Ostia, blitz negli stabilimenti: sigilli allo Shilling-La Rotonda

Sequestri per "abusi edilizi" nella parte del ristorante. Lo stabilimento di Fabio Balini, già protagonista della questione relativa ai varchi per il libero accesso al mare, è stato sequestrato dalla polizia locale di Ostia

Contestate le zone del ristorante, della discoteca e delle cabine

Sigilli allo stabilimento Shilling-La Rotonda di Ostia. Il lido, gestito da Fabio Balini, è stato analizzato da cima a fondo dagli agenti della Polizia Locale del X Gruppo Mare coordinati dal comandante Antonio Di Maggio. L'intervento è iniziato alle 8:30 di questa mattina. 

ABUSI EDILIZI - Il sequestro sarebbe stato portato avanti per "presunti abusi edilizi". Secondo il rapporto dei vigili la struttura aveva come concessione originale "una superficie di 300 metri quadrati. Ai controlli, le forze dell'ordine hanno riscontrato una estensione in cubatura del locale principale fino a 600 metri quadrati". 

CHIOSCHI E PEDANE - Nella stessa area sono stati costruiti altri locali, "tutti abusivi". Si tratta di "un bar di 24 metri quadrati sovrastato da tettoria, regolarmente attivo. Un altro chiosco/bar di 120 metri quadrati completo di pedanatura in legno con salottini e priveé per circa 750 metri quadrati, posizionato a 8 metri dalla battigia, e ancora altri fabbricati in legno per una estensione di 80 metri quadrati".
 
TUTTO SOTTO SEQUESTRO -
Segnalata anche una estesa pavimentazione in travertino, anzichè poggiata su sabbia, che "era stata posta su massetto in cemento, al posto dell'arenile demaniale protetto". Tutta la struttura dello Shilling-La Rotonda è stata posta sotto sequestro dagli agenti. Verranno ora presi in esame gli atti depositati presso l'Ufficio Tecnico del Municipio per ricostruire la storia dei permessi. 

LA CONCESSIONE - Ma non finisce qui. Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di RomaToday, si starebbe valutando anche l'ipotesi di richiedere la decadenza della concessione dello stabilimento balneare di Fabio Balini, imparentato con Mauro Balini già presidente del Porto di Ostia


 
LE "IRREGOLARITA'" - Lo Shilling-La Rotonda non è nuovo a questo tipo di blitz. Lo scorso aprile Balini aveva contestato, a gran voce (qui il video), l'intervento dell'allora assessore alla legalità del comune di Roma Alfonso Sabella relativo ai varchi al mare. Lo stesso Sabella che ieri ha messo nuovamente l'accento sulle "irregolarità dei 71 stabilimenti di Ostia". 

Secondo diverse indiscrezioni, però, questa volta Balini essendo all'estero non ha potuto contestare, con planimetrie alla mano, l'azione della Polizia. Si preannuncia, tuttavia, una battaglia legale.

I CONTROLLI - Non è però la prima volta che le forze dell'ordine controllano gli stabilimenti balneari. Negli ultimi giorni accertamenti sono stati fatti accertamenti presso gli stabilimenti Tibidabo Beach, Le Dune, il Lido e il V-Lounge. Tranne qualche tettoia fuori norma o qualche passerella di troppo, però, non si era passati al sequestro delle strutture. 

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento