Stupro in via dei Villini: convalidati gli arresti dei due somali

La Procura di Roma ha chiesto al gip la convalida degli arresti e l'emissione di un provvedimento di custodia cautelare per i due cittadini somali fermati in relazione allo stupro in via dei Villini

Nuovi passi in avanti sulle indagini in relazione allo stupro della ragazza romana di 20 anni avvenuto nell'ex ambasciata somala di via dei Villini: la Procura di Roma ha chiesto la convalida degli arresti e l'emissione di un provvedimento di custodia cautelare per i due rifugiati somali ritenuti responsabili dello stupro.
Tra gli arrestati non c'è l'uomo, anch'egli cittadino somalo, che la sera di venerdì scorso portò la giovane nell'ex ambasciata. Questi, fermato assieme agli altri due connazionali, era stato poi rilasciato dalla polizia. Per i due arrestati, invece, l'accusa è di violenza sessuale aggravata. Gli inquirenti, coordinati dal procuratore aggiunto Maria Monteleone, stanno anche attendendo gli esiti del test del dna, per i quali saranno necessari ancora alcuni giorni. Proseguiranno, comunque, gli accertamenti al fine di chiarire quanto avvenuto il 25 febbraio scorso: gli investigatori hanno ascoltato la ragazza, la quale però ha ricordi molto confusi, e diversi testimoni.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: oggi a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Scuole chiuse a Roma per maltempo: la decisione del Campidoglio

  • Non rientra a casa e i genitori denunciano la sua scomparsa: trovato morto dopo incidente stradale

  • Five Guys, il colosso americano di burger and fries inaugura a Roma

  • Sciopero a Roma: domani a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Attraversa il Raccordo Anulare e viene investito: morto un uomo

Torna su
RomaToday è in caricamento