Selva Candida: una serra hi-tech per coltivare marijuana in casa

La scoperta da parte dei carabinieri in un'abitazione in via Capriglio

Una serra di marijuana hi-tech. Siamo nella zona di Selva Candida dove i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma Trionfale hanno arrestato un uomo romano di 40 anni, nullafacente e con precedenti, con l’accusa di traffico illecito di sostanza stupefacente.

I militari, dopo un’attenta attività antidroga, svolta con servizi di osservazione e pedinamento, hanno effettuato un blitz nell’abitazione dell’uomo. La perquisizione personale e domiciliare è scattata quando il 40enne è uscito a piedi dalla propria abitazione, un villino dislocato su due livelli in via Capriglio. 

Nel primo piano dell’abitazione, i militari hanno rinvenuto e sequestrato un involucro contenente alcuni grammi di cocaina, poi all’interno di 2 barattoli, rispettivamente 27 e 39 grammi di marijuana e un altro recipiente in plastica contenente altri 356 grammi della medesima sostanza, 3 bilancini di precisione e materiale vario per il confezionamento e la suddivisione in dosi dello stupefacente. 

Al piano superiore invece i militari hanno scoperto 3 distinte serre per la produzione della marijuana, di colore nero complete di struttura in ferro, oltre a 40 lampade utilizzate per riscaldare le serre, 7 trasformatori di corrente elettrica, 6 aeratori e 6 ventilatori, 3 sensori per il controllo dell’umidità per il riciclo ed il controllo dell’aria all’interno delle serre.

Sei motori artigianali, completi di timer meccanici, si occupavano di irrigazione le piante oltre a 32 contenitori di fertilizzante per lo sviluppo delle piante di droga.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine della lavorazione, dalle piante si sarebbero potute ricavare oltre 6000 dosi. Il pusher è stato portato in caserma e successivamente presso il carcere di Regina Coeli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 3635 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 15 nuovi contagiati: sono 3637 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento