Siviglia-Lazio: minacce e trasferta a rischio. "Non camminate soli, non cadete nelle provocazioni"

I tifosi della Lazio che raggiungeranno al Sanchez Pizjuan saranno un migliaio ma che cominceranno ad arrivare in Spagna già da oggi

"Supplica pietà", "conigli", "ci vediamo a Siviglia". Dopo l'agguato al rione Monti dove alcuni spagnoli sono rimasti feriti prima del match di Europa League tra Lazio e Siviglia, si respira un'aria di tensione. La trasferta al Sanchez Pizjuan è infatti considerata "a rischio" da parte delle autorità andaluse. Le forze dell'ordine hanno alzato il livello di allerta e attendono, già oggi, parte dei circa mille italiani che raggiungeranno la Spagna. 

Una settimana fa un gruppo di violenti, riconducibili alle frange ultrà del tifo laziale, ha colpito: il bilancio è stato di 4 tifosi spagnoli e un turista americano accoltellati. Successivamente sono state denunciate tre persone, individuati grazie alla visione delle immagini delle telecamere di videosorveglianza.

Un raid che, sia sui social che sui muri di Roma, ha avuto seguito con minacce e promesse di vendetta. Il tutto condito della vicinanza, al mondo dell'estrema destra, degli Irriducibili della Lazio, contrapposto a quello dell'estrema sinistra dei Biris Norte, ultras del Siviglia.

lazio siviglia scritte1-2

Ecco perché la Uefa, la polizia italiana e quella spagnola hanno innalzato il livello di rischio dell'incontro di domani, auspicando che la tifoseria laziale in viaggio per la località andalusa "osservi le indicazioni delle forze dell'ordine spagnole". 

La partita si giocherà domani alle 18 e, per ragioni di sicurezza, l'intera tifoseria laziale sarà concentrata presso il meeting point organizzato nel parco Los Jardines de Murillo a partire dalle 15. Il meeting point è situato alle spalle del Real Alcázar e vicino alla famosa Plaza de Espana e dista circa 15 minuti a piedi dallo stadio.

lazio siviglia-2

Dal meeting point la tifoseria laziale sarà protetta e scortata verso il Ramón Sánchez Pizjuán anche perché lo stadio è situato in una zona centrale, raggiungibile a piedi da qualsiasi punto del centro città, e solitamente la tifoseria locale giunge nei pressi dell'impianto a piedi anche in considerazione della mancanza di parcheggi nelle vie che circondano lo stadio. La zona antistante il settore ospiti sarà presidiata dalla polizia e dagli steward locali, ma non sarà materialmente separata dai settori locali.

La Lazio, in un comunicato ufficiale sul sito del club, ha lanciato un appello: "Raccomandiamo la massima prudenza nell'avvicinarsi allo stadio, evitando camminate isolate e in direzione dei settori destinati ai tifosi del Siviglia. Nel settore ospiti dello stadio sarà presente personale steward italiano, il responsabile della sicurezza Sergio Pinata e il Supporter Liaison Officer Giampiero Angelici, disponibili per qualsiasi necessità".

lazio siviglia scritte-3

Poi il monito: "La legge spagnola punisce qualsiasi atto di violenza, razzismo, xenofobia e intolleranza specialmente in occasione degli eventi sportivi. Si fa quindi appello al senso civico della nostra tifoseria affinché vengano evitati comportamenti che possono generare reazioni delle autorità locali. Allo stesso modo si invita la tifoseria laziale a non cadere nelle provocazioni e a non provocare la tifoseria ospite al fine di evitare di mettere a rischio l'incolumità e la sicurezza di tutti gli spettatori presenti". Insomma l'attenzione è massima. Chi si recherà a Siviglia già da oggi, infatti, è consigliato di attendere giovedì per dedicarsi al relax e al turismo, soprattutto nelle ore serali. 

lazio siviglia scritte 2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale a Roma, bomba d'acqua sulla città: tre stazioni metro chiuse. Strade allagate

  • Palazzina a rischio crollo: evacuate 24 famiglie a Ciampino

  • Viabilità: le strade chiuse per sabato 30 novembre e domenica 1 dicembre

  • Omicidio Luca Sacchi, 5 misure cautelari. Nello zaino di Anastasia 70mila euro per 15 chili di droga

  • Tragedia a Ostia, muore bimbo di 11 anni: si era sentito male a scuola

  • Nubifragio a Roma, città allagata dopo due ore di pioggia: sotto accusa il piano foglie che non c'è

Torna su
RomaToday è in caricamento