Bravetta: banda in fuga con 140mila euro

I più letti della settimana

  • Cassia bis: si getta dal ponte e finisce su furgone in corsa, morta una donna

  • Tragedia sulla via del Mare: auto si scontra con moto e si ribalta, un morto ed tre feriti gravi

  • Mezza Maratona di Roma: 21 chilometri in notturna, sabato con strade chiuse e bus deviati

  • Ostia: Noemi Carrozza muore in incidente stradale, nuoto italiano sotto choc. Addio a stella del sincro

  • Immersione fatale per un noto chirurgo ortopedico: morto Fabio Lodispoto, operava alla Mater Dei

  • Droga ed estorsioni col metodo mafioso, così "Zio Franco" controllava la zona di Montespaccato

Torna su
RomaToday è in caricamento