menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Ubriaco travolse Stella Manzi: 23enne latitante arrestato in Irlanda

La notte del 26 dicembre 2013 invase la corsia opposta su via Nettunense, travolgendo l'auto dove viaggiava con la madre la piccola Stella. A novembre 2014 era evaso dai domiciliari

Dopo mesi di latitanza, il killer di Stella Manzi è finito in manette. Il 26 dicembre 2013 guidava senza patente, ubriaco e sotto l'effetto di droga, invase la corsia opposta con la sua Ford Ka sulla via Nettunense e travolse l'auto sulla quale viaggiava la piccola, con la madre alla guida. 

Si tratta di un 23enne romeno, che  dopo aver ottenuto la condanna agli arresti domiciliari da scontare a Desio, nell'abitazione della madre, era evaso il 10 novembre del 2014 e aveva fatto perdere le sue tracce

A individuare dove il latitante si stesse nascondendo però sono stati i carabinieri del Nucleo Investigativo di Monza con la collaborazione del Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche di Roma – Ufficio Tecnologie Informatiche. E' grazie ai social networl che gli investigatori sono riusciti a localizzare il giovane in Irlanda, aveva aperto un profilo Facebook con un nome fittizio. 

L'arresto è arrivato a seguito di una lunga attività di indagine nella vita del latitante, della sua cerchia familiare e relazionale, individuando le utenze telefoniche in uso a diversi soggetti ed esaminando i tabulati del traffico telefonico. L'uomo è stato arestato il 10 febbraio a Blanchardstown, un sobborgo di Dublino, dove si nascondeva a casa di alcuni connazionali. Per lui è stata inoltrata la richiesta di estradizione. 

Potrebbe interessarti

Commenti (4)

  • Ho la convinzione che nel nostro paese le leggi siano troppo miti per chi causa la morte di altre persone . Come in questo caso: Stella non c'è più e a quel giovane ubriaco al volante sono stati concessi gli arresti domiciliari. Ogni volta che pubblicate queste storie non riesco a crederci , e mi stupisco per la facilità con cui questi delinquenti scappano dagli arresti domiciliari e fuggono all'estero.

  • Bè è ovvio ...per omicidio gli arresti domiciliari !!! In italia abbiamo la giustizia al contrario!!! Se stava in galera a scontare la sua pena forse non sarebbe evaso!

  • Una corda, un bel cappio fatto a mestiere e una bella tanica de benzene! Eh ualâ

  • Ma se lo ammazzavano prima , lo sai i soldi risparmiati. Ste m.3 rde

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Meteo a Roma, forte vento sulla Capitale: allerta della Protezione Civile

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Appia, motociclista contro auto: morto decapitato

  • Cronaca

    Omicidio a Prati: gestore di una vineria ucciso da un tassista

  • Cronaca

    Sciopero a Roma, il 31 maggio metro e bus a rischio

Torna su