Talenti, parla il barista: "Chi ha sparato era un cliente abituale. Pensavo la pistola fosse finta"

A due giorni dalla sparatoria parla il titolare del bar To e To di via Luigi Capuana: "Era ubriaco e gli ho detto di allontanarsi"

Il Bar To e To di via Luigia Capuana

Caffè, cornetti e cappuccini. Sono le 8:00 di lunedì mattina ed al Bar To e To di via Luigi Capuana tra una colazione e la radio in sottofondo i clienti non riescono a non parlare di quanto accaduto sabato scorso, quando dei colpi di pistola esplosi contro la vetrina dell'esercizio commerciale di Talenti hanno fatto temere il peggio, portando il quartiere residenziale del III Municipio Montesacro al centro della cronaca romana. Due giorni dopo i buchi sulla vetrata sono ancora ben visibili da dentro il locale, con una locandina che copre i fori alla vista da fuori. Dietro al bancone, a servire quelli che sono i clienti che quando entrano lo chiamano per nome, Tonino De Santis, proprietario del bar. "Ha sparato un cliente abituale, una bravissima persona, veramente al di sopra di ogni commento negativo. Era ubriaco e non so cosa gli ha detto la testa". 

IL RACCONTO DEL BARISTA  - Sono passate da poco le 18:00 di sabato 28 gennaio quando comincia il tutto. A spiegare i fatti lo stesso Tonino De Santis, mentre continua a prepare colazioni chiacchierando anche con i propri clienti, perlopiù donne e uomini residenti nella residenziale via Luigi Capuana. "Eravamo al bancone io e la ragazza che lavora con me, lui (il cliente che ha poi sparato ndr) era qui al bancone da solo, ma era abbastanza alticcio e stava creando apprensione tra gli altri presenti. Gli ho chiesto di farla finita e poi abbiamo avuto una discussione durante la quale gli ho detto di andarsene". I toni, come racconta il titolare di To e To, si sono però inaspriti sino a quando "ha tirato fuori una pistola e l'ha appoggiata sul banco". 

PENSAVO FOSSE FINTA - Una discussione degenerata, anche se Tonino De Santis ricorda: "Conoscendo la persona quando ha tirato fuori l'arma ho pensato fosse addirittura falsa, non potevo pensare che un bravo uomo come lui potesse girare con una pistola vera in tasca. Ero così sicuro che fosse una replica che l'ho addirittura presa in mano, ripoggiandola poi sul banco ed invitandolo nuovamente ad allontanarsi"

GLI SPARI -  Nonostante l'invito ad uscire dal bar il cliente armato di pistola non ha però seguito il consiglio ed è per questo stato preso da un'altra persona presente nel locale ed allontanato sin fuori dalla porta. "Quando è uscito pensavo fosse finito tutto", poi il ritorno del cliente allontanato, "ero dietro al registratore, ed ho sentito improvvisamente gli spari - racconta ancora Tonino De Santis - ma non pensavo fossero dei colpi di pistola. Mi sono girato ed ho visto la ragazza che stava lavorando con me nascondersi dietro il bancone, ho sentito le urla dei clienti e, dopo aver visto i fori dei proiettili sulla vetrata, ho capito che era successa una cosa grave". 

NON HO SPORTO DENUNCIA - Terminata la sparatoria, con tre colpi esplosi da una pistola semiautomatica che hanno oltrepassato la porta vetri del bar, l'arrivo della polizia: "Alla quale ho raccontato quello è successo". Nonostante la paura ed il danno economico "non ho sporto denuncia - spiega ancora il barista di Talenti -.  Conosco bene chi ha sparato ed anche il fratello, che mi ha detto che è in un momento difficile. Gli credo, so che è una brava persona, ha fatto però una grossa stupidaggine. Purtroppo la pagherà". Identificato dagli agenti di polizia del commissariato Fidene - Serpentara la posizione dell'uomo che ha sparato, un 40enne residente in zona, è ora al vaglio dell'Autorità Giudiziaria. 

I CLIENTI DAL BAR - Un sabato di paura, al centro delle discussioni dei clienti del bar che anche stamattina riempivano il bancone ed i tavoli esterni all'esercizio commerciale: "Questa è una zona tranquilla - racconta una signora mentre prende un ginseng -, a parte i furti in appartamento non abbiamo problemi di criminalità, ci conosciamo bene o male tutti". "Pensavo avessero lanciato dei petardi - racconta un'altra cliente che ha sentito gli spari -. Ero in strada ed ho visto una persona scappare dal bar. Poi mi sono fermata e mi hanno raccontato quanto accaduto. Assurdo, poteva farsi male qualcuno in maniera grave". 

ANDIAMO AVANTI - "Andiamo avanti - conclude Tonino De Santis, rispondendo ad una battuta di un cliente che si allontana dopo aver preso il caffè -. Adesso mi sono tranquilizzato, anche sabato dopo la chiusura del bar non avevo capito la gravità dell'accaduto. Ieri quando ho aperto ed ho visto i fori ad altezza uomo ho focalizzato quanto accaduto e mi è salita un po ' di agitazione. Questa è una zona tranquilla, quanto successo sabato tra qualche anno sarà solamente un racconto da bar, per fortuna".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (13)

  • Avatar anonimo di KNVB
    KNVB

    Siete solo dei troll, a nessuno è passato per l'anticamera del cervello che Il male intenzionato in questione fosse un elemento malavitoso? Tutti bravi a fare i moralisti spiccioli o come meglio sosteneva qualcun'altro 'a fare i froci col xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx degli altri' io malgrado sia dei Parioli - che bisognava farsi gli affari proprii l'ho compreso più o meno a 11 anni - e ciò è senza dubbio un tratto emblematico della nostra cultura/società

  • NON lo denuncia??? Può NOn denunciarlo per danneggiamento della vetrina, ma per il resto sarà denunciato di autorità, in giro con pistola (bisogna vedere de ha il porto d'armi, ancora per poco) spari in luogo pubblico, ubriachezza e qualche altra facezia del genere, poi se ha problemi poco importa, in questo periodo chi NON li ha i problemi, ma per questo le città non posso diventare come il vietnam.

  • Ma quale denuncia così poi passa da infame e addio all'attività.

  • Oggi siamo portati a trovare una giustificazione per tutto e per tutti. Quando poi succede qualcosa di spiacevole, siamo pronti a testimoniare che "quella" è una brava persona, meravigliandoci , a pericolo scampato, del gesto del folle gesto.Sparare non è un gioco e non si possono mettere a rischio i passanti.

  • Li chiamano risorse... che torni al suo Paese... Ah, no... scusate.

    • Bravo un fatto di cronaca su 100 riguarda un italiano(anche se non e' specificato) e tu fai del sarcasmo come se fossi contento che non sia stato un tuo amico straniero a commettere il fatto. Ma vuoi aprire gli occhi se non ci fossero stranieri sui giornali basterebbero 2 righe al giorno di cronaca nera. Ti sfido a dimostrare il contrario

      • Daniele mi trovi d'accordo.

        • daniele con certi soggetti è tempo perso a colloquiare, si può avere idee diverse ovvio, ma discutere ragionando è un conto sparare minchiate un altro, personalmente con quel soggetto ho smesso di colloquiare.

  • Certa gente non la capisco proprio: ma come fai a non sporgere denuncia, giustificando quindi un atto del genere!? Con quei colpi sparati ad altezza uomo qualcuno poteva lasciarci la vita! Abbiamo tutti momenti difficili nella vita, ma ciò non ci giustifica a fare quello che vogliamo, tantomeno a sparare contro qualcuno solo per frustrazione!

  • Sta passando un momento difficile un caxxxx!!!!

  • Avatar di ale
    ale

    Bravo, non sporgere denuncia cosi la prossima volta magari prende un ragazzino che passa per caso..un momento difficile e spar contro la vertina di un bar? non capisco perche oramai si giustifica tutto

    • perche è un cliente buono

      • Esatto... forse NON può denunciarlo...

Notizie di oggi

  • Sport

    Rigore per la Roma, ma non Basta. Vince la Lazio, la città è biancoceleste

  • Ostia

    Stagione balneare 2017: il Campidoglio detta le nuove regole

  • Cronaca

    Primo maggio, concertone blindato: zona rossa e accessi con metal detector

  • Cronaca

    Dubbi sulla morte dell'avvocato, l'appello del Gay Center: "Si faccia chiarezza"

I più letti della settimana

  • Castro Pretorio, 20enne trascinata dietro ai cassonetti e violentata da due uomini

  • Omicidio a Tor Vergata: agguato in strada, 43enne ucciso da quattro colpi di pistola

  • "C'è un uomo con un fucile": scatta l'allarme ma era solo una scopa

  • Torrevecchia, rapina a mano armata in un negozio: ladro arrestato durante la fuga

  • Incidente sulla Pontina, carambola tra auto: dopo lo scontro una finisce ribaltata

  • Sale sul tetto di un treno in sosta: 18enne romano muore folgorato

Torna su
RomaToday è in caricamento