Sgomberata baraccopoli a Colle degli Abeti: 200 sinti siciliani non trovano casa

Sono cinquanta gli alloggi di fortuna bonificati dopo il blitz del Gruppo Spe. Le due famiglie erano state allontanate dalla zona di Guidonia

Avevano allestito un insediamento e nella zona di Colle degli Abeti - Villaggio Falcone. La nuova dimora scelta dalla carovana di circa duecento sinti di origine siciliana in via Don Giuseppe Puglisi ha però resistito pochi giorni. Dopo le diverse segnalazioni degli abitanti del nuovo quartiere del VI Municipio delle Torri, preoccupati dalla presenza dei nuovi 'ospiti', è di ieri un blitz del Gruppo Spe della Polizia Locale di Roma Capitale, diretto dal comandante Antonio Di Maggio, che ha rimosso l'insediamento (composto da 50 caravan ed una ventina di baracche) allontanando le circa duecento persone presenti al momento dell'arrivo dei 'caschi bianchi'.

ROM SINTI SICILIANI - Una vera e propria cittadella, con camper, roulotte, caravan di vario tipo, ma anche verandine e gazebi di fortuna oltre ad alloggi realizzati in pochissimo tempo forniti di cucine e tutto il necessario alla vita dei duecento nuovi ospiti. Cinquanta moduli allestiti da persone appartenenti a due famiglie siciliane, i D'Amico e i Di Giovanni, che da tempo si muovono nel quadrante nord est della Capitale e anche nella sua prima provincia in cerca di sistemazione. 

FUMI DAL CAMPO - A rendere visibile il campo agli occhi anche di chi non poteva vederlo materialmente i famosi roghi notturni, come indicato dal presidente del Comitato di Quartiere Colle degli Abeti Federico Verdicchio: "Segnaliamo la formazione di un nuovo insediamento abusivo a Colle degli Abeti formato da un container e da varie roulotte, nel tratto tra via Piero Corti e via Don Puglisi". "Il sito è stato individuato grazie allo sprigionarsi di fumi tossici, dovuto al bruciarsi di materiali plastici - continua - inoltre, si consideri anche l'aumento di furti in zona negli ultimi tempi". 

DA ALBUCCIONE A COLLE DEGLI ABETI - Gli stessi sinti erano infatti stati oggetto anche di una interrogazione al consiglio comunale di Guidonia Montecelio. I D'Amico e i Di Giovanni infatti, prima di arrivare a Ponte di Nona vecchia ed essere sgomberati dai vigili urbani dello Spe, avevano cercato alloggio nella zona di Borgo Nuovo di Tivoli, con un accampamento sorto nell'area dell’ex Pio Istituto Santo Spirito. Prima di allora gli stessi erano stati oggetto di una operazione di "Abbandono volontario" nell'area dell'ex polverificio di Stacchini, a TivolI Terme. Da lì si erano poi spostati in piccoli gruppi in altre aree della provincia nord est, quali un parcheggio in zona Bivio di Guidonia, il piazzale della Pista d'Oro della via Tiburtina (zona Castell'Arcione) sino ad arrivare ad Albuccione, sempre nel Comune della Città dell'Aria.  Poi alcuni dissidi con i residenti della frazione di Guidonia Montecelio hanno portati alcuni di loro (non tutti), ad allontanarsi di pochi chilometri stabilendosi fra via Corti e via Don Puglisi, dove già nel corso degli anni passati rom e sinti avevano trovato alloggio.  

SGOMBERO - Ieri mattina il blitz degli uomini diretti dal comandante Antonio Di Maggio che hanno allontanato le due famiglie, circa 200 persone, raso al suolo le 50 baracche allestite, bonificato l'area ed allontanato i sinti che da ieri sono in cerca di una nuova sistemazione. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • Avatar anonimo di Frank Serpico
    Frank Serpico

    Vengono qui perche sanno che la città rsiulta essere ospitale acqua e luce gratis NON si nega a nessuno (se sei rom) e forse pure una bella casa popolare a spese di chi è da anni in graduatoria!!!

