menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

"Averla è facile. Chiedimi come": spille allusive alla Rinascente di piazza Fiume

Servono a promuovere la Fidelity Card ma, dato il doppio senso, attirano commenti e battute dei clienti. La polemica: "Pubblicità offensiva, volgare e di pessimo gusto"

Per promuovere la fidelity card le commesse si aggirano per la Rinascente di piazza Fiume con una spilla a dir poco allusiva. "Averla è facile. Chiedimi come". Il messaggio, che, per l'inevitabile doppio senso, attira commenti poco nobili ha subito attirato le polemiche. A rendere noto l'episodio è la segretaria regionale del Prc/Fds, Loredana Fraleone.

“Riteniamo a dir poco offensiva, volgare e di pessimo gusto la trovata pubblicitaria della Rinascente di piazza Fiume che, per promuovere la fidelity card, ha obbligato le commesse ad appuntarsi sul petto una spilla con la scritta ‘Averla è facile. Chiedimi come’". Il messaggio - ha dichiarato Fraleone - che si presta a un doppio senso, espone le lavoratrici a continui commenti e battute pesanti per le quali si sentono umiliate e imbarazzate. Riteniamo questa strategia di marketing sessista perché utilizza un messaggio allusivo e ambiguo e sfrutta il corpo delle donne, svalorizzandone il lavoro”.

“Il silenzio della Rinascente, nonostante le proteste di molte lavoratrici, è vergognoso. Per questo motivo abbiamo deciso di lanciare la campagna ‘Boicotta la Rinascente’ fino a quando i responsabili non ritireranno questa strategia di marketing. Diciamo basta ai messaggi pubblicitari che sviliscono in questo modo la dignità delle donne”, conclude Fraleone.

Potrebbe interessarti


Commenti

    Più letti della settimana

    Torna su