Flaminio: sgomberato insediamento sotto il Ponte della Musica

L'intervento da parte della polizia con il supporto dei vigili urbani. Bonificata l'intera area

Lo sgombero dell'insediamento sotto il Ponte della Musica

Una baraccopoli sotto il Ponte della Musica Armando Trovajoli a ridosso del fiume Tevere è stata sgomberata ieri mattina nella zona del Flaminio. L'intervento della Polizia di Stato del commissariato Villa Glori, diretto dal dottor Ermanno Baldelli, con l’ausilio di personale di Roma Capitale intervenuti, alla presenza degli Enti interessati, presso l’insediamento abusivo che da decenni occupava i fatiscenti container in disuso sotto appunto il ponte che collega via Caporatti al lungotevere Flaminio. 

DISPOSIZIONI DELLA QUESTURA - Tale intervento, in ottemperanza alle disposizioni della Questura di Roma finalizzate alla individuazione degli insediamenti abusivi anche in una ottica di prevenzione di episodi criminosi e terroristici, ha richiesto un complesso lavoro preparatorio da parte del commissariato, finalizzato alla esatta individuazione e coinvolgimento di tutti gli Enti competenti.

BONIFICA DEI LUOGHI - L'attività di coordinamento del commissariato Villa Glori, supportata dalla consueta fattiva importante collaborazione del Comando di Polizia Locale, ha permesso al personale operante di accedere alla zona. Dopo un primo un controllo, che ha evidenziato come i luoghi fossero effettivamente utilizzati da molte persone senza fissa dimora che avevano sicuramente appena lasciato l’insediamento, si è proceduto alla bonifica dei luoghi con la distruzione dei container presenti e con il conseguente affidamento della zona all’Ente competente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VICINO L'OLIMPICO - Tale importante intervento, oltre a ripristinare la bellezza dei luoghi, ha permesso di eliminare un insediamento che da innumerevoli anni era oggetto di rimostranze da parte della cittadinanza e che costituiva comunque un grosso motivo di preoccupazione nell’ottica della tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica data la nota vicinanza del sito ad obiettivi di particolare rilievo come lo Stadio Olimpico, Caserme e teatri dato anche l’uso dello stesso ponte per eventi di intrattenimento con affollamento di persone.

CLICCA PER VEDERE LE FOTO 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento