Stupro al locale Factory, fermato 25enne: è accusato di violenza sessuale di gruppo

Continuano le indagini per individuare gli altri due responsabili del grave delitto

Svolta nelle indagini relative allo stupro avvenuto nella discoteca Factory Club nella notte tra il 18 e il 19 maggio. Nella serata di ieri 18 luglio, la Squadra Mobile di Roma ha dato esecuzione al decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla locale Procura della Repubblica a carico di un romeno di 25 anni, poiché "gravemente indiziato del reato di violenza sessuale di gruppo aggravata".

L'esecuzione del fermo è conseguenza della incessante attività investigativa effettuata da personale della 'IV Sezione Reati Sessuali e in Danno di Minori' della Squadra Mobile, coordinata dai Magistrati del Gruppo Antiviolenza della Procura della Repubblica, che ha permesso di raccogliere gravi indizi di reità a carico del 25enne e di individuarlo quale uno degli autori della grave violenza subita dalla giovane nelle pertinenze del locale Factory Club nei pressi dello stadio Olimpico, la notte tra il 18 e 19 maggio scorso.

Il fermo sarà sottoposto alla convalida del GIP nelle prossime ore. L'attività degli investigatori è ancora in corso al fine di individuare gli altri due responsabili del grave delitto. Nei giorni successi alla violenza, il Questore di Roma aveva revocato licenza al Factory Club.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento