Tor de' Cenci, lo sgombero tra le polemiche: Riccardi attacca

Dopo la sentenza del Tar lo sgombero. Belviso: "Campo chiuso definitivamente." Riccardi: "Stupiscono le modalità"

Il giorno dopo la sentenza del Tar è iniziato lo sgombero del campo nomadi di Tor de' Cenci: alle 8 di questa mattina, vigili e polizia sono entrate nel campo e hanno cominciato le operazioni di smantellamento del campo.  Lo sgombero per motivi igienico sanitari era stato deciso dal sindaco Gianni Alemanno il 31 luglio scorso. Dopo un primo trasferimento verso La Barbuta di circa 80 cittadini bosniaci gli spostamenti erano stati fermati dal Tar.
Ieri, infine, il Tribunale Amministrativo Regionale si è pronunciato nuovamente con una sentenza che conferma anche per Tor de' Cenci la validità del Piano Nomadi
Oltre alle forze dell'ordine era presente anche  il presidente della Commissione Capitolina Sicurezza, Fabrizio Santori, che spiega: "Qui vivevano circa 400 persone che andranno nel campo attrezzato della Barbuta". Sono state abbattute diverse baracche, mentre alcuni container sarebbero ancora in piedi.

BELVISO - Il vicesindaco Belviso, commentando l'operazione a Tor de' Cenci parla delle nuove destinazioni dei rom sgomberati: “ A tutte le persone presenti nel campo nomadi di Tor de' Cenci  è stata offerta la possibilità di essere accolti in un centro di assistenza temporanea per poter valutare diverse soluzioni di accoglienza".
Poi non esita a dichiarare il campo chiuso: “Dopo circa vent'anni è stato chiuso definitivamente il campo nomadi di Tor de Cenci. Lo sgombero di oggi - continua - si è reso immediatamente esecutivo dopo il pronunciamento del Tar del Lazio che ieri ha stabilito la validità e la correttezza dell'azione amministrativa di Roma Capitale che, già da luglio, chiedeva la chiusura immediata del campo nomadi per i gravi problemi igienico-sanitari e ambientali.”
Quindi, torna a parlare dello stato dell'arte del Piano Nomadi che dal 2009 avanza non senza difficoltà: “La chiusura di Tor de Cenci dimostra, ancora una volta, la validità del Piano Nomadi capitolino e certifica la correttezza istituzionale intrapresa da Roma nei confronti dei territori nei quali insistevano campi abusivi e nel rispetto della salute e del benessere dei cittadini. Siamo dunque davvero soddisfatti per il risultato che abbiamo raggiunto oggi, soprattutto alla luce delle grandi difficoltà che abbiamo dovuto affrontare per portare a compimento questa operazione".

Belviso non nasconde la gioia per il risultato di oggi e si rivolge alle forze dell'ordine coinvolte: "Un ringraziamento particolare per il raggiungimento di questo obiettivo - continua - va al vice comandate della Polizia Locale di Roma Capitale, Antonio Di Maggio e ai suoi uomini, alle forze di Polizia, agli operatori sociali e a tutti coloro che fin dalle prime luci del mattino sono stati impegnati nella chiusura e messa in sicurezza dell'area.”
Infine, non manca il punto sulle operazioni di sgombere che sono state attuate dal Campidoglio: “Con l'intervento di oggi sono dieci i campi nomadi di grande dimensioni chiusi da Roma Capitale: Tor dé Cenci, Baiardo, Casilino 900, La Martora, Naide e Dameta, Marchetti, via degli Angeli, viadotto della Magliana 1 e via Morselli. Allo stato attuale, possiamo confermare che il Piano Nomadi capitolino può dirsi concluso al 90%, i prossimi interventi infatti riguarderanno piccoli insediamenti quali Monachina, Arco di Travertino e Foro Italico.”

ALEMANNO - Anche Alemanno  a margine della conferenza stampa di presentazione della stagione 2012-2013 del Teatro dell'Opera di Roma si è espresso sulle destinazioni dei nomadi: “I nomadi sgomberati dal campo di Tor de' Cenci andranno nei campi di ''La Barbuta e Castel Romano'”. Il sindaco ha anche chiarito che il prossimo passo sara' completare ''la sistemazione del campo de La Barbuta, e lo sgombero dei campi abusivi. Poi - ha concluso Alemanno - abbiamo in atto una serie di controlli da parte della polizia municipale, che porteranno a grandi sorprese nella lotta alla criminalità.''

DI MAGGIO - Il comandante Di Maggio spiega l'operazione: “Siamo qui con la Polizia di Stato ad effettuare questo sgombero in esecuzione dell’ordinanza che era stata emessa dal Sindaco Alemanno. Alcune  persone, sono ancora qui. Il loro numero complessivo è fluttuante diciamo che si attesta tra i centoventi ed i centosessanta individui – tuttavia - il campo verrà completamente demolito.”

I ROM NEL CAMPO - Girando per il campo, si incontrano alcuni gruppi di Rom che parlottano tra loro. In mezzo ai detriti dei container distrutti, c’è chi prova a recuperare ciò che rimane, il telaio di una finestra, qualche rottame di ferro. I bambini, pochi in verità, sembrano i meno allarmati, e qualcuno scherza anche con gli agenti di Polizia. Intorno al campo, sul lato opposto rispetto alla Via Pontina, notiamo delle montagne di rifiuti, adagiate lungo il muro perimetrale che cinge l’area. A terra invece, ci sono ancora le fondamenta di almeno un paio di container, andati a fuoco la scorsa estate.

ANDREA RICCARDI - Diversa le reazione del  ministro Andrea Riccardi che esprime il suo "stupore per le modalità e la repentinità dello sgombero del campo rom di Tor de' Cenci, con la distruzione delle baracche e delle roulotte avvenuta davanti ai bambini. "Avevo incontrato due giorni fa il sindaco Alemanno - prosegue Riccardi - e gli avevo chiesto di riflettere sulla delicata situazione di Tor de' Cenci, che riguarda anche la continuità scolastica di molti minori rom. Evidentemente esigenze di consenso hanno prevalso sulla ricerca di soluzioni ragionevoli ed equilibrate. Questo sgombero arriva peraltro a pochi giorni dal rapporto del commissario ai diritti umani del Consiglio d'Europa, il quale ha chiesto all'Italia di interrompere immediatamente la pratica dei campi di segregazione e quella degli sgomberi forzati che sono in palese contrasto con la Strategia nazionale di inclusione dei Rom, approvata dal governo nella primavera scorsa".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

  • Il concorso per lavorare in Senato: ecco come candidarsi

Torna su
RomaToday è in caricamento