  • E 500.000 romani neppure! Ma non si costruiscono le baracche sul suolo pubblico! Basta con questo buonismo! Non se ne può più!!

  • x una volta voglio essere positiva....le autorità si sono mosse subito prima che da 200 arrivassero a 2000!

  • Tutti a roma est , il buco del XXXYXY di Roma,

  • Avatar anonimo di LaPrimavera
    LaPrimavera

    Gentile sig. Mauro Cifelli, ma cosa significa il titolo: "Sgomberata baraccopoli a Colle degli Abeti: 200 sinti siciliani non trovano casa". Non mi sembra che stessero cercando una casa da acquistare/affittare, ma solo un posto dove accamparsi, naturalmente gratis, anzi a spese dei cittadini che pagano le tasse...

  • si ma oltretutto queste bonifiche chi le paga? domani ricominceranno la stessa storia da qualche altra parte

  • Visti i camper e le autovetture, non credo che siano persone molto inclini a cercarsi una casa... dovrebbero essere come il gruppo Rom-Sinti del parcheggio "provvisorio", regalo di Alemanno, in via Biagio Petrocelli alla Romanina. chiediamo aiuto all'associazione 21 Luglio per "illuminarci" e farci dire come portar loro "l'acqua con le orecchie"!

  • Siamo tutti fessi, diventiamo sinti o rom e tutto ci verrà magicamente REGALATO! E senza dover faticare!

  • Ma come mai agli italiani le forze dell'ordine vanno ripuliscono e allontanano mentre i rom dell'Europa dell'est ci hanno occupato la pineta di ostia e nessuno riesce a farli andare via come mai ? Vorrei una risposta dalle istituzioni perché figli e figliastri la legge deve essere rispettata da tutti

  • Eccola la soluzione, parlo per esperienza personale. Mi sono trovata un lavoro, ho pagato un affitto, dopo anni mi sono comprata un monolocale, pago le tasse e se non pago la bolletta mi ritrovo al buio. Facile.

    • infatti noi siamo stupidi che cerchiamo di rispettare le regole

    • cara Miriam.....tu non sei né ROM né SINTI!!!! La tua esperienza è quella di una persona onesta che vuole vivere in maniera civile solo ed esclusivamente con il sudore della propria fronte!!! Già la definizione che si dà di queste persone " rom sinti di origini siciliane" non fa capire nulla: se sei siciliano allora sei italiano e devi pagare le tasse allo Stato Italiano....se sei rom o sinti ti devi adeguare alle leggi italiane, rispettarle e rispettare la società civile che ti sta ospitando!!!!

Notizie di oggi

  • Ostia

    Ostia: fratelli coltelli, FdI si sgretola nel X Municipio. Tre consiglieri passano alla Lega

  • Politica

    Ama: dalla crisi in azienda, ai cumuli di rifiuti in strada. Ora è rischio emergenza

  • Cronaca

    Talenti: donna trovata morta con lo scotch sulla bocca, disposta l'autopsia

  • Cronaca

    Largo Preneste: il pittore Umberto Ranieri resta gravissimo. Caccia al colpevole

I più letti della settimana

  • Sciopero degli studenti per il clima: il 15 marzo in piazza per Friday for Future

  • Ciclista morto sui binari del tram: addio a Valerio Nobili, medico luminare del Bambino Gesù

  • Borghesiana: sorpasso azzardato con l'auto rubata, cinque feriti. Tre sono gravi

  • Paura a Grottaferrata: bus Cotral finisce in una scarpata. Sette feriti

  • "No a perquisizioni razziste sul bus": il cartello sulle pensiline Atac contro le forze dell'ordine

  • Ora legale nel 2019: quando spostare le lancette

Torna su
RomaToday è in caricamento