Paura sulla linea 61: petardo dei tifosi del Galatasaray dentro il bus

E' accaduto ieri, nel concitato pomeriggio romano, all'altezza di villa Borghese. Autista accompagnato in ospedale per controlli. Danneggiata la vettura

Continua ad aggiornarsi il bollettino del pomeriggio di ieri quando gli Ultraslan hanno marciato per le vie di Roma. Alle ore 16.30 circa, all'interno di Villa Borghese, un gruppo di tifosi del Galatasaray, ha gettato un petardo a bordo di un bus della linea 61, che stava effettuando una fermata.

L'esplosione ha danneggiato la vettura, costringendo l'Atac a metterla fuori servizio. A comunicarlo è la stessa azienda di trasporti romana. 

Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine e un'ambulanza del 118 per soccorrere l'autista del bus, che è stato accompagnato in ospedale per controlli. Le forze dell'ordine hanno disposto per alcune ore la chiusura, anche al trasporto pubblico, delle strade all'interno di Villa Borghese deviando le linee 61-89-160-490-495.  

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Dalla sinistra 'Eurostop' alla 'destra sovranista': a Roma sei 'piazze' contro il summit Ue

    • Testaccio

      25 marzo, l'altolà del municipio: "Il corteo non passi da Testaccio"

    • Politica

      Stadio della Roma, il nuovo progetto non c’è. Ma sarà uno “#Stadiofattobene”

    • Cronaca

      Malore per undici adolescenti in gita scolastica: ambulanze in Campidoglio

    I più letti della settimana

    • 24 e 25 marzo a Roma: le strade chiuse per l'anniversario dei trattati europei

    • Paura Isis, l'Europa si blinda: massima allerta per l'arrivo a Roma dei Capi di Stato

    • "Attenti alle ladre", poi viene presa a calci sulla metro dalle borseggiatrici

    • E' morto Tomas Milian, addio all'ispettore Nico Giraldi

    • Roma, 25 marzo: manifestazioni, strade chiuse e divieti: tutte le informazioni

    • Blocco traffico, domenica 26 marzo niente auto nella fascia verde

    Torna su
    RomaToday è in caricamento