"Quanto vuoi per cestinare quelle carte?": così una donna ha tentato di corrompere agente

La signora è stata così indagata in stato di libertà per il reato di tentata corruzione e rifiuto di generalità

Ha provato a corrompere un agente per evitare una denuncia, ma è stata a sua volta  indagata in stato di libertà per il reato di tentata corruzione e rifiuto di generalità. E' successo all’interno del commissariato San Lorenzo.

Una 50enne, innervosita per i tempi di attesa necessari alla redazione della denuncia di smarrimento del suo bancomat, ha iniziato a discutere con un agente in servizio di vigilanza al corpo di guardia del commissariato.

Nonostante l'agente le avesse spiegato le ragioni dell'attesa, lei non ha voluto sentire ragioni e lo ha insultato: "Lei dovrebbe cambiare mestiere perchè la Polizia non è cosa sua. Se l'hanno rinchiuso lì dentro non è un bravo poliziotto".

Quando la 50enne ha anche rifiutato l’esibizione di un documento, come richiestole dal poliziotto, l'agente l'ha denunciata per rifiuto di generalità. E' stato in quel frangente che la donna si è avvicinata all'agente per chiedergli quanto volesse "per cestinare quelle carte", ma è stata denunciata

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Incidente sul Raccordo Anulare: si scontrano moto e camion, morto 64enne

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 25 e domenica 26 gennaio

  • Incidente sulla Tiburtina, scontro tra una Panda e un bus Cotral: due morti

  • Trovata svenuta in strada a Porta Furba, muore in ospedale: la morte di Antonella Brunella è un giallo

Torna su
RomaToday è in caricamento