Sgombero a Corviale: occupante cosparge casa di benzina e minaccia di far scoppiare bombole a gas

Tensioni in largo Cesare Raduzzi. Sul posto vigili urbani, 118, assistenti sociali e polizia di Stato

Il Corviale

Tensioni stamattina al Corviale dove era programmato lo sgombero, disposto dalla Procura di Roma, di un appartamento Ater occupato abusivamente. Ad opporsi la donna che vive nella casa assieme al marito (in quel momento assente), a due figli minori di 4 mesi ed 1 anno e mezzo, ed al cognato sottoposto al regime degli arresti domiciliari.  L'ordine di sgombero in un'abitazione che si trova all'ottavo piano di largo Cesare Reduzzi, all'interno del cossiddetto "Serpentone" che dà nome al popoloso quartiere del Municipio Arvalia.

Sgombero al Corviale

Secondo quanto si apprende l'occupante, una donna italiana, si è opposta allo sgombero barricandosi in casa con la famiglia. Il marito, un cittadino italo-tunisino è arrivato sul posto a sgombero già iniziato. Intenzionato ad entrare nella casa è stato però fermato dagli agenti presenti sul posto. Presa una tanica di benzina la donna ha cosparso di benzina l'appartamento per poi minacciare di far saltare la casa facendo scoppiare le bombole di gas che si trovano all'interno della stessa. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Occupazione al Corviale

Sul posto per svolgere le operazioni di sgombero gli agenti dell'XI Gruppo Marconi e quelli del GSSU della Polizia Locale di Roma Capitale, il 118, gli assistenti sociali del Comune e la polizia di Stato. Gli operanti, al fine di evitare possibili tragedie, hanno cominciato una opera di mediazione con gli occupanti, con la situazione tornata progressivamente alla normalità nel corso della mattinata. L'Ater, dopo la bonifica dell'appartamento, ha provveduto a cambiare le serrature e a installare un impianto di allarme. L'abitazione sarà riassegnata secondo quanto previsto dalla normativa vigente. La donna dopo aver rifiutato una proposta alloggiativa diversa, è stata affidata ai servizi sociali insieme ai due bimbi, uno di 1 anno e l'altro di soli 4 mesi.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento