Ostia, abusivismo sulle spiagge: sequestrati 5 mila articoli contraffatti

La tipologia della mercanzia offerta al pubblico bagnante si è modificata in quanto: ad inizio estate gli abusivi vendevano bibite e articoli da mare, ora occhiali e apparecchi elettronici

Occhiali, carica batterie, cover per cellulari, cappelli, altoparlanti e bigiotteria. Oltre cinque mila i pezzi sequestrati. E' questo il bilancio di un blitz degli uomini del X Gruppo Mare della Polizia Locale sulle spiaggie di Ostia. 

Nella lotta contro il commercio abusivo, i caschi bianchi coordinati dal comandante Antonio Di Maggio, hanno effettuato tre cospicui sequestrati a carico di venditori abusivi del Bangladesh. In particolar modo si è notato che la tipologia della mercanzia offerta ai clienti è stata modificata. Se fino alla settimana scorsa era composta di bibite, cibi e abbigliamento da mare con il brutto tempo i venditori abusivi hanno cambiato i loro generi di vendita nel giro di pochi minuti. 

La polizia locale rinnova il suo appello ai possibili acquirenti di evitare di comprare merci che non abbiano garanzie di produzione, conservazione,  tracciabilità, e ,soprattutto, sicurezza per minori e adulti. 

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

  • Le migliori palestre con piscina a Monteverde

I più letti della settimana

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Incendio in via del Cappellaccio: in fiamme deposito di pneumatici, fumo nero tra Eur e Ostiense

  • A Roma per una visita medica, muore investita da camion. "Stava attraversando le strisce"

  • Incidente a San Giovanni: donna investita e uccisa da un camion

  • Autobus in fiamme a piazza Cantù. I testimoni "Abbiamo sentito due esplosioni"

Torna su
RomaToday è in caricamento