Ostia: spari e auto in fiamme tra i palazzi dei clan, gli agguati per prendersi il trono degli Spada

Sul litorale, dopo la serie di arresti, si torna a sparare. I Carabinieri indagano e la pista porta al gruppo dei sudamericani

Sei fori di proiettile contro il portone di un palazzo, un'auto in fiamme e un vuoto di potere, dopo gli arresti, da colmare. A Ostia, tra i palazzi degli Spada, si torna a sparare e chi lo fa, probabilmente, ha l'ambizione di acquistare più credibilità criminale dopo che Carmine e Roberto Spada sono finiti in carcere a seguito dell'operazione Eclissi.

Ad indagare sul caso sono i Carabinieri di Ostia che, da mesi, stanno controllando il territorio. I militari, secondo quanto si apprende, hanno un quadro chiaro. Chi ha ben definito lo scenario. Gli spari, almeno sei, si sono uditi tra le case di Ostia Nuova nella notte tra lunedì e martedì scorso.

Una palazzina Ater in via delle Ebridi 88 è stata crivellata di colpi. Sei i fori. Tra quegli appartamenti vive anche uno spacciatore, già noto alle forze dell'ordine, e vicino agli affari degli Spada. A distanza di qualche centinaio di metri, in via Guido Vincon, un'auto distrutta dalle fiamme.

Ecco come gli Spada si sono presi Ostia

Episodi in connessione l'uno con l'altro? Possibile. Anzi, probabile. Non è la prima volta che, a seguito degli arresti dei componenti della famiglia Spada, ad Ostia si assiste ad un rigurgito criminale. Prima furono gli epigoni del clan Triassi a far da capolino. Anche in quel caso il gruppo, con la figura di Marco 'Barboncino', rivale di Carmine Spada, che spiccava, non aveva esitato a sparare

In quel caso due uomini restarono feriti. Uno dei due ha legami di parentela con il clan dei Fasciani che, con i sinti di Ostia Nuova, avevano e hanno un rapporto speciale. Per quel fatto di sangue 'Occhi a palla' finì in carcere. 

Fatti, questi, che danno un seguito a quell’effetto domino innescato dalla testata di Roberto Spada a Daniele Piervincenzi e ripresa dalle telecamere Rai. Da lì in poi i rivali dello storico clan di Ostia hanno iniziato a reclamare più spazio, prima gli epigoni dei Triassi e ora altri.

Tra i possibili pretendenti al Trono di Spada, ci sono i sudamericani. I cileni soprattutto. Sono sempre di più ad Ostia Nuova in tanti occupano le palazzine popolari di quel quadrante del quartiere. I loro nomi, man mano, da esotici stanno diventando temuti. Gli inquirenti sono al lavoro per stroncare sul nascere una guerra tra bande.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Ma come, fino all'altro giorno Casapound, PD, PDL e fratelli d'Italia marciavano compatti per chiedere la fine del commissariamento e il voto subito perché a Ostia la mafia non esiste? A pensare male forse volevano solo tornare a spartirsi il malloppo...

  • E ci lamentiamo del sud.

Notizie di oggi

  • Attualità

    VIDEO | Greta Thunberg dal palco di piazza del Popolo: "Chiediamo agli adulti di riavere sogni e speranze"

  • Politica

    Ama, la bufala di Virginia Raggi: nessun premio a dirigenti con bilancio in attivo

  • Politica

    Atac, 70 bus da Israele inquinanti per l'UE: "Non si possono immatricolare. Fermi nei depositi". L'azienda smentisce

  • Politica

    Metro Spagna, dietrofront di Atac: la fermata non riaprirà per Pasqua

I più letti della settimana

  • Giustiniana, bimbo di 8 anni precipita dal quinto piano

  • Via Crucis al Colosseo: venerdì metro chiusa. Le strade chiuse e le deviazioni

  • Scuola: 18 istituti della Capitale restano aperti anche per Pasqua

  • Usura, droga ed estorsioni: nuovo colpo al clan Casamonica. 23 arresti. Fra loro 7 donne

  • Viale Manzoni: perde controllo dello scooter e si schianta, morto un 26enne

  • Scontro tra auto: 2 morti, gravissima una bimba di pochi mesi

Torna su
RomaToday è in caricamento