Ronde nel quartiere con coltelli e pistole, ma il servizio di vigilanza è abusivo: 4 denunce

Il gruppo girava con coltelli, spray paralizzanti, mazze da baseball e sfollagente nei consorzi residenziali del litorale

Un servizio di vigilanza per garantire la sicurezza nel quartiere e per sorvegliare i noti consorzi residenziali del litorale di Ardea. Peccato che il servizio era abusivo. A scoprirlo gli agenti della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Roma, coadiuvati dai colleghi del Commissariato di Anzio, che la scorsa notte hanno sorpreso  tre cittadini romeni ed un indiano armati di pistola ad aria compressa, coltelli a scatto, spray paralizzanti, mazze da baseball e sfollagente.

I tre, con indosso una sorta di uniforme operativa ed equipaggiati di tutto punto, svolgevano l'attività notturna con tanto di autovetture riportanti loghi e scritte della società di "sicurezza" per la quale erano impiegati nei noti consorzi residenziali del litorale di Ardea.

La società era riconducibile ad un romeno che, con notevole spirito imprenditoriale ed approfittando della continua richiesta di sicurezza da parte dei cittadini, aveva costituito un vero e proprio istituto di vigilanza privata, senza peraltro aver mai ottenuto, né tantomeno richiesto, le previste autorizzazioni dall'autorità preposta.

L'attività di vigilanza privata, infatti, proprio per la particolarità e la delicatezza dell'argomento, è soggetta ad una serie di controlli, anche preventivi, sia sulle società che sugli operatori del settore, finalizzati principalmente alla tutele della pubblica sicurezza.

In questo caso, nessuno degli operatori era stato nominato "guardia particolare giurata" e svolgeva la propria attività lavorativa senza peraltro essere stato assunto dal titolare, che li impiegava sottocosto ed in nero. In questo modo l'imprenditore era in grado di offrire il servizio a prezzi al di sotto di quelli di mercato, facendo concorrenza alle aziende regolari del settore.

Sono in corso accertamenti volti ad evidenziare eventuali collusioni con i presidenti dei consorzi vigilati, i quali dovranno dimostrare la loro buona fede nell'aver affidato il delicato incarico a società che non erano in grado di provare la loro competenza e titolarità. Tutti gli operatori sono stati denunciati all’autorità giudiziaria, alla quale dovranno rispondere anche in merito al possesso delle armi.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Mi sembra evidente il coinvolgimento dei committenti: la legge non ammette ignoranza! vedi circolare n. 557/PAS/4935.10089.D(1)REG del 24/03/2011. Violazione art. 140 T.U.L.P.S. eventualmente art. 110 cp

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Sangue sul lungotevere: quattro morti e cinque feriti per incidente in una settimana

  • Politica

    Atac, Ferrovie c'è: "Di fronte ad una gara, pronti a partecipare"

  • Cronaca

    Estorsioni e minacce ai parenti di chi non paga la droga: nuovi guai per Antonio Casamonica

  • Cronaca

    Giallo a Valmontone: uomo trovato morto nel letto di casa. Ipotesi omicidio

I più letti della settimana

  • Schianto sul lungotevere, due morti. Perde la vita lo chef stellato Alessandro Narducci

  • Cassia bis: si getta dal ponte e finisce su furgone in corsa, morta una donna

  • Tragedia sulla via del Mare: auto si scontra con moto e si ribalta, un morto ed tre feriti gravi

  • Ostia: Noemi Carrozza muore in incidente stradale, nuoto italiano sotto choc. Addio a stella del sincro

  • Droga ed estorsioni col metodo mafioso, così "Zio Franco" controllava la zona di Montespaccato

  • Prenestina: provoca incidente, ferisce due bimbe e scappa a piedi. Rintracciato pirata della strada

Torna su
RomaToday è in caricamento