domenica, 21 settembre 25℃

Paura a Velletri, tre violenze in dieci giorni: forse stupratore seriale

Tre donne violentate negli ultimi dieci giorni: l'aggressore potrebbe essere lo stesso. Sta indagando la Procura di Velletri. Ne dà notizia il Messaggero

Redazione 13 febbraio 2013

I caratteri fisici sembrano gli stessi. Un uomo alto, circa un metro e ottanta, robusto, con un giaccone imbottito. E' l'identikit di quello che sembra profilarsi come un vero e proprio stupratore seriale che avrebbe agito negli ultimi dieci giorni nella cittadina di Velletri. La notizia compare sulle pagine del Messaggero, in un articolo a firma di Eugenia Belvedere, dove si parla di almeno tre aggressioni a partire dal 2 febbraio. L'ultimo episodio in ordine di tempo avrebbe coinvolto una 19enne, sequestrata, violentata e rapinata nel parcheggio del cimitero.

La giovane, originaria di Lariano, stava salendo sulla sua auto, posteggiata sotto piazza Garibaldi, intorno alle 2 e 30, dopo una serata passata con gli amici. L'uomo l'avrebbe aggredita alle spalle colpendola con pugni alla testa per poi farla salire con la forza sull'auto dopo averle strappato le chiavi. Arrivati nel parcheggio la ragazza, stando a quanto denunciato, sarebbe stata picchiata e violentata a lungo. Poi l'uomo sarebbe fuggito portandosi via la borsetta della giovane, ma non il suo cellulare.

Nonostante il sangue, le contusioni e lo choc, la diciannovenne è riuscita a chiamare i genitori che l’hanno portata all’ospedale di Velletri. Lì gli investigatori hanno raccolto i primi elementi, poi i sopralluoghi, con l’aiuto degli specialisti della squadra mobile di Roma, nei parcheggi di piazza Garibaldi e del cimitero. Le indagini sono coordinate dalla Procura di Velletri che stanno confrontando gli elementi raccolti con quelli rilevati negli altri due recenti casi di violenza.

E il terrore seminato nella cittadina sarebbe stato tale da spingere alcune donne a creare una pagina Facebook apposita:  "Attenzione, stupratore a Velletri".

Annuncio promozionale

Velletri
stupri

Commenti