Sgombero in via del Colosseo, tre ore di tafferugli: fermati 16 attivisti di CasaPound

Il presidio in difesa delle 2 famiglie si è trasformato in una vera e propria guerriglia. Lancio di uova e vernice contro i vigili. Tra i fermati anche Simone Di Stefano

Tensione questa mattina in via del Colosseo. Il gruppo di Sicurezza Pubblica Emergenziale, agli ordini del comandante Antonio Di Maggio, si è infatti presentato alle 8 al civico 73 per portare a termine uno sgombero ai danni di tre famiglie. Contro lo sgombero è intervenuta una delegazione di Casapound, riuscita lo scorso 9 settembre ad impedire l'allontamento. Da qui i momenti di tensione. 

All'operazione di sgombero hanno partecipato circa 60 agenti, appartenenti ai gruppi SPE e nucleo delle Politiche Abitative. Presenti sul posto il Comandante Generale Diego Porta, il Vice Comandante dott. Antonio Di Maggio e il Dirigente dott. Maurizio Maggi, oltre al dirigente preposto della Questura di Roma per l'ordine e la sicurezza pubblica nonchè i Vigili del Fuoco.

L'operazione si è conclusa con 16 fermi. Le accuse sono: resistenza, danneggiamenti e lesioni nei confronti degli agenti operanti. Tra i fermati Simone Di Stefano. Proprio il leader di CasaPound , già candidato sindaco e presidente della Regione Lazio, aveva opposto una forte resistenza nei confronti dei caschi bianchi intervenuti.

IL VIDEO DELLE BARRICATE

Per entrare nello stabile gli agenti hanno dovuto forzare le numerose barriere che gli occupanti avevano frapposto per impedire l'accesso alla tromba delle scale. Si sono verificati numerosi danneggiamenti ed è stato necessario l’intervento dei vigilid del fuoco per raggiungere il terrazzo, poiché gli occupanti avevano distrutto la relativa scala di accesso. Le tensioni, secondo quanto si apprende, sono andate avanti per 3 ore.

I caschi bianchi sono comunque riusciti ad eseguire lo sgombero, dopo tre ore di tafferugli e resistenze. Al termine delle operazioni alcuni agenti hanno avuto bisogno di essere medicati presso l'ospedale. 

Lo sgombero coatto ha interessato due famiglie che da circa 3 mesi occupavano le case di proprietà del comune nelle quali abitavano da sempre. 

 "La Raggi aveva promesso di non fare sgomberi coatti", attaccano gli attivisti di CasaPound.  "Lo sgombero è stato messo in atto con una violenza fuori dal comune - spiega il vicepresidente di CasaPound Italia Simone Di Stefano, ancora all'interno dell'abitazione con alcuni militanti del movimento - Le forze dell'ordine sono arrivate e hanno buttato giù il portone. Hanno malmenato uno degli occupanti, Massimo, e lo hanno arrestato, come si vede dai video che abbiamo girato. Hanno buttato giù i mobili dalle finestre. C'è un enorme dispiegamento di forza pubblica. Alla Raggi ricordiamo che stiamo parlando di una signora anziana, Laura, diabetica e con problemi di deambulazione, e di una famiglia, quella di Massimo, in cui c'è un bambino con problemi. E' incredibile che il Comune di Roma non offra una soluzione alla tragedia che stanno vivendo queste famiglie italiane ma anzi le sgomberi con la forza pubblica per poi lasciarle in mezzo a una strada".

Gli attivisti di CasaPound si sono spostati in presidio sotto il Campidoglio. Di seguito la diretta

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • Aspetto di vedere il trattamento degli occupanti dell'ex-palazzo INPDAP in via di Santa Croce in Gerusalemme, che usufruiscono oltre che di alloggio gratis, anche di acqua e luce a spese del Comune di Roma, ossia a spese dei contribuenti. Logicamente trattandosi di extracomunitari riescono ad arrogarsi il diritto di fare come gli pare.

  • le case sono occupate illegttimamente???..fuori dai cog!! che si faccia un bando regolare..

  • chi sta in una casa abusivamente sa che prima o poi dovrà pagare dazio...non si può giustificare sempre...chi fa la domanda per un alloggio popolare non è più fesso dell'abusivo!!! quindi a malincuore e dispiace fuori gli abusivi a Roma ed era ora!!!! poi il discorso che agli immigrati viene comunque garantito un tetto...qui ne possiamo parlare

  • difesa a oltranza per le "risorse umane" rom-clandestini etc. guerra agli ITALIANI- Ma non durerà a lungo- ALBA DORATA

  • Al di là delle qualunquiste chiacchiere sulla gente con "la casa vista colosseo" i piccolissimi particolari che mancano per inquadrare bene la vicenda e la gravità dell'accaduto sono: 1) perché il sindaco Raggi aveva promesso in campagna elettorale di non fare sgomberi ma di trovare un'alternativa agli occupanti e invece oggi ha permesso che si procedesse addirittura con l'arresto di un signore, l'aggressione di un agente della municipale nei confronti di un cronista e lo scempio dei beni delle famiglie buttati dalle finestre? 2) Perché alle famiglie non è stata proposta un'alternativa? Anzi, perché 3 settimane fa alle famiglie è stato detto che gli era stato riservato un posto in un camping (cosa che ha spinto gli occupanti a lasciare spontaneamente gli immobili in via del colosseo 73) ma arrivati al camping si è scoperto che il comune non gli aveva riservato un bel niente? Un sindaco che si rende responsabile di un gesto come questo non prova nessuna vergogna nel guardarsi allo specchio? 3) Perché la pubblica sicurezza a Roma è ancora affidata ad agenti che si sono resi responsabili dei pestaggi di Casale San Nicola contro anziani e donne e che al G8 di Genova tiravano sassi ai manifestanti invece di tutelare l'ordine pubblico? Direi che di domande ce ne sono abbastanza su cui riflettere prima di sproloquiare contro chi ha solo difeso degli italiani non dallo sgombero in sé ma da un futuro in mezzo a una strada.

    • 1) erano entrati abusivamente oltre vent'anni fa. Chi li ha fatti entrare e perché sono potuti restare li per oltre vent'anni? 2) il canone d'affitto che avrebbero dovuto pagare era rispettivamente di € 51 ed € 66 al mese. Fanno 1,5 euro/mq. Non male se pensiamo che nella zona di Torre Angela (zona catastale E15) per una casa (per giunta a canone calmierato!) si pagano 6,40 euro/mq; 3) nonostante l'affitto ridicolo richiesto, erano entrambi morosi da anni; 4) non è noto quale fosse il reddito di queste famiglie né se avessero altre case di proprietà (e dal momento che no hanno pagato l'affitto per anni, si presume che abbino potuto metter da parte un discreto gruzzolo); 5) non c'è un solo motivo valido per cui dovrebbero ottenere un trattamento di favore rispetto le MIGLIAIA di sfrattati romani che, nel rispetto delle regole, da anni attendono pazientemente una casa (fosse anche di "emergenza), dal momento che per chi non lo sapesse il comune di roma non concede più la cosiddetta "assistenza alloggiativa" da almeno due anni (essendo i residence in dismissione e i relativi contratti ormai disdettati). Ripeto: non basta definirsi "poveri italiani" per pretendere di passare per vittime...

    • 1) il canone di affitto mensile richiesto alle persone sgomberate era rispettivamente di € 51 e € 66 al mese. Fanno circa 1,5 auro/mq. Per una casa al centro storico, diciamo che non è maluccio considerando che a Torre angela (zona catastale E15), anche un contratto a canone "calmierato" parte da un minimo aiamo 6,40 euro/mq. Ciononostante, risultavano aver accumulata una pesante morosità; 2) le persone sgomberate erano occupanti da oltre trent'anni. sarebbe interessante capire come e grazie a chi sono riuscite ad entrare e a restarci per decenni; 3) non è noto quale fosse il loro reddito né se avessero altre case di proprietà (cosa non inverosimile, se pensiamo che non avendo pagato l'affitto per vent'anni, forse qualche risparmiuccio potranno anche averlo fatto)... Per tornare a bomba: non c'è un solo motivo in base al quale queste famiglie debbano pretendere dal comune un trattamento di favore rispetto le MIGLIAIA di altri sfrattati italiani e non che, nel rispetto delle regole, attendono con pazienza da anni un alloggio (fosse anche di "emergenza"). Per chi non lo sapesse, il comune di Roma non concede più la cosiddetta "assistenza alloggiativa" da oltre due anni, essendo i residence ormai in dismissione e i contratti di affitto disdettati. Ribadisco: non basta definirsi "poveri italiani" per pretendere di passare per vittime... Prima di parlare, sarebbe insomma moooolto meglio ragionare bene su ciò che si dice.

  • 30 anni con vista sul Colosseo...non male. Indifendibili. Le case popolari sono altre, non quelle. Avanti così con gli sgomberi al centro storico, patrimonio immenso dove recuperare risorse da investire nel sociale. Così si possono aiutare casi come questi, signora anziana e famiglia. In bocca al lupo, proviamoci.

  • Ci ritorno come i cornuti… Cioò che sorprende della faciloneria di casapound (come dei centri sociali, che gli sono in fondo simili nei modi di approccio) è che nessuno abbia MINIMAMENTE accennato alla situazione reddituale di questi sognori, nessuno si sia lontanamente posto il problema di quanto guadagnano, di quanto avrebbero dovuto pagare, del titolo in base al quale stavano li, etc. Non basta definirsi “poveri” per guadagnarsi automaticamente diritti e attenzioni, mi sembra talmente evidente… La realtà è che roma è PIENA di sfrattati che attendono pazientemente da anni il proprio turno nelle liste d’attesa delle case popolari, gente alla quale il comune non ha potuto riconoscere neanche un alloggio in cosiddetta “emergenza”. Chi ha bisogno, si metta quindi ORDINATAMENTE IN FILA e attenda come stabilito secondo le REGOLE, senza eccezioni o trattamenti ad personam… Vogliono una casa?ùBene, facciano domanda, attendano di verificare la propria posizione in graduatoria e, se hanno diritto a una casa, quando arriverà il proprio turno saranno chiamati. Certo, se pretendono di essere più uguali degli altri solo perché strillano più forte o perché spalleggiati da casapound, credo che ogni discorso sia superfluo…

  • è palese che quando si tratta di italiani i manganelli fischiano...l'altro ieri dietro Via Tivoli (zona Tiburtina - San Basilio) hanno tentato uno sgombero dei clandestini e non ci sono riusciti (sono passato oggi in Via Vannina e ce ne sono almeno una settantina!!!) e non mi pare che ci sono stati tutti sti arresti e manganelli...per non parlare delle risorse rom della sinistra che occupano abusivamente uno stabile da mesi in Via Pieve Torrina e di cui le forze dell'ordine sono perfettamente a conoscenza...3 pesi e 3 misure...tutte sfavorevoli agli italiani!

  • Ok. Ma nessuno mi sembra che abbia accennato ad alcuni "piccolissimi" particolari che rendono la vicenda decisamente meno scandalosa di quanto appaia a giudicare dall'appasionata difesa ad oltranza di casapound... 1) I "poveri italiani" sgomberati, erano vivevano in quegli appartamenti rispettivamente dal 1992 e dal 1993 SENZA ALCUN TITOLO (ergo: chi e in virtù di quale motivazione ha permesso loro di occupare abusivamente l'alloggio per oltre 20 anni?); 2) l'affitto che teoricamente avrebbero dovuto pagare i "poveri italiani" era di circa 620 auro L'ANNO (cioè, circa 50 euro al mese) e ciononostante risulta che vi fosse anche una discreta morosità; 3) i "poveri italiani" avevano altri immobili di proprietà? E ancora, quale era l'entita dei loro redditi familiari (comprensivi di eventuali depositi bancari, dal momento che non pagando di fatto l'affitto da 20 e più anni, si presume che qualcosina da parte possano averla messa)... Per la serie: basta essere italiani e professarsi poveri, per diventare automaticamente "vittime del sistema"? Dubbi...

  • Un cittadino italiano, romano e padre di due figli di cui uno disabile, che vive in Via del Colosseo, malmenato e arrestato con modalità da “lotta dura al crimine” e due militanti di CasaPound minacciati di denuncia o meglio di essere trasmessi “a Regina Coeli” perché stavano riprendendo la scena. La scena in questione (questo è il link https://www.facebook.com/massimo.ruga7/videos/1230908943638431/) A queste due famiglie in emergenza abitativa (non l'avvocato con la terza casa a via del colosseo) non è stata proposta neanche un'alternativa alla strada!!!! Questo stato è ANTI-ITALIANO

Notizie di oggi

  • Politica

    Pugno duro di Raggi sui demolitori, la nota al Governo: "Norma regionale è incostituzionale"

  • Politica

    Regolamento per il verde, arriva il sì della Giunta. Raggi: "Risultato storico"

  • Cronaca

    Clochard ucciso a corso Italia, investitrice a piede libero. Il giallo del parabrezza sostituito

  • Politica

    Stipendio d'oro (e doppio) per il Capo di Gabinetto: Castiglione guadagnerà 218mila euro l'anno 

I più letti della settimana

  • Sciopero: domani a Roma metro e bus a rischio. Gli orari e le fasce di garanzia

  • Centocelle, quartiere sotto shock: 16enne muore in piazza dopo aver bevuto un drink

  • Scontro Raggi Salvini sulla sicurezza, l'ira di Di Maio contro la sindaca: "Per Roma stiamo facendo l'impossibile"

  • Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Blocco auto: chi può circolare a Roma domani 13 gennaio

  • A Roma giovedì 17 gennaio 2019 doppio sciopero: le motivazioni dei sindacati

Torna su
RomaToday è in caricamento